Cos’è il discorso telegrafico? Esempi, frasi, età, altro

312

Il tuo bambino ti ha ascoltato parlare dai suoi giorni nel tuo grembo. Poi arriva il grande giorno in cui ti copiano e iniziano a dire singole parole e persino a mettere insieme un paio di parole.

Gli esperti di sviluppo del linguaggio chiamano questo accoppiamento iniziale di parole discorso telegrafico.

Più di 100 anni fa, quando inviare un telegrafo era costoso, soppesavi attentamente le tue parole per assicurarti che le tue frasi includessero solo le cose importanti.

Il tuo bambino geniale sta essenzialmente facendo la stessa cosa: eliminare il fluff ma trasmettere il messaggio. In genere, le frasi contengono solo due o tre parole.

Ecco alcune importanti caratteristiche del discorso telegrafico:

  • Le parole sono nell’ordine corretto.
  • Vengono utilizzate solo le parole più importanti (di solito un nome e un verbo o un aggettivo e un nome).
  • Mancano costruzioni grammaticali, come prefissi, congiunzioni, preposizioni, pronomi e parole di domanda.
  • Mancano suffissi come il gerundio “ing”, così come il plurale “s”.

I mattinieri inizieranno a usare il discorso telegrafico tra i 16 ei 18 mesi. Tuttavia, è più comune che i bambini tra i 18 e i 24 mesi inizino a mettere insieme frasi di due parole.

Tra i 2 ei 2 anni e mezzo, i bambini passeranno al discorso telegrafico di tre parole.

I bambini sviluppano abilità linguistiche a ritmi variabili, quindi resisti alla tentazione di confrontare il tuo bambino con il bambino in fila con il genitore alla cassa. Inoltre, la ricerca mostra che il linguaggio delle ragazze si sviluppa in genere più velocemente di quello dei ragazzi: in media, a 16 mesi, le ragazze hanno un vocabolario di 95 parole, mentre i ragazzi hanno un vocabolario di 25 parole.

Le abilità linguistiche sono essenziali per comunicare sentimenti, pensare e risolvere problemi, sviluppare relazioni e alla fine trovare un lavoro (sì, può sembrare lontano anni luce). Il linguaggio telegrafico, uno dei primi passi dello sviluppo del linguaggio, aiuta tuo figlio a fare quanto segue:

  • comunicare pensieri e sentimenti, evitando così la frustrazione
  • condividere le loro esperienze
  • sperimentare con la struttura della frase

Poche cose sono paragonabili all’emozione di comunicare con tuo figlio. Questo traguardo significativo è quando tuo figlio inizia a condividere il suo mondo. Potresti sentire cose come:

  • mamma si sieda
  • papà aggiustalo
  • Joe affamato
  • più cookie
  • dove paci
  • grande cagnolino

Incoraggiare il linguaggio telegrafico è un’attività divertente per te e tuo figlio, soprattutto quando eserciti la pazienza. Usa questi tre semplici passaggi:

  • Guarda tuo figlio per vedere cosa gli interessa.
  • Dimostra che anche tu sei interessato (ciò che è importante per te è importante per me).
  • Aspetta senza parlare nel caso volessero dire qualcosa.

Modella la lingua corretta

Quando parli, usa i modelli linguistici corretti, non il discorso telegrafico. La ricerca mostra che i modelli corretti aiutano i bambini a sviluppare abilità linguistiche, poiché includono spunti su grammatica, sintassi, stress e ritmo. Tuo figlio usa questi segnali per capire cosa sta ascoltando.

Può essere difficile da credere, ma quando tuo figlio sente la parola “il”, imparerà che ciò che viene dopo è un sostantivo. “Stai leggendo il libro” trasmette più informazioni a tuo figlio rispetto a “Leggi il libro”.

Usa i gesti

Non nascondere le tue capacità di recitazione. La ricerca suggerisce che i gesti sono all’avanguardia nello sviluppo del linguaggio precoce.

In genere, i bambini usano i gesti prima di pronunciare le parole, quindi usano una combinazione di parole e gesti. Pensa ai gesti come trampolini di lancio verso costruzioni linguistiche sempre più complesse. Quando porti le dita alla bocca e dici: “Sto mangiando un biscotto”, dai a tuo figlio un segnale sia visivo che uditivo.

Organizza attività divertenti

  • Descrivi cosa fai durante la giornata lavando i piatti, facendo una passeggiata e facendo il bagno al tuo bambino.
  • Quando dividi il bucato, sostieni ogni capo e chiedi a tuo figlio cosa hai in mano. Chiedi loro di dire a chi appartiene l’oggetto e di cosa si tratta. Ad esempio, “Camicia della mamma”.
  • Quando giochi con mattoncini o animali giocattolo, parla di quello che stai facendo e ripeti le parole che vuoi insegnare. Inizia con una nuova parola per attività. Man mano che tuo figlio cresce, puoi aggiungerne altri. Ad esempio, “Mettiamo il leone in un angolo. Dov’è il leone? È un grande leone? “
  • Quando leggi una storia a tuo figlio, fermati e fai domande. Ad esempio, “Chi è seduto sulla sedia?” Tuo figlio potrebbe darti risposte telegrafiche, come “Ragazzo seduto”. Se non lo fanno, dai loro la risposta. Presto tuo figlio farà le domande da solo!

Il discorso telegrafico di due o tre parole è un passo per imparare a parlare, leggere e scrivere. Potresti notare che il loro discorso si sviluppa a scatti piuttosto che su un continuum costante – e va bene.

Tra i 2 ei 3 anni, tuo figlio inizierà ad aggiungere più parole alle sue frasi. Puoi incoraggiarli espandendo ciò che dicono. Ad esempio, quando dicono “Benny feed dog”, puoi dire: “Stai dando da mangiare al cane. Il cane ha fame. ” Guarda quanto velocemente tuo figlio capisce e inizia a usare le regole grammaticali.

Quando parla, tuo figlio utilizza più aree cerebrali e complessi processi cognitivi e motori. Non sorprende che occorrono anni per costruire un sistema completo.

I primi tentativi del discorso telegrafico gettano le basi per tante altre conversazioni divertenti.