Come i frullati post-allenamento sono diventati *così* popolari

99

Se ti capita di ritrovarti affamato dopo la lezione nella sede dell’Upper West Side del gigante del fitness boutique Barry’s, sei fortunato, almeno se ti piace un frullato post-allenamento.

Potresti andare alla Juice Press, che è a due isolati dallo studio. Oppure c’è Joe and the Juice, a tre isolati di distanza, o Juice Generation, a quattro isolati di distanza. Oppure, più convenientemente, c’è la barra del carburante interna di Barry, dove puoi ordinare un frullato prima dell’allenamento e averlo pronto per te quando hai finito.

L’alta densità di luoghi per frullati in quei pochi isolati di Manhattan (che contengono anche un Orangetheory, un CorePower Yoga e un Equinox, che ha il suo caffè, compresi i frullati), può sembrare insolita. Ma in realtà, è solo un esempio esagerato del matrimonio decennale tra l’industria del fitness e il frullato post-allenamento. È una connessione così redditizia che l’apertura di punti ristoro vicino alle palestre è letteralmente diventata parte del modello di business della prima.

Allora, in che modo i frullati sono diventati quasi sinonimo di cultura del fitness?

La storia della popolarità del frullato è legata alla storia del fitness stesso. Risale alla metà degli anni ’70, quando l’allenamento stava diventando più comune e le palestre – un tempo scene oscure e scarne di solito esclusive per gli uomini – stavano iniziando a essere commercializzate per le donne. Man mano che più donne iniziavano ad allenarsi, i proprietari di palestre hanno riconosciuto il potenziale dei loro spazi come ambiente sociale, afferma Danielle Friedman, autrice di Let’s Get Physical: How Women Discovered Exercise and Reshaped the World.

Storie correlate

Di conseguenza, le palestre sono diventate centri benessere tentacolari a servizio completo, spesso completi di ristoranti, lounge e juice bar. Questi spazi sono diventati scene per single e opportunità di networking, afferma Friedman: i frequentatori di palestra negli anni ’80 hanno riferito di aver trascorso fino a due ore e mezza in palestra tra socializzare, coccolarsi, fare esercizio e mangiare.

Nel frattempo, il frullato stesso stava prendendo piede: quello che una volta era un articolo di nicchia per lo più consumato da controculturalisti e culturisti californiani stava diventando ampiamente disponibile man mano che la cultura della salute e del fitness si diffondeva, con catene popolari come Smoothie King, che ha aperto nel 1973, e in seguito Tropical Smoothie Cafe, Planet Smoothie e Jamba Juice spuntano in più posti.

Da qualche parte lungo la linea, i frullati hanno superato la loro bevanda sorella, il succo, come offerta tipica della palestra (anche se molti stabilimenti che servono uno servono ancora l’altro), e sebbene la cultura del fitness sia cambiata radicalmente dagli anni ’70 e ’80, il frullato persiste.

Perché le palestre e gli studi sopportano così tanto il frullato post-allenamento

Oggi lo status della palestra come spazio sociale ha vacillato poiché una crescente cultura dell’efficienza ha reso popolare l’allenamento “entra-esci”. Eppure questo cambiamento non ha influito sulla popolarità dei frullati poiché sono fatti su misura per essere presi e portati via, da sorseggiare mentre si è in viaggio verso un’altra destinazione o mentre si torna al lavoro.

Joey Gonzalez, l’amministratore delegato di Barry’s che ha lanciato il Fuel Bar nel 2011 (ora si trova a 77 delle loro 82 sedi), afferma che i frullati che serve sono diventati un modo per i clienti di estendere l’esperienza del Barry al di fuori dello studio, indossando i loro marchi tazze di frullato come un distintivo d’onore per strada, in metropolitana o in ufficio.

In effetti, i frullati possono essere un buon affare per palestre e studi che li servono internamente, almeno secondo le dozzine di articoli del settore che incoraggiano i proprietari di palestre e studi a esplorare questo flusso di entrate. Logisticamente, è un modo per servire un alimento fresco e sostanzioso senza investire in una cucina completa, afferma Natalia Mehlman Petrzela, professore associato di storia alla New School e autrice del prossimo Fit Nation: The Gains and Pains of America’s Exercise Obsession. E in un momento in cui ci sono più opzioni di allenamento a casa che mai, è opportuno che palestre e studi offrano tali servizi che possono essere goduti solo di persona, sottolinea Friedman.

Proprio come è quasi obbligatorio comprare popcorn al cinema, un frullato post-allenamento fa parte dell’esperienza in palestra di persona per molte persone. Questa connessione culturale ha finora resistito alla prova del tempo e alle tendenze in rapida evoluzione sia nel fitness che nell’alimentazione, perché i frullati sono una categoria così malleabile. Sono personalizzabili e possono essere confezionati con integratori e altri ingredienti alla moda. In altre parole, il frullato è molto capiente, dice Petrzela, il che significa che c’è spazio per aggiungere così tanto a loro.

Ma i frullati post-allenamento sono il modo migliore per fare rifornimento?

Nonostante la loro popolarità e ubiquità, i frullati producono una risposta conflittuale tra i dietologi sportivi come alimento di recupero poiché, a seconda dei loro ingredienti, spesso contengono troppo zucchero o non riescono a racchiudere la combinazione di proteine ​​​​e carboidrati necessaria dopo un duro allenamento. Anche un frullato progettato con le giuste sostanze nutritive non può saziarti come possono fare i cibi solidi, afferma la dietista sportiva Amy Stephens, che aggiunge che questo può portare a mangiare troppo nel corso della giornata. D’altra parte, i frullati possono avere il valore due in uno di essere sia idratanti che nutrienti, oltre ad essere molto convenienti.

Personalmente, Petrzela dice di diffidare di qualsiasi alimento che rivendichi l’ottimizzazione come un vantaggio principale o che ha il potenziale per eliminare la funzione sociale del cibo. C’è anche il fatto che gli ingredienti dei frullati sono spesso commercializzati come magici “supercibi”, afferma Emily Contois, professoressa di studi sui media all’Università di Tulsa e autrice di Diners, Dudes, and Diets: How Gender and Power Collide in Food Media and Culture, che è una bandiera rossa a cui prestare attenzione quando si tratta di ricevere consigli nutrizionali, soprattutto nel contesto del fitness.

Ma con gli ingredienti giusti e nel giusto contesto, come in non un sostituto di un pasto reale, Stephens dice che un frullato può essere uno spuntino post-allenamento perfettamente nutriente. Le chiavi del suo successo a lungo termine potrebbero essere le stesse delle chiavi per vedere eventuali guadagni a lungo termine quando si tratta di fitness: praticità e coerenza.