Differenze tra raffreddore ed influenza e come curarle

119

In un anno tipico, la stagione influenzale si verifica dall’autunno all’inizio della primavera e con essa arrivano tiri su col naso, starnuti, tosse, affaticamento e tutti gli orpelli familiari dell’influenza.

La gravità della malattia varia a seconda della persona, ma la pandemia COVID-19 presta una nuova urgenza per proteggerci mentre entrambi questi virus aumentano nei prossimi mesi.

I vaccini antinfluenzali sono sempre importanti, ma quest’anno lo sono ancora di più per proteggere la popolazione, e in particolare i gruppi vulnerabili, dall’influenza mentre COVID-19 è ancora una minaccia.

Il comune raffreddore e l’influenza possono sembrare simili all’inizio. Sono entrambe malattie respiratorie e possono causare sintomi simili. Ma virus diversi causano queste due condizioni.

I tuoi sintomi possono aiutarti a capire la differenza tra loro.

Sia il raffreddore che l’influenza condividono alcuni sintomi comuni. Le persone con entrambe le malattie spesso sperimentano:

  • naso che cola o chiuso
  • starnuti
  • dolori muscolari
  • stanchezza generale

Di regola, i sintomi dell’influenza sono più gravi dei sintomi del raffreddore.

Un’altra netta differenza tra i due è quanto siano seri. I raffreddori raramente causano altre condizioni di salute o problemi. Ma l’influenza può portare a:

Se i tuoi sintomi sono gravi, potresti voler confermare una diagnosi di raffreddore o influenza. Il tuo medico eseguirà test che possono aiutare a determinare cosa c’è dietro i tuoi sintomi.

Durante l’epidemia di COVID-19, chiama in anticipo per il protocollo sulla visita di un medico di persona o sulla visita online.

Anche i sintomi del raffreddore e dell’influenza devono essere trattati con cura a causa della loro sovrapposizione con i sintomi del COVID-19.

Se il tuo medico diagnostica un raffreddore, dovrai trattare i sintomi solo fino a quando il virus non avrà terminato il suo corso. Questi trattamenti possono includere:

Per l’influenza, l’assunzione di farmaci antinfluenzali nelle prime fasi del ciclo del virus può aiutare a ridurre la gravità della malattia e abbreviare il tempo in cui si è malati. Anche il riposo e l’idratazione sono utili per le persone con l’influenza.

Proprio come il comune raffreddore, l’influenza spesso ha solo bisogno di tempo per farsi strada attraverso il tuo corpo.

I sintomi di COVID-19, l’influenza e le allergie si sovrappongono, ma spesso sono diversi. I principali sintomi di COVID-19 sono:

Starnuti non è tipico.

I sintomi dell’influenza sono simili a COVID-19 inclusi febbre e dolori muscolari. Ma potresti non trovare la mancanza di respiro come un sintomo dell’influenza.

I sintomi allergici sono generalmente più cronici e includono starnuti, tosse e respiro sibilante.

Ecco alcuni dei sintomi più comuni dell’influenza:

Febbre

L’influenza causa quasi sempre un aumento della temperatura corporea. Questo è noto anche come febbre.

La maggior parte delle febbri legate all’influenza varia da una febbre di basso grado intorno ai 37,8 ° C (100 ° F) fino a 40 ° C (104 ° F).

Sebbene allarmante, non è raro che i bambini piccoli abbiano febbri più elevate rispetto agli adulti. Se sospetti che tuo figlio abbia l’influenza, consulta il medico.

Potresti sentirti “febbricitante” quando hai una temperatura elevata. I segni includono brividi, sudorazione o freddo nonostante l’alta temperatura corporea. La maggior parte delle febbri dura meno di 1 settimana, di solito da 3 a 4 giorni.

Tosse

Una tosse secca e persistente è comune con l’influenza. La tosse può peggiorare, diventando scomoda e dolorosa.

A volte potresti provare mancanza di respiro o fastidio al torace durante questo periodo. Molte tosse legate all’influenza possono durare circa 2 settimane.

Dolori muscolari

I dolori muscolari correlati all’influenza sono più comuni a collo, schiena, braccia e gambe. Spesso possono essere gravi, rendendo difficile il movimento anche quando si tenta di eseguire attività di base.

Mal di testa

Il tuo primo sintomo di influenza potrebbe essere un forte mal di testa. A volte i sintomi, inclusa la sensibilità alla luce e al suono, vanno di pari passo con il mal di testa.

Fatica

La sensazione di stanchezza è un sintomo non così evidente dell’influenza. La sensazione di malessere generale può essere un segno di molte condizioni. Questi sentimenti di stanchezza e affaticamento possono manifestarsi rapidamente ed essere difficili da superare.

Ulteriori informazioni su come riconoscere i sintomi dell’influenza.

L’influenza è un virus grave che porta a molte malattie ogni anno. Non devi essere giovane o avere un sistema immunitario compromesso per ammalarti gravemente a causa dell’influenza. Le persone sane possono ammalarsi di influenza e diffonderla ad amici e familiari.

In alcuni casi, l’influenza può anche essere mortale. I decessi correlati all’influenza sono più comuni nelle persone di età pari o superiore a 65 anni, ma possono essere osservati nei bambini e nei giovani adulti.

Il modo migliore e più efficace per evitare l’influenza e prevenirne la diffusione è quello di ottenere una vaccinazione antinfluenzale.

Il vaccino antinfluenzale è disponibile nelle seguenti forme:

  • colpo iniettabile
  • iniezione iniettabile ad alto dosaggio (per gli over 65)
  • colpo intradermico
  • spray nasale

Più persone vengono vaccinate contro l’influenza, meno l’influenza può diffondersi. Aiuta anche con l’immunità della mandria, aiutando a proteggere coloro che non possono ottenere il vaccino per motivi medici.

La vaccinazione può anche aiutare a ridurre la gravità della malattia se si finisce per prendere l’influenza.

Come funziona il vaccino antinfluenzale?

Per fare il vaccino, gli scienziati selezionano i ceppi del virus influenzale che la ricerca suggerisce sarà il più comune nella prossima stagione influenzale. Vengono prodotti e distribuiti milioni di vaccini con questi ceppi.

Una volta ricevuto il vaccino, il tuo corpo inizia a produrre anticorpi contro quei ceppi del virus. Questi anticorpi forniscono protezione contro il virus.

Se in un secondo momento entri in contatto con il virus dell’influenza, puoi evitare di contrarlo.

Potresti ammalarti se finisci per entrare in contatto con un diverso ceppo del virus. Ma i sintomi saranno meno gravi perché hai fatto la vaccinazione.

Chi dovrebbe fare il vaccino antinfluenzale?

I medici raccomandano che tutte le persone di età superiore ai 6 mesi ricevano il vaccino antinfluenzale. Ciò è particolarmente vero per le persone in categorie ad alto rischio come:

  • donne incinte
  • bambini sotto i 5 anni
  • persone di età pari o inferiore a 18 anni che ricevono terapia con aspirina
  • persone di età superiore ai 65 anni
  • persone il cui indice di massa corporea è 40 o superiore
  • chiunque lavori o viva in una casa di cura o in una struttura di assistenza cronica
  • caregiver a uno dei suddetti
  • Indiani d’America o nativi dell’Alaska
  • chiunque abbia condizioni mediche croniche

La maggior parte dei medici raccomanda inoltre che tutti ricevano il vaccino antinfluenzale entro la fine di ottobre. In questo modo il tuo corpo ha il tempo di sviluppare gli anticorpi giusti prima che la stagione influenzale abbia inizio.

Anche se non ricevi il vaccino antinfluenzale entro il 31 ottobre, non è troppo tardi. Anche se è in piena stagione influenzale, è sempre utile fare il vaccino antinfluenzale.

Ci vogliono circa 2 settimane perché gli anticorpi si sviluppino contro l’influenza dopo la vaccinazione.

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ritengono che quest’anno si diffonderanno sia l’influenza che il nuovo coronavirus, COVID-19. Per questo motivo, il vaccino sarà più importante che mai.

Ulteriori informazioni sull’importanza del vaccino antinfluenzale.

Effetti collaterali del vaccino antinfluenzale

Molte persone riferiscono di evitare il vaccino antinfluenzale ogni anno per paura che possa farle ammalare. È importante capire che il vaccino antinfluenzale non può farti sviluppare l’influenza.

Non ti ammalerai perché hai ricevuto il vaccino. I vaccini antinfluenzali contengono virus influenzali morti. Questi ceppi non sono abbastanza forti da causare una malattia.

Come altri colpi, potresti riscontrare alcuni effetti collaterali del vaccino antinfluenzale. Questi effetti collaterali sono spesso lievi e durano solo un breve periodo di tempo. Gli effetti collaterali di un colpo superano i possibili sintomi di sviluppare l’influenza in seguito.

Gli effetti collaterali più comuni del vaccino antinfluenzale includono:

  • dolore intorno al sito di iniezione
  • febbre lieve nei giorni immediatamente successivi all’iniezione
  • lievi dolori e rigidità

Gli effetti collaterali che si verificano spesso durano solo uno o due giorni. Molte persone non sperimenteranno alcun effetto collaterale.

In rare occasioni, alcune persone possono avere una grave reazione allergica alla vaccinazione. Se hai avuto una reazione allergica a qualsiasi vaccino o farmaco in precedenza, parla con il tuo medico.

Ulteriori informazioni sui possibili effetti collaterali del vaccino antinfluenzale.

La maggior parte delle persone guarisce dall’influenza in circa una settimana. Ma potrebbero volerci diversi giorni prima che ti senta di nuovo come sei solito. Non è raro sentirsi stanchi per diversi giorni dopo che i sintomi influenzali si sono attenuati.

È importante rimanere a casa da scuola o lavorare fino a quando non si è liberi dalla febbre per almeno 24 ore (e questo senza assumere farmaci che riducono la febbre).

Se hai l’influenza, puoi trasmetterla a un’altra persona un giorno prima della comparsa dei sintomi e fino a 5-7 giorni dopo.

Se hai sintomi di raffreddore o influenza durante la pandemia COVID-19, devi isolarti mentre fai il test e continuare a praticare una buona igiene come:

La maggior parte dei casi di influenza sono abbastanza lievi da poterti curare a casa senza prescrizione di farmaci.

È importante che tu stia a casa ed eviti il ​​contatto con altre persone quando noti per la prima volta i sintomi dell’influenza.

Dovresti anche:

  • Bevi molti liquidi. Questo include acqua, zuppa e bevande aromatizzate a basso contenuto di zucchero.
  • Tratta sintomi come mal di testa e febbre con farmaci da banco.
  • Lavati le mani per evitare di diffondere il virus su altre superfici o ad altre persone nella tua casa.
  • Copri la tosse e gli starnuti con i fazzoletti. Smaltire immediatamente quei tessuti.
  • Indossa una copertura per il viso quando sei in pubblico.

Se i sintomi peggiorano, chiama il medico. Possono prescrivere un farmaco antivirale. Prima prendi questo medicinale, più è efficace. Dovresti iniziare il trattamento entro 48 ore dall’inizio dei sintomi.

Contatta il tuo medico non appena compaiono i sintomi se sei ad alto rischio di complicanze legate all’influenza.

I gruppi ad alto rischio includono:

  • persone con un sistema immunitario indebolito
  • donne in gravidanza o fino a 2 settimane dopo il parto
  • persone che hanno almeno 65 anni
  • bambini sotto i 5 anni (in particolare quelli sotto i 2 anni)
  • persone che vivono in strutture per malattie croniche o case di cura
  • persone che hanno condizioni croniche, come malattie cardiache o polmonari
  • persone che sono di discendenza dei nativi americani (indiani d’America o nativi dell’Alaska)

Il tuo medico potrebbe testare subito il virus dell’influenza. Possono anche prescrivere un farmaco antivirale per prevenire complicazioni.

Negli Stati Uniti, la principale stagione influenzale va da ottobre a marzo. Casi di picco influenzale tra dicembre e febbraio, secondo il CDC. Ma puoi prendere l’influenza in qualsiasi momento dell’anno.

È più probabile che ti ammali durante i mesi autunnali e invernali. Questo perché trascorri più tempo a stretto contatto con altre persone e sei anche esposto a molte malattie diverse.

È più probabile che tu prenda l’influenza se hai già un virus diverso. Questo perché altre infezioni possono indebolire il tuo sistema immunitario e renderti più vulnerabile a nuove infezioni.

Avere l’influenza non è divertente. Ma sono disponibili rimedi per i sintomi dell’influenza e molti di loro forniscono un grande sollievo.

Tieni a mente questi trattamenti se hai l’influenza:

  • Antidolorifici. Gli analgesici come il paracetamolo e l’ibuprofene sono spesso consigliati per alleviare i sintomi. Questi includono dolori muscolari e dolori, mal di testa e febbre.
  • Decongestionanti. Questo tipo di farmaco può aiutare ad alleviare la congestione nasale e la pressione nei seni e nelle orecchie. Ogni tipo di decongestionante può causare alcuni effetti collaterali, quindi assicurati di leggere le etichette per trovare quello più adatto a te.
  • Espettoranti. Questo tipo di farmaco aiuta a sciogliere le secrezioni dei seni nasali che fanno sentire la testa ostruita e provocano la tosse.
  • Soppressori della tosse. La tosse è un sintomo influenzale comune e alcuni farmaci possono aiutare ad alleviarlo. Se non vuoi prendere farmaci, alcune pastiglie per la tosse usano miele e limone per alleviare il mal di gola e la tosse.

Avvertimento: I bambini e gli adolescenti non dovrebbero mai prendere l’aspirina per qualsiasi malattia. Ciò è dovuto al rischio di una condizione rara ma fatale chiamata sindrome di Reye.

Fai attenzione a non mescolare i farmaci. L’uso di farmaci non necessari potrebbe causare effetti collaterali indesiderati. È meglio prendere medicinali che si applicano ai tuoi sintomi predominanti.

Nel frattempo, riposati a sufficienza. Il tuo corpo sta combattendo duramente contro il virus dell’influenza, quindi devi dargli un sacco di tempo libero. Chiama in malattia, resta a casa e migliora. Non andare al lavoro oa scuola con la febbre.

Dovresti anche bere molti liquidi. Acqua, bevande sportive a basso contenuto di zucchero e zuppa possono aiutarti a rimanere idratato. I liquidi caldi come la zuppa e il tè hanno l’ulteriore vantaggio di aiutare ad alleviare il dolore causato dal mal di gola.

La febbre correlata all’influenza compare negli adulti e può essere grave. Per molti adulti, una febbre alta improvvisa è il primo sintomo dell’influenza. Può anche essere un segno di COVID-19.

Gli adulti raramente aumentano la febbre a meno che non abbiano una grave infezione. Il virus dell’influenza provoca una temperatura elevata improvvisa superiore a 37,8 ° C (100 ° F).

Altre infezioni virali, come il raffreddore, possono causare febbri di basso grado.

Oltre a questo, bambini e adulti condividono molti degli stessi sintomi. Alcune persone possono manifestare uno o più sintomi più di un’altra persona. Ogni persona sarà diversa.

Il tipico periodo di incubazione per l’influenza va da 1 a 4 giorni. L’incubazione si riferisce al periodo durante il quale il virus è nel tuo corpo e si sta sviluppando.

Durante questo periodo, potresti non mostrare alcun sintomo del virus. Ciò non significa che non sei in grado di passarlo a qualcun altro. Molte persone sono in grado di trasmettere il virus ad altri un giorno prima che compaiano i sintomi.

I milioni di minuscole goccioline che vengono prodotte quando starnutiamo, tossiamo o parliamo diffondono il virus dell’influenza. Queste goccioline entrano nel tuo corpo attraverso il naso, la bocca o gli occhi.

Puoi anche contrarre l’influenza toccando una superficie su cui è presente il virus e poi toccandoti naso, bocca o occhi.

L ‘”influenza delle 24 ore” (o gastroenterite) è una comune infezione dello stomaco che non ha nulla a che fare con l’influenza, nonostante condivida un nome. L’influenza intestinale delle 24 ore è causata da un genere di virus chiamato norovirus.

I sintomi del norovirus includono:

  • diarrea
  • nausea
  • vomito
  • crampi allo stomaco

Questi sintomi si verificano nel sistema gastrointestinale. Ecco perché l’influenza delle 24 ore è talvolta chiamata “influenza intestinale”. Anche se si chiama “influenza delle 24 ore”, potresti essere malato fino a 3 giorni.

I sintomi dell’influenza delle 24 ore e dell’influenza (l’influenza) sono diversi. L’influenza è una malattia respiratoria. I sintomi del sistema respiratorio dell’influenza includono:

  • tosse
  • mal di testa
  • febbre
  • rinorrea
  • dolori muscolari

Alcune persone con influenza possono provare nausea e vomito mentre sono malate. Ma questi sintomi non sono così comuni negli adulti.

Se hai l’influenza, sei contagioso, il che significa che puoi trasmettere l’influenza ad altri.

Molte persone possono diffondere il virus già un giorno prima di mostrare i sintomi. In altre parole, potresti trasmettere il virus prima ancora che ti rendi conto di essere malato.

Potresti ancora diffondere il virus 5-7 giorni dopo la comparsa dei sintomi. I bambini piccoli sono spesso in grado di trasmettere il virus per più di 7 giorni dopo la prima comparsa dei sintomi.

Anche le persone che hanno un sistema immunitario debole possono manifestare i sintomi del virus più a lungo.

Se hai l’influenza o qualsiasi sintomo influenzale, rimani a casa. Fai la tua parte per prevenire la diffusione del virus ad altre persone. Se viene diagnosticata, avvisa chiunque sia entrato in contatto il giorno prima della comparsa dei sintomi.

Scopri di più sul fatto che l’influenza sia contagiosa.

L’influenza (l’influenza) è un virus comune e infettivo diffuso da goccioline che entrano nel corpo di un’altra persona. Da lì, il virus prende piede e inizia a svilupparsi.

Ogni anno l’influenza si diffonde negli Stati Uniti. Uno studio CDC del 2018 ha rilevato che l’influenza colpisce ogni anno tra il 3 e l’11% degli Stati Uniti. Questo spiega le persone che hanno sintomi.

L’inverno è la stagione principale dell’influenza, con un picco a febbraio. Ma puoi prendere l’influenza in qualsiasi momento dell’anno.

Esistono molti ceppi influenzali. Medici e ricercatori determinano quali ceppi del virus saranno più comuni ogni anno.

Questi ceppi vengono quindi utilizzati per produrre vaccini. Un vaccino antinfluenzale è uno dei modi più semplici ed efficaci per prevenire l’influenza.

I farmaci chiamati farmaci antivirali possono trattare l’influenza. Non puoi acquistare questi farmaci da banco in farmacia. Sono disponibili solo su prescrizione e devi visitare un medico o un operatore sanitario per ricevere una prescrizione.

I farmaci antivirali usati per trattare l’influenza possono aiutare ad alleviare i sintomi. Possono anche ridurre la durata dell’influenza di un giorno o due.

L’assunzione di farmaci antivirali può aiutare se si prende l’influenza, ma questi farmaci hanno anche effetti collaterali. Parla con il tuo medico per capire i rischi.

La ricerca suggerisce che i farmaci antivirali funzionano meglio se li prendi entro 48 ore dalla comparsa dei sintomi. Se perdi quella finestra, non preoccuparti. Potresti ancora vedere un beneficio dall’assunzione del medicinale in un secondo momento.

Ciò è particolarmente vero se sei ad alto rischio o sei malato. L’assunzione di farmaci antivirali può aiutarti a proteggerti dalle complicazioni influenzali. Questi includono polmonite e altre infezioni.

I sintomi dell’influenza compaiono rapidamente. Questa improvvisa comparsa dei sintomi è spesso il primo segno distintivo dell’influenza. Con malattie simili, come il raffreddore, possono essere necessari diversi giorni prima che i sintomi emergano.

Un altro sintomo precoce comune dell’influenza è l’ampiezza del dolore. Le persone con l’influenza riferiscono di sentirsi a disagio in tutto il corpo come un sintomo precoce.

Potresti sentirti come se fossi stato “investito da un camion”. Alzarsi dal letto può rivelarsi difficile e lento. Questa sensazione può essere un sintomo precoce dell’influenza.

Dopo questo, potrebbero iniziare a comparire altri sintomi dell’influenza, rendendo ovvio che hai il virus.

Ulteriori informazioni sui primi sintomi dell’influenza.

Se non trattato, un tipico caso di influenza spesso scompare in circa 1 settimana. Durante questo periodo, hai diverse opzioni di trattamento per rendere i sintomi più facili da gestire.

I farmaci antivirali su prescrizione possono ridurre la gravità dell’infezione. Possono anche ridurne la durata. Alcuni trattamenti OTC possono anche alleviare i sintomi.

Alcuni rimedi naturali contro l’influenza possono essere utili per alleviare i sintomi. Ad esempio, per il mal di gola o la tosse, alcune opzioni includono:

Naturalmente, il riposo è anche una parte importante del recupero dall’influenza o da qualsiasi altro tipo di virus.

Il tuo corpo sta lottando duramente per guarire. È consigliabile che ti fermi, ti riposi e dormi di più in modo che il tuo sistema immunitario possa combattere il virus.

I farmaci da banco possono aiutare ad alleviare i sintomi dell’influenza, ma non la tratteranno. Se hai l’influenza e stai cercando un sollievo dai sintomi, considera questi medicinali:

  • Decongestionanti. I decongestionanti nasali aiutano a rompere il muco nei seni. Questo ti permette di soffiarti il ​​naso. I decongestionanti sono disponibili in diverse forme, compresi i decongestionanti nasali che vengono inalati e i decongestionanti orali (pillola).
  • Soppressori della tosse. La tosse, soprattutto di notte, è un sintomo influenzale comune. I farmaci per la tosse da banco possono alleviare o sopprimere il riflesso della tosse. Le pastiglie o le pastiglie per la tosse possono lenire il mal di gola e sopprimere la tosse.
  • Espettoranti. Questo tipo di farmaco può aiutarti a espellere il catarro se hai molto muco o congestione nel petto.

I “farmaci antinfluenzali” da banco come NyQuil spesso contengono molti di questi tipi di farmaci in una sola pillola.

Se prendi uno di questi farmaci combinati, evita di prendere altri medicinali con esso. Questo ti assicura di non prendere troppa quantità di alcun tipo di medicinale.

L’influenza è un virus che si diffonde in diversi modi. Innanzitutto, puoi contrarre il virus da una persona vicino a te che ha l’influenza e starnutisce, tossisce o parla.

Il virus può anche vivere su oggetti inanimati per 2-8 ore. Se qualcuno con il virus tocca una superficie comune, come la maniglia di una porta o una tastiera, e tu tocchi la stessa superficie, potresti contrarre il virus.

Una volta che hai il virus in mano, può entrare nel tuo corpo se tocchi la bocca, gli occhi o il naso.

Puoi farti un vaccino contro l’influenza. Un vaccino antinfluenzale annuale aiuta il tuo corpo a prepararsi all’esposizione al virus. Ma i virus influenzali si stanno trasformando e cambiando. Ecco perché hai bisogno del vaccino antinfluenzale ogni anno, e soprattutto mentre COVID-19 è ancora attivo.

Un vaccino antinfluenzale ti aiuta attivando il tuo sistema immunitario per produrre anticorpi contro particolari ceppi di influenza. Gli anticorpi sono ciò che previene le infezioni.

È possibile contrarre l’influenza dopo aver ricevuto il vaccino antinfluenzale se si entra in contatto con altri ceppi del virus. Anche allora, è probabile che i tuoi sintomi saranno molto meno gravi che se non avessi avuto il vaccino.

Questo perché diversi ceppi di influenza condividono elementi comuni (chiamati protezione incrociata), il che significa che anche il vaccino antinfluenzale è in grado di agire contro di loro.

Ulteriori informazioni su ciò che causa l’influenza.

La maggior parte degli studi medici porta il vaccino. Puoi anche ottenere il vaccino a:

  • farmacie
  • ambulatori medici walk-in
  • dipartimenti sanitari della contea o della città

Alcuni datori di lavoro e scuole offrono anche ambulatori per il vaccino antinfluenzale in loco, sebbene molti siano chiusi a causa della pandemia COVID-19. Coloro che sono aperti inizieranno a promuovere i vaccini antinfluenzali con l’avvicinarsi della stagione influenzale. Alcuni offrono addirittura incentivi come buoni per incoraggiarti a ricevere il tuo vaccino.

Se non riesci a trovare un fornitore di vaccini antinfluenzali, utilizza un localizzatore di vaccini antinfluenzali come Vaccine Finder. Questo sito web elenca attività commerciali, numeri di telefono e orari di apertura.

Ogni anno centinaia di migliaia di bambini si ammalano di influenza. Alcune di queste malattie sono gravi e richiedono il ricovero in ospedale. Alcuni addirittura provocano la morte.

I bambini che hanno l’influenza sono spesso più a rischio rispetto agli adulti che si ammalano di influenza. Ad esempio, i bambini sotto i 5 anni hanno maggiori probabilità di aver bisogno di cure mediche per l’influenza.

Gravi complicanze dell’influenza sono più comuni nei bambini di età inferiore a 2 anni. Se tuo figlio ha una condizione medica cronica, come l’asma o il diabete, l’influenza potrebbe essere peggiore.

Rivolgiti subito al medico se tuo figlio è stato esposto all’influenza o mostra sintomi influenzali. Chiama in anticipo per il protocollo sulla prevenzione di COVID-19.

Il modo migliore per proteggere i tuoi figli dall’influenza è con un vaccino antinfluenzale. Vaccinare i bambini ogni anno.

I medici raccomandano i vaccini antinfluenzali per i bambini a partire dai 6 mesi di età.

Alcuni bambini di età compresa tra 6 mesi e 8 anni potrebbero aver bisogno di due dosi per la protezione contro il virus. Se tuo figlio riceve un vaccino per la prima volta, probabilmente avrà bisogno di due dosi.

Se tuo figlio ha ricevuto solo una dose nella stagione influenzale precedente, potrebbero aver bisogno di due dosi in questa stagione influenzale. Chiedi al medico di tuo figlio di quante dosi ha bisogno tuo figlio.

I bambini sotto i 6 mesi di età sono troppo piccoli per un vaccino antinfluenzale. Per proteggerli, assicurati che le persone intorno a loro vengano vaccinate. Ciò include i membri della famiglia e gli operatori sanitari.