Come usare lo yoga per la digestione: 3 pose consigliate

281

Lo yoga può aiutare con tanti aspetti del nostro benessere fisico, mentale e spirituale. E questo include la nostra digestione. La pratica dello yoga può ridurre lo stress, che aiuta a regolare l’asse intestino-cervello. C’è anche una ricerca recente che suggerisce che lo yoga potrebbe essere un trattamento correttivo per l’IBS.

E durante le festività natalizie, quando le persone attente al benessere si concedono varie celebrazioni e poi cercano un antidoto yogico, è comune vedere pose che alleviano il gonfiore che si fanno strada nella circolazione. Ma le pose sono solo uno degli otto arti dello yoga. Per abbracciare veramente la pratica, onorare le sue radici e sentirne gli effetti, dobbiamo avvicinarci allo yoga in modo olistico, portando concentrazione e respiro adeguati, ad esempio, a qualsiasi flusso.

L’istruttrice di yoga Sara Sas, RYT, L.Ac., aggiunge anche la digitopressione a questo. Anche un’agopuntore autorizzata e praticante di medicina tradizionale cinese, ha recentemente condiviso con Well + Good che, quando ha a che fare con problemi digestivi, accoppia alcune posizioni yoga con la digitopressione (cioè senza aghi!). Questo le dà un ulteriore impulso di sollievo e supporto digestivo. Qui, condivide i suoi tre go-to.

Contents

1. Posizione antivento (Pawanmuktasana)

  • Sdraiati sulla schiena, inspira ed estendi entrambe le gambe dritte. Espirando, abbraccia le ginocchia al petto usando entrambe le braccia, collegando la parte superiore delle cosce allo stomaco/torace.
  • Fai alcuni respiri profondi in questa posizione, permettendo al tuo corpo di rilassarsi e rilassarsi.
  • Trova il tuo punto di digitopressione (dettagli sotto) e massaggialo per circa un minuto mentre mantieni questa posizione, continuando a respirare profondamente e consapevolmente.
  • Punto di digitopressione: Stomaco 36

    Trovalo: posiziona la mano appena sotto il ginocchio opposto, con il lato dell’indice lungo la base della rotula. All’incirca sulla punta del mignolo, proprio all’esterno della tibia, troverai questo punto di digitopressione che supporta la digestione.

    Storie correlate

    Perché funziona:

    “Di per sé, Pawanmuktasana è una posa ideale per alleviare il gas e il gonfiore, poiché aiuta a espellere l’aria intrappolata nel tratto digestivo”, afferma Sas. “La combinazione di questo con la digitopressione nel punto di comando dell’addome, secondo la medicina tradizionale cinese, avvantaggia lo stomaco e la milza aiutando con il nutrimento della digestione, regolando l’intestino ed espellendo il gas del vento. È un vantaggio per tutti.

    2. Posizione della dea (Utkata Konasana)

  • Con i piedi più larghi della distanza dei fianchi, gira le dita dei piedi verso l’esterno. (Pensa: sumo squat o grand plié di seconda posizione)
  • Affondare in uno squat, piegando leggermente il coccige, mantenendo una rotazione esterna con le cosce. Blocca i muscoli addominali e mantieni una colonna vertebrale eretta con le scapole rilassate.
  • Solleva i talloni, caricando il peso sulle punte dei piedi.
  • Abbassare i talloni, spostando il peso nella parte posteriore dei piedi per sollevare le dita dei piedi.
  • Cerniera in vita per afferrare sotto le dita dei piedi e stimolare i punti di pressione (vedi sotto per individuare). Puoi farlo uno alla volta.
  • Ripeti il ​​​​sollevamento e l’abbassamento dei talloni, concentrando la tua attenzione sul punto di digitopressione.
  • Termina con i piedi appoggiati a terra.
  • Punto di digitopressione: Rene 1

    Trovalo: “Questo punto è fondamentalmente il centro della pianta del piede”, afferma Sas. (Pensa più alla parte inferiore dei tuoi metatarsi, piuttosto che alla parte inferiore del tuo arco.)

    Perché funziona:

    “La posa della dea aiuta a generare calore in tutto il corpo e l’aumento della circolazione può aiutare la digestione”, afferma Sas. L’aggiunta del massaggio di digitopressione del rene 1 può aiutarti a centrarti. “Respira profondamente, invia energia ai tuoi piedi per provare un senso di radicamento, sostegno e forza”, afferma Sas. “Quando siamo radicati e centrati, la nostra digestione è supportata”. È vero anche il contrario: quando siamo stressati, la nostra digestione prende un pedaggio.

    3. Torsione facile da seduti (Parivrtta Sukhasana)

  • Seduto in posizione a gambe incrociate, con la colonna vertebrale dritta e la corona della testa protesa verso il cielo, porta la mano sinistra al ginocchio destro.
  • Mantenendo la colonna vertebrale dritta, ruota a destra, posizionando la mano destra dietro di te sul pavimento, vicino all’anca. Assicurati di non andare troppo lontano e perdere la postura.
  • Guarda oltre la tua spalla destra e respira profondamente nella torsione.
  • In questa posizione, localizzare e massaggiare il punto di agopuntura con la mano sinistra (posizione dettagliata di seguito).
  • Cambia la tua posizione a gambe incrociate (se la gamba destra era in alto, porta la sinistra in alto) e ripeti questo esercizio sul lato opposto, assicurandoti di continuare a respirare profondamente.
  • Punto di digitopressione: Milza 21

    Trovalo: “Questo punto si chiama ‘Il grande abbraccio’ e si trova sul lato della gabbia toracica”, dice Sas. “Può essere facilmente stimolato durante una torsione della colonna vertebrale da seduto mentre ti abbracci.”

    Perché funziona:

    Le pose di torsione sono scelte popolari per la salute dell’apparato digerente e per una buona ragione: torcere il busto aiuta a stimolare gli organi digestivi.

    Con una semplice torsione seduta, specialmente quando inizi con una rotazione a destra, massaggierai il colon ascendente e poi il colon discendente mentre ti giri a sinistra, aiutando a “spostare le cose”, come si suol dire. L’aggiunta di un po’ di digitopressione rafforza questo effetto. “La milza 21 muove il Qi [energy] e sangue”, spiega Sas. “Questo trasforma la stagnazione nel corpo, specialmente attorno al diaframma, che [according to TCM] aiuta con una migliore digestione.