Definizione, segni, cause e altro

0
78

Il termine coniato abbastanza di recente "echoism" deriva dal mito greco di Eco e Narciso, che è anche il luogo in cui si ottiene il termine "narcisismo".

Maledetta dalla dea Era, la ninfa Echo non può più parlare da sola, si limita a ripetere le ultime parole di ciò che le dicono gli altri.

Comincia a perdere il senso di sé insieme alla voce, quindi si nasconde nel profondo della sua foresta – finché un bellissimo giovane uomo entra nella foresta e chiede: "C'è qualcuno qui?"

Eccitata, lei richiama: "Qui!" e gli corre incontro.

Perdendo la sua capacità di interagire e condividere i suoi pensieri, tuttavia, Echo stessa inizia a svanire. Narciso la rifiuta e la lascia nella foresta, dove la sua identità e forza vitale continuano a scorrere via.

Come Echo, le persone con echi hanno difficoltà a esprimersi. Si preoccupano di sembrare bisognosi e potrebbero non avere un'identità personale definita o desideri chiari. Quindi, spesso sembrano contenti di supportare semplicemente gli altri.

L'eco si trova all'estremità dello spettro del narcisismo. Nel mezzo, troverai persone con quelli che gli esperti considerano livelli sani di narcisismo (è vero – il narcisismo non è sempre la forza del male che si dice essere). Dall'altra parte, troverai persone che soddisfano i criteri per il disturbo narcisistico di personalità (NPD).

Lo psicologo Craig Malkin, che discute dell'ecoismo nel suo libro del 2015, "Rethinking Narcissism", lo descrive come una mancanza di sano narcisismo.

La maggior parte delle persone desidera un po 'di attenzione da parte degli altri e crede di avere alcuni tratti unici che le rendono leggermente più speciali della persona media.

Non c'è niente di sbagliato nel sentirsi un po 'speciali e sperare di ricevere amore e affetto. Questi sentimenti potrebbero anche aiutare:

L'eco, d'altra parte, è quando non senti questo senso di particolarità.

Le persone con alti livelli di eco potrebbero:

  • temere la lode
  • rifiutare attivamente l'attenzione
  • fare ogni sforzo per evitare di gravare sugli altri
  • concentrarsi sulla soddisfazione dei bisogni degli altri per evitare di considerare i propri
  • credere che seguire ciò che vogliono gli altri aiuterà a salvaguardare il loro affetto
  • hanno difficoltà a creare confini o affermare bisogni
  • credere che esprimere opinioni o bisogni possa portare a una perdita di amore
  • assumersi un sacco di auto-colpa e criticare se stessi regolarmente
  • hanno problemi a riconoscere simpatie e antipatie
  • evitare a tutti i costi di sembrare alla ricerca di attenzioni o egoisti
  • chiedere molto poco agli altri
  • avere un'elevata empatia

Poiché le persone che tendono maggiormente al narcisismo hanno un forte bisogno di ammirazione e riconoscimento, spesso possono finire in relazioni con persone con eco.

Ciò offre all'Eco nella relazione un modo (solitamente malsano) per fornire questa attenzione senza essere messi sotto i riflettori stessi.

Echoismo vs codipendenza

Questo tratto viene spesso confuso con la codipendenza, i comportamenti abilitanti o una personalità passiva, ma l'eco è più complesso.

Le persone con eco sono spesso tutt'altro che passive, specialmente se selezionate per l'attenzione che preferirebbero evitare. Possono impegnarsi molto per incoraggiare gli altri ad aprirsi e condividere le loro lotte.

Tuttavia, sebbene tendano ad essere abili nell'ascolto, non cercheranno necessariamente di guidare o prendere il controllo delle azioni di qualcuno, come si vede con la codipendenza.

L'ecoismo è visto come un meccanismo di coping, uno strumento usato per sopravvivere quando impari che i tuoi bisogni e gli obiettivi personali disturbano gli altri. La paura di perdere la considerazione positiva può lasciarti con un profondo bisogno di concentrarti sugli altri in modo che continuino a offrire l'approvazione.

Come con molti altri meccanismi di coping, l'ecoismo ha forti legami con la tua esperienza con i tuoi genitori o tutori da bambino.

Genitori con tratti narcisistici

L'ecoismo emerge spesso come risultato della genitorialità narcisistica.

La terapeuta Donna Savery, autrice di "Echoism: The Silenced Response to Narcissism", suggerisce che l'ecoismo è un aspetto di ciò che lei definisce il complesso narcisistico eco.

Negli anni di lavoro con clienti con tratti ecologici, ha scoperto che la maggior parte di loro aveva un genitore narcisistico. Ha anche notato che tendevano a perseguire relazioni con partner che avevano anche il narcisismo.

Lo schema che si manifesta in queste relazioni può sembrare familiare, persino al sicuro, a coloro che hanno imparato da tempo a non discutere i propri bisogni o cercare attenzione.

I genitori che hanno tratti di eco possono scoraggiare i loro figli dal desiderare troppo per se stessi.

È perfettamente ragionevole che i genitori mettano in guardia i propri figli dall'arroganza e dall'eccessiva vanteria. I genitori che criticano i loro figli per i sogni o per essere orgogliosi dei loro risultati, tuttavia, possono finire per promuovere lo sviluppo dell'eco.

Genitori che hanno difficoltà con la regolazione emotiva

Se i tuoi genitori hanno faticato a regolare le loro emozioni, potresti aver imparato a sostenerli attraverso la loro angoscia, anche in giovane età, calmandoli o rafforzando il loro senso di autostima. Soddisfare i loro bisogni ti ha lasciato poco spazio per esprimere il tuo, quindi alla fine hai perso il contatto con ciò che una volta volevi per te stesso.

Potresti esserti preoccupato che chiedere qualcosa avrebbe ulteriormente turbato il tuo genitore. Di conseguenza, hai fatto tutto il possibile per evitare di appesantirli, anche se ciò significava che i tuoi bisogni di base non venivano soddisfatti.

Gli esperti non considerano l'ecoismo una condizione di salute mentale o un disturbo della personalità, a differenza dell'NPD. Tuttavia l'ecoismo può avere un impatto significativo sulla salute mentale, sul benessere emotivo e sulla capacità di costruire e mantenere relazioni sane.

Vale anche la pena notare che non ricevere un'attenzione positiva può contribuire alla solitudine, all'isolamento e alla depressione.

Non sentirsi affatto speciali o unici può anche:

  • sminuire il tuo senso di sé
  • impedirti di sviluppare e raggiungere obiettivi
  • condurre a una vita senza scopo

Ecco alcuni suggerimenti per iniziare a lavorare sui tratti dell'eco.

Identifica come l'ecoismo si manifesta nella tua vita

Notare come l'ecoismo si manifesta nel tuo comportamento può aiutarti a iniziare ad affrontarlo.

Ti senti terrorizzato all'idea di allontanare le persone chiedendo aiuto? Forse eviti di prestare attenzione al punto in cui è difficile condividere opinioni anche al lavoro oa scuola, luoghi in cui ci si aspetta che ti esprima.

O forse rifiuti le offerte di sostegno, anche quando ne hai bisogno, perché non vuoi alienare le persone della tua vita chiedendo troppo.

Considera anche i tratti che gli altri lodano. Forse i tuoi cari commentano regolarmente quanto sei utile o ti ringraziano per aver sempre dedicato del tempo ad ascoltare i loro problemi.

Potresti anche notare alcuni schemi nelle relazioni fallite. Se rifiuti regolarmente l'attenzione e gesti gentili, le persone che ti vogliono bene potrebbero sentirsi confuse, persino ferite e alla fine allontanarsi.

Allontanati dall'auto-colpa

Quando le cose vanno male, ti prendi la colpa?

In tal caso, alcune di queste frasi potrebbero suonare familiari:

  • "Non avrei dovuto chiedere aiuto."
  • "Se dico loro come mi sento, li farò sentire peggio."
  • "Sono arrabbiato solo perché sono troppo sensibile."
  • "Non avremmo discusso se non mi fossi lamentato di come mi sentivo. Non avrei dovuto dire niente. "

Incolpare te stesso è solo un altro modo per evitare di esprimere i tuoi bisogni. In fondo, potresti sentirti come se non dovessi nemmeno avere desideri tuoi, tanto meno esprimerli. Quando non puoi fare a meno di farlo, finisci per trovare da ridire su te stesso per evitare di sentirti triste o pentito che i tuoi bisogni continuino a rimanere insoddisfatti.

Invece di cercare i tuoi errori, cerca di individuare i tuoi veri sentimenti, sia che si tratti di rabbia, delusione o paura. Potrebbe volerci del tempo prima che ti senta a tuo agio a condividerli con gli altri, ma va bene così.

Potresti pensare:

  • "È colpa mia se non gli piaccio più."

Quando intendi davvero:

  • "Mi sento frustrato perché voglio che i miei amici si preoccupino di come sto, ma temo che parlare dei miei problemi mi farà sembrare troppo bisognoso."

Costruisci e rafforza relazioni di supporto

Se hai avuto alcune relazioni con persone che tendono verso l'estremità superiore dello spettro del narcisismo, probabilmente non hai avuto molto spazio per esplorare la tua identità o le tue opinioni personali.

Continuare a sviluppare relazioni tossiche con persone che hanno tratti narcisistici può lasciarti isolato e impedirti di imparare come esprimere pensieri e sentimenti in modo produttivo.

Mettere energia nelle amicizie con persone che ti incoraggiano a condividere sentimenti e bisogni e ad esprimerti come un individuo unico potrebbe aiutarti a rompere l'abitudine di negare te stesso.

Prova un'espressione creativa

Potresti trovare difficile aprirti all'improvviso dopo anni passati a nascondere il più possibile i tuoi sentimenti. È del tutto comprensibile. Esprimersi prima in modi più privati ​​può aiutarti ad aumentare il tuo livello di comfort con le tue esigenze.

Un diario, ad esempio, può essere un ottimo modo per entrare in contatto con le tue emozioni. Potresti anche provare a usarlo in questo momento per annotare le reazioni che sembrano troppo opprimenti da dire ad alta voce. Questo ti dà la possibilità di esplorarli più a fondo in seguito.

Anche gli sbocchi artistici, come la pittura, la poesia o la musica, possono aiutarti a esprimere emozioni difficili o complicate.

Parla con un terapista

Poiché l'ecoismo si riferisce tipicamente a modelli di comportamento di vecchia data, è spesso difficile affrontarlo senza il supporto di professionisti.

Trovare un terapeuta specializzato nel supportare le persone con tratti di eco può rivelarsi alquanto difficile, ma i terapisti che trattano il narcisismo e altri disturbi della personalità avranno in genere una certa conoscenza di questo concetto.

Un terapista che comprende NPD può anche offrire supporto con la guarigione dall'abuso narcisistico.

Comunicando onestamente le tue esperienze, puoi aiutare il tuo terapeuta a fornirti il ​​trattamento più utile per te. Fai attenzione a menzionare eventuali schemi o sentimenti che hai notato, tra cui:

  • auto-colpa
  • difficoltà nell'esprimere i bisogni
  • rabbia quando le persone cercano di fare cose per te
  • depressione, ansia o solitudine
  • paura di presentarti come speciale o degno di lode
  • conflitto di relazione

In terapia, puoi iniziare a lavorare su abilità sane per combattere queste tendenze, inclusa la definizione dei confini e la comunicazione assertiva.

Un'eco è una cosa senza forma. A differenza di te, non ha forma, corpo o bisogni propri.

Ogni persona merita l'opportunità di esprimere bisogni primari ed emotivi e cercare supporto dagli altri senza temere il rifiuto. Potrebbe volerci del tempo prima che ti sembri naturale o comodo, ma con la pratica e il supporto professionale può succedere.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui