Benefici, effetti collaterali, dosaggio e interazioni

0
29

L'olio di CBD è un estratto di Cannabis indica o Cannabis sativa, le stesse piante che, una volta essiccate, producono marijuana. Alcuni credono che l'olio di CBD tratti il ​​dolore, riduca l'ansia e stimoli l'appetito allo stesso modo della marijuana, ma senza i suoi effetti psicoattivi. Il CBD ha anche mostrato risultati promettenti nel trattamento di alcuni tipi di convulsioni.

CBD è il nome breve del cannabidiolo, una delle due sostanze chimiche, tra le dozzine della cannabis, che hanno i maggiori benefici per la salute. L'altro, il tetraidrocannabinolo (THC), è ciò che fa "sballare" le persone. L'olio di CBD generalmente non contiene THC, sebbene alcune tracce possano essere presenti nei prodotti venduti in alcuni stati.

L'olio di CBD contiene CBD miscelato con un olio vettore inerte, come l'olio di cocco o l'olio di semi di canapa. L'olio in bottiglia, chiamato tintura, viene venduto in varie concentrazioni. Ci sono anche capsule di CBD, caramelle gommose al CBD e spray al CBD sotto la lingua.

Verywell / Brianna Gilmartin

Benefici alla salute

L'esatto meccanismo d'azione del CBD non è chiaro. A differenza del THC, il CBD ha un'affinità relativamente bassa per i recettori dei cannabinoidi nel cervello. Queste sono le molecole a cui il THC si lega per suscitare i suoi effetti psicoattivi.

Si pensa invece che il CBD influenzi altri recettori, inclusi i recettori oppioidi che regolano il dolore e i recettori della glicina coinvolti nella regolazione dell'ormone serotonina del "benessere".

I sostenitori affermano che l'olio di CBD può trattare un'ampia varietà di problemi di salute, tra cui:

  • Acne
  • Anoressia
  • Ansia
  • Dolore cronico
  • Depressione
  • Dipendenza da droghe e astinenza
  • Epilessia
  • Glaucoma
  • Ipertensione
  • Insonnia
  • Spasmi muscolari
  • morbo di Parkinson

Nonostante la crescente popolarità dell'uso del CBD, l'olio di CBD rimane estremamente poco studiato. In quanto tali, alcune di queste affermazioni sono meglio supportate dagli studi rispetto ad altre.

Ecco solo alcune di ciò che dicono le prove attuali.

Ansia

Il CBD mostra risultati promettenti nel trattamento dei disturbi d'ansia, suggerisce una revisione degli studi del 2015 sulla rivista Neurotherapeutics. Secondo gli investigatori, il CBD ha dimostrato potenti effetti ansiolitici (alleviare l'ansia) nella ricerca sugli animali, anche se con risultati controintuitivi.

In tutti gli studi tranne pochi, dosi inferiori di CBD (10 milligrammi per chilogrammo, mg / kg o meno) erano in grado di trattare meglio i sintomi dell'ansia. Dosi più elevate (100 mg / kg o più) non hanno mostrato praticamente alcun effetto.

Parte di questa risposta potrebbe essere spiegata dal modo in cui il CBD agisce nel cervello. In molti casi, il CBD funziona come un agonista, il che significa che innesca una risposta opposta quando si lega a un recettore. È possibile che basse dosi possano suscitare una risposta agonista positiva, mentre dosi elevate travolgono il cervello e innescano un effetto compensatorio per combattere gli effetti del CBD.

Tra i pochi studi sull'uomo che hanno valutato gli effetti ansiolitici del CBD ce n'è uno pubblicato sul Brazilian Journal of Psychiatry nel 2019. Per questo studio, a 57 uomini è stato somministrato olio di CBD o un placebo prima di un evento di parlare in pubblico. L'ansia è stata valutata utilizzando misure fisiologiche (come pressione sanguigna, frequenza cardiaca, ecc.) E un test relativamente affidabile per gli stati dell'umore noto come Visual Analog Mood Scale (VAMS).

Secondo gli investigatori, gli uomini che hanno fornito 300 mg di CBD hanno mostrato meno ansia rispetto a quelli a cui è stato somministrato un placebo. È interessante notare che quelli forniti da 100 mg o 600 mg di olio di CBD non lo hanno fatto.

Dipendenza

L'olio di CBD può giovare a chi soffre di tossicodipendenza, suggerisce una revisione del 2015 degli studi pubblicati su Substance Abuse.

In un'analisi di 14 studi pubblicati (nove su animali e cinque su esseri umani), gli scienziati dell'Università di Montreal hanno concluso che il CBD "ha mostrato risultati promettenti" nel trattamento di persone con dipendenza da oppioidi, cocaina o psicostimolanti.

Tuttavia, l'effetto del CBD su ogni tipo di dipendenza era spesso molto diverso. Con la dipendenza da oppioidi, ad esempio, il CBD ha mostrato scarso effetto nel ridurre al minimo i sintomi di astinenza in assenza di THC. Al contrario, il CBD da solo è apparso efficace nel ridurre al minimo i comportamenti di ricerca di droga nei consumatori di cocaina, metanfetamina e altri farmaci psicostimolanti.

Ci sono stati anche suggerimenti che il CBD possa aiutare nel trattamento della dipendenza da cannabis e nicotina. Sono necessarie ulteriori ricerche.

Nevralgia

La marijuana medica viene spesso prescritta a persone con dolore intrattabile (resistente al trattamento), comprese quelle con cancro terminale. Ci sono alcune prove che il CBD contribuisce a questo beneficio.

Secondo uno studio del 2012 sul Journal of Experimental Medicine, i ratti iniettati con sostanze chimiche infiammatorie nelle zampe posteriori hanno sperimentato meno infiammazione e dolore neuropatico se trattati con una dose orale e un'iniezione spinale di CBD.

Gli scienziati ritengono che il CBD riduca il dolore ai nervi legandosi ai recettori della glicina nel cervello che regolano la velocità con cui i segnali nervosi passano tra le cellule nervose.

Mancano studi sull'uomo che valutino l'uso del CBD nel trattamento del dolore cronico. Quelli che esistono quasi invariabilmente includono il THC, rendendo difficile isolare i distinti effetti del CBD.

La salute del cuore

L'olio di CBD può ridurre il rischio di malattie cardiache alleviando l'ipertensione (pressione alta) in alcune persone, suggerisce uno studio del 2017 su JCI Insight.

Per questo studio, nove uomini sani hanno assunto 600 mg di CBD o la stessa dose di un placebo. Secondo il ricercatore, quelli trattati con CBD avevano la pressione sanguigna più bassa prima e dopo l'esposizione a stimoli stressanti (inclusi esercizio o freddo estremo).

Inoltre, la gittata sistolica (la quantità di sangue che rimane nel cuore dopo un battito cardiaco) è stata significativamente ridotta, il che significa che il cuore stava pompando in modo più efficiente.

I risultati suggeriscono che l'olio di CBD può essere una terapia complementare adatta per le persone la cui ipertensione è complicata da stress e ansia. Tuttavia, non ci sono prove che l'olio di CBD possa trattare l'ipertensione da solo o prevenire l'ipertensione nelle persone a rischio. Mentre lo stress è noto per complicare l'ipertensione, non può causare ipertensione.

Convulsioni

Nel giugno 2018, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha approvato Epidiolex, una soluzione orale al CBD utilizzata per il trattamento di alcune rare forme di epilessia nei bambini sotto i 2 anni: sindrome di Dravet e sindrome di Lennox-Gastaut. sono malattie genetiche eccezionalmente rare che causano convulsioni catastrofiche per tutta la vita che iniziano durante il primo anno di vita.

Al di fuori di questi due disturbi, l'efficacia del CBD nel trattamento delle convulsioni è incerta. Anche con Epidiolex, non è chiaro se gli effetti antiepilettici possano essere attribuiti al CBD o ad altri fattori.

Ci sono alcune prove che il CBD interagisce con farmaci per le crisi come Onfi (clobazam) e "aumenta" la loro concentrazione nel sangue. Ciò non solo renderebbe i farmaci più efficaci, ma allungherebbe anche la loro emivita. Sono necessarie ulteriori ricerche.

Possibili effetti collaterali

La ricerca clinica ha dimostrato che l'olio di CBD può innescare effetti collaterali. La gravità e il tipo possono variare da persona a persona. I sintomi comuni includono:

  • Ansia
  • Cambiamenti nell'appetito
  • Cambiamenti di umore
  • Diarrea
  • Vertigini
  • Sonnolenza
  • Bocca asciutta
  • Nausea
  • Vomito

L'olio di CBD può anche aumentare gli enzimi epatici (un marker di infiammazione del fegato). Le persone con malattie del fegato dovrebbero usare l'olio di CBD con cautela, idealmente sotto la cura di un medico che può controllare regolarmente i livelli degli enzimi epatici nel sangue.

L'olio di CBD dovrebbe essere evitato durante la gravidanza e l'allattamento. Uno studio del 2018 dell'American Academy of Pediatrics ha avvertito le donne di evitare la marijuana durante la gravidanza a causa dei potenziali rischi per lo sviluppo di un bambino. Sebbene non sia chiaro come contribuisca il CBD, è noto che il CBD attraversa la barriera placentare.

Se stai pensando di utilizzare l'olio di CBD per trattare una condizione di salute, assicurati di parlare con il tuo medico per assicurarti che sia l'opzione giusta per te.

Poiché alcuni oli di CBD contengono tracce di THC, dovresti evitare di guidare o usare macchinari pesanti quando prendi l'olio di CBD, in particolare quando inizi il trattamento o usi una nuova marca.

Interazioni

L'olio di CBD può interagire con alcuni farmaci, inclusi alcuni farmaci usati per trattare l'epilessia. Il CBD inibisce un enzima chiamato citocromo P450 (CYP450), che alcuni farmaci utilizzano per la metabolizzazione. Interferendo con CYP450, il CBD può aumentare la tossicità o diminuire l'efficacia di questi farmaci.

Le potenziali interazioni farmaco-farmaco con il CBD includono:

  • Farmaci antiaritmici come la chinidina
  • Anticonvulsivanti come Tegretol (carbamazepina) e Trileptal (oxcarbazepina)
  • Farmaci antifungini come Nizoral (ketoconazolo) e Vfend (voriconazolo)
  • Farmaci antipsicotici come Orap (pimozide)
  • Antidepressivi atipici come Remeron (mirtazapina)
  • Sedativi benzodiazepinici come Klonopin (clonazepam) e Halcion (triazolam)
  • Farmaci immunosoppressivi come Sandimmune (ciclosporina)
  • Antibiotici macrolidi come claritromicina e telitromicina
  • Farmaci per l'emicrania come Ergomar (ergotamina)
  • Antidolorifici oppioidi come Duragesic (fentanil) e alfentanil
  • Farmaci a base di rifampicina usati per trattare la tubercolosi

Molte di queste interazioni sono lievi e non richiedono aggiustamenti al trattamento. Altri possono richiedere una sostituzione del farmaco o la separazione delle dosi di diverse ore.

Per evitare interazioni, informa il tuo medico e il farmacista di eventuali farmaci che stai assumendo, siano essi prescritti, da banco, a base di erbe o ricreativi.

Dosaggio e preparazione

Non ci sono linee guida per l'uso appropriato dell'olio di CBD. L'olio di CBD viene solitamente somministrato per via sublinguale (sotto la lingua). La maggior parte degli oli viene venduta in flaconi da 30 millilitri (ml) con tappo contagocce.

Al momento non esiste una dose "corretta" nota di olio di CBD. A seconda di chi parli, la dose giornaliera può variare da 5 mg a 25 mg.

La parte difficile è calcolare la quantità esatta di CBD per millilitro di olio. Alcune tinture hanno concentrazioni di 1.500 mg per 30 ml, mentre altre hanno 3.000 mg per ml (o più).

Come calcolare la dose di CBD

Per determinare una dose esatta di CBD, ricorda che ogni goccia di olio equivale a 0,05 ml di liquido. Ciò significa che una bottiglia da 30 ml di olio di CBD avrà circa 600 gocce. Se la concentrazione della tintura è di 1.500 mg / mL, una goccia conterrebbe 2,5 mg di CBD (1.500 mg ÷ 600 gocce = 2,5 mg).

Per usare l'olio di CBD, metti una o più gocce sotto la lingua e mantieni la dose lì per 30-60 secondi senza deglutire. Capsule e caramelle gommose sono più facili da dosare, anche se tendono ad essere più costose. Gli spray sublinguali al CBD sono usati principalmente per comodità.

Cosa cercare

Gli appassionati di olio di CBD ti diranno di acquistare oli a spettro completo su isolati di CBD. A differenza degli isolati, che contengono solo CBD, gli oli a spettro completo contengono una varietà di composti presenti naturalmente nella pianta di cannabis, tra cui proteine, flavonoidi, terpeni e clorofilla. I professionisti alternativi ritengono che questi composti offrano benefici per la salute più sostanziali, sebbene non vi siano prove chiare di ciò.

Ricorda, poiché gli oli di CBD sono in gran parte non regolamentati, non vi è alcuna garanzia che un prodotto sia sicuro o efficace.

Secondo uno studio del 2017 nel Journal of the American Medical Association, solo il 30,95% dei prodotti CBD venduti online erano etichettati correttamente. La maggior parte conteneva meno CBD di quanto pubblicizzato, mentre il 21,43% aveva quantità significative di THC.

Ecco alcuni suggerimenti per aiutarti a trovare il miglior olio di CBD:

  • Acquista americano. L'olio di CBD prodotto internamente tende ad essere più sicuro a causa di migliori pratiche di coltivazione e raffinazione.
  • Diventa organico. I marchi certificati biologici dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) hanno meno probabilità di esporti a pesticidi e altre sostanze chimiche dannose.
  • Leggi l'etichetta del prodotto. Anche se scegli un olio a spettro completo, non dare per scontato che ogni ingrediente sull'etichetta del prodotto sia naturale. Potrebbero esserci conservanti, aromi o agenti diluenti che non vuoi o non ti servono. Se non riconosci un ingrediente, chiedi al distributore di cosa si tratta o controlla online.

L'olio di CBD e l'olio di canapa sono uguali?

Non necessariamente. Sebbene alcune persone utilizzino i termini come sinonimi, potrebbero anche riferirsi all'olio di semi di canapa, che viene utilizzato principalmente per cucinare, produrre cibo e prodotti per la cura della pelle. L'olio di CBD è composto da foglie, steli, germogli e fiori della pianta di Cannabis indica o Cannabis sativa e dovrebbe contenere meno dello 0,3% di THC. L'olio di canapa è ottenuto dai semi di Cannabis sativa e non contiene TCH.