Come rimanere motivati ​​nell’allenamento

73

Una volta che sei arrivato a un allenamento, le endorfine e lo slancio sono in genere i campioni che ti fanno muovere. Ma cosa fai nei momenti in cui non basta? Sai, le volte in cui la prospettiva di completare un’altra ripetizione o correre per un altro miglio sembra come tirare i denti?

La verità è che questi momenti sono in realtà pieni di opportunità per aiutarti a crescere come atleta e come persona.

“C’è un vantaggio nel costruire quella che chiamiamo ‘autoefficacia’, o la convinzione nella tua capacità di fare qualcosa se persisti in quei momenti”, afferma Jamie Shapiro, professore associato di psicologia dello sport all’Università di Denver. “Aiuta a sviluppare la resilienza e anche la fiducia”.

Quindi può valere la pena mentalmente e fisicamente di andare avanti nei momenti in cui vuoi arrenderti. Potrebbe essere più facile a dirsi che a farsi. Ma ci sono strategie che puoi usare per andare avanti quando ti senti stanco o comunque a corto di motivazione. Fondamentalmente, sapere che quei momenti accadranno ed essere preparati è il modo migliore per assicurarti di ottenere l’allenamento che desideri.

“Devi essere proattivo e prepararti per i momenti difficili in anticipo”, afferma Edson Filho, professore associato di psicologia dello sport, dell’esercizio e della performance presso la Boston University.

Filho pensa a strategie da utilizzare in questi momenti come strumenti in una cassetta degli attrezzi che devi raccogliere e imparare a usare nel tempo. Eccone alcuni che potrebbero funzionare per te.

Storie correlate

Fai una conversazione con te stesso

Ignorare la voce che ti dice di fermarti non è la risposta. Invece, riconoscilo e scopri da dove viene. “Puoi avere una conversazione molto produttiva con te stesso sul perché vuoi smettere”, dice Shapiro.

Quello che provi è affaticamento o è il dolore che sta cercando di prevenire lesioni? Se è dolore da infortunio, fermati. Se è fatica, ciò di cui hai bisogno in questo momento è un po’ di gentilezza e compassione e il permesso di chiamarla notte fonda?

“Spingere oltre non è sempre la scelta giusta”, afferma Filho. “C’è un errore di durezza mentale che si sente spesso nello sport. L’errore è che dovresti continuare ad allenarti o giocare anche se sei molto stanco o ferito. La forza mentale è anche sapere quando fermarsi”.

Ma è possibile che tu voglia davvero andare avanti e hai solo bisogno di ricordarti perché ti stai allenando in primo luogo. Il che ci porta al nostro prossimo consiglio…

Connettiti con i tuoi obiettivi

Gli obiettivi alimentano la motivazione necessaria per portarci in palestra o sulla linea di partenza in primo luogo. Riconnettersi con loro può anche aiutarti ad andare avanti quando sei tentato di fermarti.

“Ricorda che la motivazione, i tuoi obiettivi, possono aiutarti a essere persistente in quei momenti in cui hai voglia di arrenderti”, dice Shapiro.

Forse stai cercando di migliorare il tuo chilometraggio, sentirti forte o sviluppare abbastanza resistenza per stare al passo con i tuoi bambini al parco giochi. Shapiro osserva che gli obiettivi differiscono da persona a persona, ma ciò non li rende meno importanti per tutti.

Usa un mantra o una visualizzazione

Attingere a un obiettivo in modo astratto potrebbe essere difficile da fare in questo momento. Un modo per prepararti è tradurre il tuo obiettivo in un mantra o in una visualizzazione. Che si tratti di affermare che ce l’hai o di immaginarti correre come un ghepardo, inizia un allenamento con una breve frase o un’immagine mentale che incapsula ciò che speri di trarne fuori.

Metti su una canzone che ami

Filho spiega che quando iniziamo ad allenarci ad alta intensità in un allenamento, iniziamo naturalmente a prestare maggiore attenzione a ciò che stiamo facendo e alle sensazioni del nostro corpo, il che può rendere più difficile andare avanti. “Chiamiamo questa associazione attentiva”, dice.

Un trucco mentale può essere quello di distrarti. Mettere su una canzone che ami potrebbe darti una scarica di energia e distrarre il tuo cervello dal concentrarsi su ciò che il tuo corpo sta facendo fisicamente.

Lascia andare il perfezionismo

Forse in alcuni allenamenti, l’obiettivo non deve essere quello di finire al massimo livello di prestazioni. A volte, può solo finire. Consenti a te stesso di dare meno di tutto ciò che potresti pensare di avere e probabilmente finirai per muoverti di più che se avessi richiesto la perfezione.

“Gli atleti e gli atleti non si esibiscono sempre al massimo livello”, afferma Filho. “La maggior parte delle volte le persone si esibiscono a quelli che chiamiamo ‘livelli di prestazioni funzionali’. Tuttavia, la maggior parte delle persone pensa di aver sempre bisogno di esibirsi al massimo livello. Il perfezionismo crea molti problemi”.

Cogli l’occasione per riflettere

Se ti ritrovi a sbattere ripetutamente contro un muro durante il tuo allenamento, forse vuoi andare oltre il dialogo interiore coinvolto nel capire la tua motivazione.

“Assicurati che qualsiasi tipo di esercizio o attività fisica che stai facendo si adatti al tuo stile di vita”, afferma Shapiro. “Quando hai quella voce di ‘Non posso proprio farlo’, puoi pensare, c’è un’altra attività che sarebbe meglio per me in questo momento?”

Ricorda, la migliore forma di esercizio è quella che farai. Quindi continua a spingere, ma anche, continua ad ascoltare.

Oh ciao! Sembri una persona che ama gli allenamenti gratuiti, gli sconti per marchi di benessere all’avanguardia e i contenuti esclusivi Well+Good. Iscriviti a Well+la nostra community online di addetti ai lavori del benessere, e sblocca i tuoi premi all’istante.