È più di un semplice baby shower

0
60

I genitori adottivi possono percorrere un percorso diverso verso la genitorialità, ma è ugualmente degno di celebrazione e sostegno.

Quando la famiglia e gli amici aspettano un bambino, creano registri, pubblicano foto di urti sui social media e condividono confronti di frutta e animali con la taglia del bambino. (Baby è un topo di campagna questa settimana! Baby ha le dimensioni di un melone oggi!)

Quindi, circa un mese prima della nascita del bambino, non è raro che le docce per bambini celebrino l’arrivo imminente con regali, giochi e cibo.

Ma quando qualcuno che amiamo accoglie un bambino attraverso l’adozione, non dovrebbe essere celebrato allo stesso modo quell’arrivo? Assolutamente.

Secondo Mayra Mendez, PhD, LMFT, una psicoterapeuta autorizzata, “Non dovrebbe esserci differenza tra celebrare un bambino biologico e un bambino adottato poiché entrambe le esperienze rappresentano una celebrazione della vita”.

Quando qualcuno nella tua comunità adotta un bambino, ha bisogno dello stesso sostegno di chi accoglie un bambino biologico. A volte, anche di più.

Quando Angeliegh Wingard Hartman e suo marito adottarono il figlio, avevano speso una notevole quantità di denaro per perseguire il loro sogno di diventare genitori.

“Avevamo speso circa $ 45.000 per due cicli di fecondazione in vitro, seguiti da $ 13.000 per l’adozione di nostro figlio”, dice.

Hartman sottolinea anche che “la maggior parte delle persone che stanno adottando sono già state molto svuotate emotivamente e finanziariamente”.

A causa di tutte queste spese, difficilmente potevano permettersi attrezzature e vestiti per bambini e facevano affidamento su oggetti usati.

Poiché le adozioni possono e spesso falliscono, molti genitori adottivi evitano di arredare un asilo nido o di riempire una cassettiera di vestiti per bambini.

“Per tutto il tempo, sai che possono cambiare idea”, dice Hartman. “Non vuoi una stanza piena di cose che ti ricordino che non ha funzionato.”

Per evitare un po ‘di quel dolore, la famiglia di Lauren Weir ha scelto di celebrare lei e suo marito quando sono stati ufficialmente approvati per l’adozione, ma nessun bambino specifico era in fase di collocamento.

Come dice Weir, “Volevamo goderci il tempo di anticipare la crescita della nostra famiglia. La nostra famiglia ci ha fatto regali che erano neutrali rispetto al genere e molti hanno dato fondi per aiutare a coprire le quote di adozione “.

Dopo aver accolto la figlia, però, gli amici hanno organizzato una doccia per festeggiare il suo arrivo e fare loro dei regali scelti appositamente per lei.

“Eravamo così entusiasti di sapere che, indipendentemente dalle sfide che ci aspettavano, questo bambino avrebbe avuto una comunità che lo amava”, dice. “Siamo stati così grati per l’entusiasmo e il supporto.”

Brooke Balderson è un genitore adottivo e un genitore biologico. Sebbene si sentisse molto supportata e ricevette due docce per il suo bambino adottivo, una gettata da sua madre prima dell’arrivo di suo figlio e una dopo, lanciata dagli amici, notò una differenza nella risposta della sua comunità confrontando gli arrivi ufficiali dei suoi due figli.

“Quando partorisci, le persone inviano regali, portano cene e organizzano treni-pasto. Quelle cose non vengono quasi mai prese in considerazione per l’adozione ”, afferma Balderson. “È stato scioccante quando estranei di gruppi di mamme mi hanno portato i pasti questa volta.”

Quando Balderson ha adottato il suo primo figlio, le persone hanno seguito l’adozione, ma non hanno festeggiato nello stesso modo di quando è arrivato il suo bambino biologico.

“Mi sono chiesto se le persone non sono sicure di come gestirlo. Non sanno cosa dire o come agire, o semplicemente non gli passa per la mente? ” lei dice.

Balderson si chiede se questo abbia a che fare con la dura storia dell’adozione. Sottolinea che in passato è stato spesso tenuto segreto. “Penso che gli stigmi stiano iniziando a cambiare ed evolversi, ma fino a poco tempo fa le persone non parlavano di adozione”, dice.

Weir, tuttavia, non ha avuto la stessa esperienza.

Quando è nato il loro terzo figlio, ha sentito che l’esperienza era stata la stessa che era stata con i suoi figli adottivi. “Nella nostra esperienza, le persone sono state altrettanto favorevoli con i nostri figli attraverso l’adozione e il nostro bambino biologico”, dice. “Penso che molto di questo abbia a che fare con quanto siamo stati diretti riguardo alle nostre esigenze.”

Prendendosi il tempo per celebrare i bambini che arrivano tramite l’adozione, le comunità non solo supportano i genitori adottivi, ma dimostrano anche ai bambini adottati che sono amati e amati.

Rachel Fry ha sempre saputo di essere stata adottata, ma quando i suoi genitori si stavano preparando per il suo arrivo, erano terrorizzati all’idea di condividere la loro notizia.

“I miei genitori hanno lottato con l’infertilità per molti anni prima di prendere in considerazione l’adozione”, dice. “Avevano subito così tante perdite prima che io nascessi e non l’hanno detto a nessuno prima del mio arrivo, tranne la mia madrina, 2 settimane prima.”

Quando fu chiaro che Rachel era lì per restare, amici e parenti si unirono per celebrarla e aiutarla a provvedere ai suoi bisogni.

“I miei genitori hanno fatto tre docce … una doccia di lavoro, amici e una doccia di famiglia”, dice. “Posso guardare nei loro album fotografici e vedere quanto mi hanno celebrato tutti, e significa così tanto.”

Mendez afferma l’importanza di queste celebrazioni: “Il bambino adottato allora sa di essere apprezzato e che la famiglia ha mostrato entusiasmo e piacere per il loro arrivo. Le celebrazioni dell’arrivo danno al bambino adulto un senso di scopo e significato. Fornisce al bambino adulto una storia di radici e normalizza il processo di adozione. Questa conoscenza rafforza la creazione di autostima positiva, fiducia in se stessi e rafforza le basi dell’origine e dell’identità familiare “.

Naturalmente, ci sono alcuni modi inevitabili in cui l’adozione differisce dal parto.

Le famiglie possono aspettare a lungo o ritrovarsi improvvisamente a portare un bambino a casa quasi dall’oggi al domani. Potrebbero iniziare il loro viaggio di genitorialità con un bambino più grande invece di un neonato, o accogliere un bambino con bisogni inaspettati.

I bambini adottati hanno bisogno di pannolini, culle, vestiti, seggiolini per auto e tutte le altre attrezzature, spesso costose, di cui ogni bambino ha bisogno. I loro genitori hanno anche bisogno di tutti gli amici disponibili, i pasti preparati e il sostegno di cui hanno bisogno i nuovi genitori.

Se hai un amico o un familiare che sta adottando, non esitare a chiedere loro come puoi sostenerlo – sia prima che dopo l’arrivo del bambino adottivo – e se puoi organizzare una festa per accogliere il loro nuovo bambino.

Jenn Morson è una scrittrice freelance che vive e lavora al di fuori di Washington, D.C. Le sue parole sono state pubblicate su The Washington Post, USA Today, Cosmopolitan, Reader’s Digest e molte altre pubblicazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui