Come avviare un blog di viaggio passo dopo passo (nel 2021)

0
23

Vorresti avviare un blog di viaggio?

Che sia solo per tenere un diario di viaggio online o perché vuoi davvero entrare nel business del blog di viaggio, creare un blog di viaggio è un compito molto semplice che non richiede alcuna abilità tecnica o di programmazione.

Come te, quando ho iniziato con i blog di viaggio, non avevo assolutamente idea di siti Web e termini come hosting Web o WordPress erano completamente nuovi per me.

Oggi sono passati 4 anni da quando ho creato Against the Compass, periodo in cui sono riuscito a trasformare un semplice sito web di viaggi in un blog di viaggi di successo da cui mi guadagno da vivere.

Qui puoi leggere il mio 6 modi per guadagnare con i blog di viaggio.

E, per questo motivo, spesso mi chiedono consigli su come avviare un blog di viaggio, quindi in questo post, volevo darti una guida dettagliata passo-passo su come crearne uno da zero, oltre a tutti i costi coinvolti.

In questo tutorial passo passo troverai:

  • Scegliere un nome per il tuo blog
  • Scegli il tuo web hosting
  • Installazione di WordPress
  • Iniziare con WordPress
  • Quanto costa creare un blog di viaggio

Come scegliere un nome per il tuo blog di viaggio

Secondo me, questa è la parte più – e unica – difficile dell’avvio di un blog di viaggio.

Ecco alcuni dei miei migliori consigli.

Scegli un nome che riassuma lo scopo del tuo blog di viaggio

Oggi Internet è saturo di migliaia di blog, quindi vuoi davvero scegliere un nome che si distingua dalla massa, idealmente, un nome che definisca il concetto del tuo blog, poiché sarà più facile da ricordare e sarà bello per il tuo marchio personale.

Ma, soprattutto, scegli un nome accattivante

Idealmente, il nome del tuo blog dovrebbe essere correlato al concetto del tuo blog, ma ci sono molti blog di viaggio di successo là fuori con un nome originale.

Ad esempio, pensa Nomadasaurus.

Alesha e Jarryd si concentrano sui viaggi d’avventura, ma il nome del loro blog potrebbe suggerire tante cose. Tuttavia, è molto facile da ricordare e hanno fatto un ottimo lavoro nel comunicare il loro marchio personale.

Entrambi funzioneranno a condizione che tu prenda in considerazione i seguenti suggerimenti:

Sii breve e facile da ricordare

Dai un’occhiata al nome del mio primo blog, myownworldperspective.com. C’erano così tanti problemi con quel nome, uno dei quali era troppo lungo. Mantenerlo breve e semplice non solo sarà più facile da ricordare, ma tieni presente che gli ID dei social media hanno limitazioni di carattere.

Non complicarti, sii semplice

Non utilizzare termini filosofici complicati o parole gergali che potrebbero creare confusione. Altrimenti, dovrai spiegarne il significato ogni volta che qualcuno ti chiede il nome del tuo blog di viaggio.

Pensa a lungo termine

A meno che tu non sia già un viaggiatore senior che desidera chiamare il proprio blog Senior Backpacker, non aggiungere alcun termine correlato all’età nel nome del tuo blog perché nel tempo invecchierai e diventerà inutile. Inoltre, se stai iniziando il tuo viaggio in America Latina, non utilizzare nomi come davidinsouthamerica.com, poiché non vuoi limitarti a questa regione a meno che, ovviamente, non desideri concentrarti esclusivamente su quella specifica destinazione.

Evita parole abusate come nomade, avventuroso o errante

Questi termini erano fantastici tanti anni fa, ma non più.

Non c’è più spazio per Nomadic Johns o Adventurous Jennifers, no grazie.

Questi termini sono stati usati migliaia di volte quindi, se vuoi essere originale, stai alla larga da loro.

Come scegliere il giusto web hosting

Sai cos’è l’hosting web?

Fondamentalmente, il web hosting è un parcheggio per il tuo sito web.

Tutti i dati del tuo sito web devono essere archiviati da qualche parte, che si trova in un server situato in una posizione specifica. Il mio è da qualche parte in Irlanda.

Ci sono, letteralmente, migliaia di società di hosting là fuori, alcune di loro sono orribili, alcune sono fantastiche e Consiglio vivamente HostGator, una delle società di hosting più popolari per i principianti.

Perché Hostgator?

  • Piani di partenza super economici + Buon servizio
  • Anche Ho aperto il mio blog di viaggio con HostGator e, nel complesso, sono rimasto soddisfatto.
  • I lettori di Against the Compass possono ottenere un file sconto esclusivo, $ 2,75 al mese

Nel tempo, tuttavia, una volta che il tuo blog inizia a crescere, potresti voler passare a un host più costoso e dedicato e, nel caso te lo stia chiedendo, sto attualmente con Fonderia delle prestazioni ma non lo consiglierei mai ai principianti, poiché il loro piano più economico parte da 115 USD al mese.

Come iscriversi a Hostgator

È molto semplice e tutto ciò che devi fare è seguire alcuni passaggi molto semplici.

1 – CLICCA QUI per andare alla pagina promozionale principale di HostGator

2 – CLICCA SU Crea subito il tuo sito!

3 – Scegli il tuo piano. Per i principianti, ti consiglio di scegliere quello più economico: Hatchling.

4 – Scegli il tuo dominio (IMPORTANTE). Qui, dovrai vedere se il tuo dominio è disponibile. Se non lo è, ti daranno suggerimenti simili, come puoi vedere quando digiti contro la bussola. Di solito, qualsiasi dominio ha una tariffa annuale ma con HostGator, puoi registrarne 1 gratuitamente.

5 – Scegli il tuo piano di hosting. Devi selezionare quanti mesi in anticipo vuoi pagare. Più mesi paghi, più sarà economico. Ad essere onesti, se hai intenzione di fare sul serio con il blog, acquisterei solo 12-24 mesi, per il semplice motivo che il tuo sito web potrebbe crescere e potresti voler passare a un hosting di qualità superiore prima del previsto. Quando ho iniziato, ho acquistato 36 mesi, ma il mio blog è cresciuto rapidamente e sono passato a un altro hosting dopo 18 mesi, quindi ho perso tutti quei soldi. In ogni caso, è una tua scelta.

6 – Inserisci i tuoi dati personali. Nessun segreto qui.

7 – Aggiungi servizi aggiuntivi. Non acquistare nessuno di questi servizi poiché ne avrai bisogno solo una volta che inizi a diventare più serio con il blog, inoltre ci sono molti plugin che soddisfano queste funzioni.

8 – Prezzo finale e procedere al check out. Ho selezionato 36 mesi e, come puoi vedere, il prezzo è di soli $ 105 per 3 anni interi. Non può davvero essere inferiore a quello per un blog serio.

Come installare WordPress

In termini tecnici, WordPress è un sistema di gestione dei contenuti (CMS) gratuito e open source scritto in PHP, che fondamentalmente si traduce in uno strumento di blogging facile da usare che renderà il tuo viaggio nel blog di viaggio molto fluido.

A proposito, potresti aver sentito parlare di altre piattaforme di blog come Wix o SquareSpace – e ci sono molte altre alternative – ma WordPress è la scelta più intelligente in quanto altri CMS hanno molte limitazioni, inoltre Google ama WordPress di più.

La stragrande maggioranza dei siti web professionali in tutto il mondo è costruita con WordPress.

Comunque.

L’installazione di WordPress sul tuo nuovissimo blog di viaggio richiede solo pochi minuti, poiché è un’opzione predefinita incorporata nel tuo Account hostgator.

Per questo, vai al tuo Portale di HostGator (pannello C), fai clic sull’icona di WordPress e segui le loro semplicissime istruzioni.

Iniziare con WordPress

Dopo aver installato correttamente WordPress, vai su tuonomedominio.com/wp-admin

Inserisci le credenziali che hai creato durante l’installazione di WordPress e voilà, il tuo blog di viaggio è attivo e funzionante.

Ecco come appare la dashboard principale di WordPress:

Sul lato sinistro, hai il menu principale in cui trovi opzioni come la creazione di un nuovo post, la gestione dei tuoi commenti e delle impostazioni.

A questo punto preciso, WordPress si sente abbastanza intimidatorio e ti consiglio di navigare Tutorial per principianti di WordPress su YouTube per iniziare a familiarizzare con tutte le funzioni.

Bastano pochi giorni per comprenderne le funzionalità.

1 – Installazione di un tema per il tuo blog di viaggio

In sostanza, un tema WordPress è un design predefinito per il tuo blog, quindi non è necessario codificarlo da zero.

Tuttavia, la bellezza di WordPress è che la maggior parte dei temi può essere modificata, quindi, se non ti piace un determinato design o funzionalità, è possibile personalizzarlo ma, per questo, avrai bisogno di alcune abilità di programmazione.

Per questo motivo, devi scegliere il tema che più si avvicina al design che hai in mente.

WordPress viene fornito con molti temi GRATUITI ma hanno molte limitazioni.

Se vuoi solo creare un blog di viaggio per tenere un diario di viaggio online, va bene, ma se vuoi entrare seriamente nel blog di viaggio, dovresti acquistare un tema premium, che parte da 30 USD, circa.

I temi premium hanno il vantaggio di poter essere personalizzati, sono più SEO friendly e di solito puoi ottenere l’assistenza clienti dagli sviluppatori del tema

Ci sono migliaia di temi là fuori, ma ho iniziato con il mio blog di viaggio Il 7 di Theme Forest.

Il 7 è un ottimo tema WordPress per principianti, in quanto include così tante funzioni aggiuntive, quindi non hai bisogno di molte capacità di sviluppo per personalizzare e impostare il tuo blog di viaggio, ma ricorda che più funzioni ha il tuo tema, più codice ha, quindi più lento sarà il tuo sito web.

Dopo 18 mesi di creazione del mio blog di viaggio, una volta che il mio sito web ha iniziato a crescere, ho assunto uno sviluppatore che mi ha aiutato a creare un tema più professionale. Per questo, ho pagato circa 1.000 USD.

A proposito, i temi più professionali e SEO-friendly sono quelli di StudioPress.

Se vuoi assumere uno sviluppatore professionista, guarda Upwork e, per i designer, guarda 99designs.

2 – Plugin che devi installare quando crei un blog di viaggio

Questa è una parte importante ed essenziale di WordPress.

Fondamentalmente, un plug-in è un’app di terze parti che fornisce funzionalità aggiuntive.

Alcuni di loro sono gratuiti, mentre altri sono a pagamento.

Ogni sito web richiederà plug-in diversi, ma tieni presente che la maggior parte dei plug-in aggiungerà del codice extra al tuo sito web, il che potrebbe rallentare il tuo sito, quindi scegli con attenzione e non abusare.

Questi sono alcuni dei miei plugin, ne ho 19 in totale:

E, per cominciare, ti consiglio di installare i seguenti:

  • Akismet – Un plugin che filtra i commenti di spam. Una volta che il tuo blog cresce, riceverai centinaia di commenti spam al giorno.
  • Mappe del mondo interattive – Per i blogger di viaggio, questa mappa del mondo cliccabile è essenziale.
  • Kraken Image Optimizer o Imagify – Ridimensiona e ottimizza tutte le tue immagini per prestazioni migliori.
  • Rank Math o Yoast – Plugin SEO che ti aiuta a ottimizzare i post del tuo blog per la Ricerca Google.
  • TinyMCE Advanced – Funzioni di scrittura aggiuntive quando si utilizza l’editor di WordPress per la creazione di post sul blog.
  • WP Rocket – Plugin cache per velocizzare il tuo sito web.

I tuoi plugin cambieranno nel tempo in base alle tue esigenze e alla funzionalità del sito web, poiché alcuni plugin potrebbero causare problemi di incompatibilità con il tuo tema, la versione di WordPress o anche con altri plugin già installati.

3 – Crea le tue pagine principali del blog

Il tuo blog conterrà sia i post del blog che le pagine e la differenza principale tra loro è che le pagine sono statiche, non hanno una data e di solito sono link ai post del blog.

Pagine indispensabili quando si avvia un blog di viaggio:

  • Prima pagina – Questa è la tua pagina di destinazione principale e dovrebbe mostrare chiaramente il concetto del tuo blog e i post più recenti. Una volta che il tuo blog cresce, puoi aggiungere altri contenuti in movimento. Controlla il mio qui.
  • Pagine dei paesi – Per i blog di viaggio, consiglio di avere una pagina di destinazione visibile, in modo che i lettori possano controllare i paesi in cui sei stato. Ciò offre una migliore esperienza utente. Controlla il mio qui.
  • Pagina del blog – Una pagina che contiene tutti i tuoi articoli. Controlla il mio qui.
  • Pagina di contatto – Così le persone possono contattarti. Controlla il mio qui.
  • Su di me – I lettori potrebbero voler sapere non solo di cosa tratta il tuo sito web, ma anche la persona dietro di esso. Controlla il mio qui.
  • Pagina sulla privacy – Legge e materiale sulla privacy dei dati. Puoi trovare modelli online. Controlla il mio qui.

4 – Creare il tuo primo post sul blog di viaggio

Il tuo blog è quasi pronto per essere lanciato e l’unica cosa che ti manca è creare il tuo primo post sul blog.

Di cosa scriverai?

Lascia che ti dica un segreto: non conservo nessuno dei miei primi 20 post del blog, nemmeno uno.

Li ho cancellati o riscritti completamente.

Una volta ho scritto un post sulla visita a un tempio in Myanmar, in cui metà dell’articolo raccontava la storia di una scimmia che mi ha rubato le banane. Dopo mesi di blog, quando ho riletto quell’articolo, l’ho trovato semplicemente ridicolo e mi sono persino vergognato di averlo scritto. Voglio dire, a chi diavolo importa quella storia?

Che tu ci creda o no, questo accade a molti blogger, ma non c’è niente di sbagliato in questo, poiché significa solo che stai migliorando giorno dopo giorno, non solo le tue capacità di scrittura ma anche perché stai cercando di capire quale contenuto fa bene al tuo pubblico e quale no.

Alcuni suggerimenti:

  • Concentrati sul luogo, non su te stesso. A nessuno importa di te, non ancora.
  • Fornisci contenuti utili. Ci sono così tanti contenuti su Internet. Cosa puoi scrivere che voi lettori troverete inestimabile?
  • Essere unico. Non scrivere di qualcosa che è stato scritto mille volte e se lo fai, trova un approccio diverso, fornisci ulteriori informazioni.
  • Scrivi per il tuo pubblico specifico, solo per loro. Ad esempio, se ti concentri sui viaggi economici, non scrivere sul blog del tuo ultimo soggiorno in un hotel a 5 stelle.

5 – Entra sui social media

Non sono il più grande fan dei social media e non mi impegno molto perché preferisco altri aspetti del blog, ma sono ottimi per comunicare il tuo marchio.

  • Facebook – Puoi ottenere un po ‘di traffico aggiuntivo minimo ma oggi, a meno che non investi un po’ di $, Facebook non ti porterà molto lontano. Controlla il mio profilo qui.
  • Instagram – Quando sono in viaggio, sono abbastanza attivo su Instagram Stories e posto qualche foto occasionale. Controlla il mio profilo qui.
  • Pinterest – Questo social network si è evoluto in un motore di ricerca da cui puoi ottenere molto traffico. Controlla il mio profilo qui.
  • Twitter – Non lo uso perché non ho tempo, ma i blogger dicono che è un ottimo strumento di networking.

Quanto costa avviare e creare un blog di viaggio?

In sintesi, questo è quello che spenderai:

  • Web hosting – 105USD, supponendo che tu abbia 36 mesi
  • Tema WordPress (opzionale) – 39USD, supponendo che tu ottenga The 7

Secondo me, questo è un investimento iniziale molto piccolo, supponendo che tu possa davvero trasformarlo in un’attività molto redditizia.

Nel tempo, man mano che il tuo blog e le tue entrate crescono, anche le tue spese aumenteranno, ovviamente, poiché otterrai un hosting più elevato, assumerai freelance per svolgere compiti specifici e acquisterai strumenti che saranno fondamentali per la tua strategia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui