Conversazioni efficaci sui vaccini si basano sulla comunicazione aperta

0
34

Con il manifestarsi dei recenti focolai di morbillo negli Stati Uniti – una malattia che era stata dichiarata eliminata ma che ora sta facendo una spaventosa rinascita – il dibattito acceso sulla vaccinazione dei bambini è ora di nuovo al centro e al centro.

La scienza alla base dei vaccini è abbondantemente chiara: sono sicuri, efficaci ed essenziali. Tuttavia, molti si sentono ancora scettici.

Quindi, abbiamo intervistato 1.000 persone per comprendere meglio la conversazione sui vaccini e come – e se – gioca un ruolo nel decidere se le persone scelgono di vaccinare i propri figli.

Riepilogo dei risultati chiave

  • La vaccinazione è il # 1 fonte di disaccordo relativa alla salute tra amici, familiari e persone care quando si discute di questioni importanti.
  • 1 su 5 non sono d'accordo sui vaccini.
  • Mentre le persone parlano di vaccini con più persone nella loro vita, 60% di queste conversazioni avvengono tra partner e familiari e 63% tra amici.
  • 1 su 5 rimangono completamente passivi nelle loro conversazioni sui vaccini.
  • 52% delle persone sceglie di ascoltare solo le opinioni degli altri sui vaccini e di inserire le proprie solo se ne ha voglia.
  • 65% delle persone non ha successo o influenza sulle discussioni relative ai vaccini.
  • Le persone che cercano aiuto su come parlare di vaccini sono quasi due volte più probabile avere un impatto positivo.
  • Quelli che si concentrano su come comunicano sono 14% di probabilità in più per vedere un risultato positivo.

Un argomento rilevante per tutti

Potresti aver pensato che vaccinare o meno tuo figlio fosse una conversazione dei giorni passati, ma 1 americano su 5 ha attualmente disaccordi sull'argomento. In effetti, la vaccinazione è la principale fonte di disaccordo sulla salute tra amici, familiari e persone care quando si discute di questioni urgenti.

E non sono solo le famiglie che accolgono neonati o crescono bambini piccoli a discutere di vaccini. Sì, il 60% di queste conversazioni avviene tra partner e familiari. Ma un inaspettato 63% di queste conversazioni avviene tra amici.

Inoltre, quasi il 72% parla di vaccini con una o due persone nella vita e il 16% con più di cinque persone. In fondo, tutti parlano di vaccini!

È tutto nell'approccio

Ma esattamente come ne parlano le persone? E il modo in cui affrontano la discussione influisce sul suo esito?

Di coloro che conversano sui vaccini, più della metà (52%) prende un posto in secondo piano, scegliendo semplicemente di ascoltare le opinioni degli altri e inserire le loro dove e se ne hanno voglia. Inoltre, 1 su 5 rimane completamente apatico riguardo all'argomento e sceglie di ascoltare o abbandonare completamente la conversazione.

Se l'obiettivo è dissipare qualsiasi falsa affermazione sulla salute e promuovere la vaccinazione tra gli scettici, l'America sta fallendo. In effetti, il 65% delle persone non ha successo o influenza nel cambiare la direzione di queste discussioni, il che non sorprende dato il loro approccio passivo.

La comunicazione è fondamentale

Ma questo non significa che dovremmo arrenderci. Fare un piccolo sforzo in più può produrre risultati straordinari.

In effetti, le persone che cercavano strumenti e consigli su come parlare di vaccini avevano quasi il doppio delle probabilità di avere un impatto positivo sulla persona con cui stavano parlando. Hanno anche riferito di sentirsi più preparati durante la discussione.

Ma questa non è carta bianca per entrare e solo abbaiare statistiche e vomitare ricerche. I fatti non sempre aiutano. Quasi la metà (48%) degli intervistati che si considerano ben informati sui vaccini ha affermato di aver avuto un impatto negativo, o addirittura nessun impatto, sulla conversazione.

Dobbiamo ricordare che la decisione di vaccinare un bambino è profondamente radicata nell'emozione e una sensibilità a questo è un must. E coloro che si concentrano e danno la priorità al modo in cui comunicano hanno il 14% di probabilità in più di vedere un esito positivo del loro disaccordo. Il vecchio adagio suona ancora vero: non è solo quello che dici, ma come lo dici.

Metodologia del sondaggio

Questo sondaggio è stato condotto da un partner di ricerca di terze parti, Brandish Insights, a un campione rappresentativo a livello nazionale utilizzando una piattaforma di sondaggio solo per dispositivi mobili. La pulizia dei dati e l'analisi statistica sono state eseguite utilizzando Excel. La visualizzazione dei dati è stata eseguita utilizzando Datawrapper.

Demografia

Dei nostri intervistati totali:

  • 50% identificato come donna; 50% di sesso maschile
  • Il 5% degli intervistati era 18-24; Il 16% era 25-34; Il 17% era 35-44; Il 18% era 45-54; Il 44% aveva più di 54 anni
  • 61% identificato come bianco
  • Il 58% erano genitori
  • Il 22% proveniva dal Midwest; 23% dall'Ovest; 38% da Sud; 18% dal Nordest

Limitazioni

Sebbene i nostri intervistati siano stati molto generosi con i loro pensieri ed esperienze, abbiamo dovuto affrontare limiti standard nella produzione di questa ricerca. Ad esempio, tutti i sondaggi amministrati in remoto devono affrontare errori di autovalutazione, errori di interpretazione e possono avere problemi a catturare il contesto per i risultati.

Come è tipico nella ricerca basata su sondaggi, alcuni intervistati hanno anche mostrato alcune incongruenze nelle loro risposte. Tali intervistati sono stati rimossi per garantire risultati di qualità.

Inoltre, la stessa piattaforma di sondaggi solo per dispositivi mobili presentava alcune limitazioni. Ad esempio, una domanda a matrice ha prodotto risposte incoerenti ed è stata quindi omessa dal report finale.

Contattaci

Se desideri contattare il team Verywell per ulteriori informazioni su questo sondaggio, invia un'email a survey@verywell.com.