Come essere la calma che desideri vedere nel mondo e perché è importante

0
45

Non possiamo sentirci autorizzati a creare il cambiamento da un luogo di disperazione.

Sono a metà del Monte Rainier quando il cielo inizia a diventare bianco.

Lo vedo avanzare, come la nebbia che copre l’orizzonte, consumando rapidamente le bandiere in lontananza che segnano il sentiero.

Non è tanto un “sentiero” quanto un percorso suggerito su e giù per la montagna innevata per evitare di precipitare giù per i crepacci e dai lati delle scogliere.

Ho fatto molte escursioni, ma non so davvero nulla di alpinismo.

Quando la mia amica Ada mi ha invitato a fare un’escursione a Camp Muir, che è il più alto possibile senza un permesso di arrampicata, non ci ho pensato molto. Essendo una persona molto contraria alla paura, c’erano molte cose a cui avevo detto di no perché avevo paura ed ero stanco di perdere.

Ho acquistato chiodi da neve che potevo attaccare ai miei scarponi da trekking, ho comprato una scaldacollo per cercare di evitare di scottarmi il naso (è una cosa), ho preso in prestito la piccozza di scorta di Ada (cosa ne farei?), Imballata il mio peso in snack e acqua, e ho detto di sì.

Guardando indietro, probabilmente era irresponsabile fare affidamento sulla conoscenza degli altri e scalare questo vulcano innevato senza il mio kit di pronto soccorso, bussola o GPS.

Ma eccoci lì, in piedi nel bel mezzo di un whiteout completo, che è quando le nuvole, la neve e il vento creano condizioni che rendono quasi impossibile vedere cosa c’è di fronte a te.

Poiché abbiamo perso di vista i segnavia, abbiamo fatto affidamento sul seguire i segni di avvio di altri che erano venuti prima di noi. Mi sono rivolto ad Ada sempre preparata, supponendo che ci fosse un piano.

Ho visto che era preoccupata. Abbiamo consultato il suo GPS e abbiamo continuato a muoverci silenziosamente.

Quando abbiamo sentito un rumore in lontananza e gridato, senza ottenere risposta, ho assicurato ad Ada che non era decisamente un orso, solo alcuni escursionisti davanti a noi.

Quando ha detto che aveva paura che i nostri partner, che erano saliti con noi per poter sciare, potessero non essere al sicuro, le ho assicurato che si erano sicuramente tolti gli sci e sono scesi (non l’avevano fatto).

Abbiamo continuato a seguire il punto sul GPS e cercare tracce di avvio e ogni parvenza di sentiero. Potevamo vedere il terreno solo a una trentina di centimetri di fronte a noi.

Nel frattempo, ho condiviso le divagazioni interiori della mia mente e chiacchierato come se fosse qualsiasi altra escursione.

Alla fine siamo emersi da quel biancore freddo, umido, esausto e ridente.

Non posso dire di sapere come sono riuscito a evitare il panico, e sicuramente ho avuto momenti di paura. Indipendentemente da ciò, la mia calma esteriore ha aiutato Ada a rilassarsi e ci ha aiutato entrambi a scendere dalla montagna in sicurezza.

Dalle lezioni di yoga e dagli insegnanti di meditazione, avevo sentito l’idea che prendersi cura della propria pace interiore potrebbe essere utile per gli altri.

Dirigilo a qualcuno bisognoso …

Non pratichiamo per noi stessi, pratichiamo per il mondo …

Si scopre che ciò che molte persone potrebbero liquidare come “corteggiare” è fondato sulla scienza.

Emiliana R. Simon-Thomas, PhD, direttrice scientifica del Greater Good Science Center dell’Università della California, Berkeley, mi dice che l’influenza virale dello stato emotivo di qualcuno sulle persone che incontrano è chiamata “regolazione delle emozioni interpersonali”.

In particolare, si riferisce ai modi in cui regoliamo intenzionalmente le nostre emozioni a beneficio di un gruppo. È stato studiato nel contesto di squadre sportive, leadership sul posto di lavoro, salute mentale e altro ancora.

“Quando le affollate barche dei profughi vietnamiti incontravano tempeste o pirati, se tutti andassero nel panico, tutto sarebbe perduto. Ma se anche una persona sulla barca fosse rimasta calma e concentrata, sarebbe stato sufficiente. Ha mostrato la via per la sopravvivenza di tutti “.

L’effetto è più pronunciato con le interazioni di persona, ma è anche possibile influenzare le emozioni di un altro tramite comunicazioni vocali o video, afferma Simon-Thomas.

Supponiamo che tu riceva una telefonata con qualcuno che sta condividendo una storia del suo dolore. Puoi sentire nella loro voce quanto sono tristi. Questo probabilmente influenzerebbe il tuo stato emotivo in modi misurabili.

“A seconda di come ti relazioni a quell’esperienza, potresti anche sentirti profondamente triste, potresti ricordare le tue esperienze di dolore e perdita e potresti sentire il bisogno di confortarli”, dice.

D’altra parte, se invece di unirti a loro e di precipitarti in una tempesta di dolore con loro, mantieni la calma, avrebbe un effetto diverso.

Potresti invece assicurarli che la loro esperienza è reale, legittima e valida, ma passerà. Potrebbe anche dare loro una sorta di significato fondamentale nella loro vita che va avanti.

La tua capacità di mantenere la calma può effettivamente consentire loro di riprendersi dalla loro difficile esperienza emotiva in un modo costruttivo, afferma Simon-Thomas.

“Quando siamo in grado di mantenere la nostra calma, la nostra stabilità, il nostro equilibrio, diventiamo una fonte di calma, stabilità ed equilibrio per le altre persone che incontriamo nel mondo – e questo è un servizio”, dice.

Una pandemia incontrollata, ingiustizia razziale, divisioni politiche e sociali ed eventi meteorologici estremi sono sufficienti per far desiderare a chiunque di seppellire la testa sotto la sabbia.

Può sembrare Pollyannaish suggerire che la calma dovrebbe essere un obiettivo quando la convergenza di questi eventi è decisamente terrificante. È facile sentirsi tranquilli quando tutto va bene. Il vero lavoro è mantenere quello stato nei momenti difficili.

Inoltre, la ricerca mostra che quando le persone si sentono bene, è più probabile che agiscano sui problemi attuali.

“Essere in grado di gestire lo stress, l’ansia e la preoccupazione, a mio avviso, è davvero lontano dall’essere un’indulgenza”, dice Simon-Thomas. “Perché una volta che siamo lì, una volta che abbiamo le capacità per trovare la calma, per trovare tranquillità, siamo effettivamente in un posto molto migliore per agire.”

Ecco quattro pratiche che possono aiutarti a sviluppare queste abilità.

Dai un nome alle tue emozioni

La prossima volta che ti ritrovi a provare emozioni spiacevoli, prova a fare una pausa e chiediti cosa stai provando. Quindi chiamalo a te stesso con una dichiarazione “io sono”.

Ad esempio, se stai leggendo un articolo sul cambiamento climatico, potrebbe sembrare qualcosa del tipo “Mi sento spaventato. Mi sento arrabbiato. Mi sento davvero triste. ”

“Dare un nome alla tua emozione è un passo verso il recupero dalle intense sensazioni ad essa associate e dalle sensazioni che la circondano”, dice Simon-Thomas.

In uno studio del 2012 sulla rivista Psychological Science, i ricercatori hanno ripetutamente esposto le persone che avevano paura dei ragni a una grande tarantola, prima da una distanza di 5 piedi.

Ad ogni prova, i partecipanti si sono avvicinati sempre di più al ragno, fino a quando alla fine è stato chiesto loro di toccarlo con il dito indice.

Alcuni partecipanti hanno semplicemente svolto questo esercizio come una forma di terapia dell’esposizione, mentre ad altri è stato chiesto di nominare ciò che sentivano intorno al ragno.

Quando i ricercatori hanno misurato i segni biologici della paura, hanno scoperto che tutti hanno beneficiato della terapia di esposizione, ma quelli che hanno chiamato la loro paura e ansia se la sono cavata meglio.

Prova ad allontanarti

Per un ulteriore vantaggio quando dai un nome alle tue emozioni, prova ad assumere una prospettiva in terza persona. Invece di “Mi sento spaventato”, sarebbe “Kristen si sente spaventata”.

La ricerca suggerisce che così facendo puoi aiutarti a prendere una certa distanza dalla tua narrativa.

“Questo fa ancora di più per calmare o diminuire le intense sensazioni o sentimenti che possono far iniziare un’emozione a essere distruttiva o ostacolare la tua capacità di fare qualcosa di significativo o di valore”, dice Simon-Thomas.

Passa un po ‘di tempo ad ammirare l’ambiente circostante

Essere nella natura suscita soggezione, una risposta emotiva alle cose che sembrano vaste e sfidano il tuo senso di ordinarietà, dice Simon-Thomas.

Di conseguenza, le dosi giornaliere della natura possono portare a un miglioramento del benessere e della soddisfazione di vita, secondo uno studio del 2018 sulla rivista Emotion.

“Non deve essere di fronte alle Cascate del Niagara. Puoi semplicemente indirizzare la tua attenzione in modo molto deliberato – per sembrare un po ‘banale – al miracolo della natura che ti circonda in quel momento “, dice Simon-Thomas.

Cose semplici, come la forma delle nuvole o il disegno delle foglie sugli alberi, possono suscitare soggezione se viste con intenzione.

Potresti non solo sentirti meglio, ma di conseguenza potresti diventare una persona migliore.

La ricerca ha scoperto che provare soggezione può farti sentire più connesso con gli altri e più propenso a impegnarti in comportamenti utili e generosi.

Come? Spostare la tua attenzione da te stesso verso qualcosa di più grande può avere il potere di calmare l’ego, rendendoti meno concentrato sulle preoccupazioni auto-orientate.

“Sei improvvisamente parte di questa più grande impresa dell’umanità in questi momenti di soggezione”, dice Simon-Thomas.

Pratica la consapevolezza

Negli ultimi mesi ho trovato rifugio dal mio cervello ansioso attraverso lezioni di yoga virtuali, podcast di consapevolezza, diario e terapia.

Dal momento che il futuro sembra più incerto che mai, fare affidamento su pratiche che mi aiutano a connettermi con il momento presente – un respiro alla volta – aiuta ad alleviare l’ansia per il futuro.

I benefici per la salute delle pratiche di consapevolezza come lo yoga e la meditazione sono ben documentati, dal sollievo dallo stress al miglioramento del sonno e alla riduzione dell’ansia.

La ricerca suggerisce anche che la consapevolezza può aumentare l’empatia. Sviluppare le capacità per osservare cosa sta succedendo nel momento senza giudizio o reazione può aumentare l’auto-compassione, che è uno strumento importante per mettersi nei panni di qualcun altro.

Sfortunatamente, la maggior parte dei centri di yoga e meditazione ha dovuto chiudere i battenti o limitare notevolmente le dimensioni della classe nel tentativo di praticare la distanza fisica. Il vantaggio è che ora sono disponibili più risorse online che mai.

Se sei finanziariamente in grado, pagare per corsi di consapevolezza online può fare molto per sostenere una piccola impresa in questi tempi difficili.

Con l’avvicinarsi delle elezioni e l’inizio di stagioni più fredde e buie, è possibile che abbiamo ancora più avversità davanti a noi.

Sono consapevole che i miei privilegi come donna bianca, impiegata, non disabile, cisgender ed eterosessuale significano che mi verrà risparmiata gran parte dell’impatto diretto. Ma ancora, ho paura.

Si può essere tentati di soccombere all’ansia, di credere che il futuro sia tetro, di etichettare chiunque non abbia le stesse opinioni del nemico e di sentirsi totalmente senza speranza.

Ma il paradosso di provare disperazione per il mondo è che vogliamo che le cose cambino, ma non possiamo sentirci autorizzati a creare il cambiamento da questo luogo.

“Ci sono molte cose che possiamo fare in qualsiasi momento che sono contributi legittimi, anche se non la soluzione, alle sfide che stiamo affrontando”, dice Simon-Thomas.

Cose come indossare una maschera, chiacchierare (a distanza) con uno sconosciuto al supermercato, fermarsi prima di pubblicare qualcosa di odioso sui social media o contattare qualcuno al di fuori della tua camera d’eco sono tutti modi per contribuire al bene superiore.

“Non lo vedremo o non avremo le risorse per agire se siamo consumati da stress, preoccupazione, ansia, disperazione e dolore”, dice.

Mentre continuiamo a muoverci dentro e attraverso questa nuova normalità che stiamo tutti sperimentando, voglio essere ricordato come qualcuno che ha scelto la pace sulla reattività, l’amore sull’odio e la speranza sulla paura.

Non sarà facile, ma credo che possiamo superare il whiteout insieme.

Kristen Domonell è un’editor di Healthline che è appassionata di utilizzare il potere della narrazione per aiutare le persone a vivere le loro vite più sane e allineate. Nel tempo libero le piace fare escursioni, yoga, campeggio e prendersi cura della sua giungla di piante al coperto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui