Ecco come mantenerlo sano

0
55

Ad un certo punto litigherai davanti al tuo piccolo. Come lo fai, e cosa fai dopo, fa la differenza.

Una sera tardi, mio ​​marito ed io stavamo litigando quando ho notato nostro figlio di 6 mesi. Stava giocando con i suoi giocattoli sul letto, ma ora si era fermato. Invece, era seduto, un giocattolo che giaceva senza vita in grembo, mentre si fissava le mani. Sembrava triste.

La vista mi ha spezzato il cuore.

Mi precipitai a prenderlo in braccio, dandogli un abbraccio rassicurante. Mio marito si è unito a me. Smettemmo entrambi di litigare per il resto della notte, scegliendo invece di concentrarci sul consolare nostro figlio.

Ma è stato difficile per entrambi scuotere l’immagine del nostro figlio mortificato.

Sapevamo che era troppo giovane per capire le cose per cui ci stavamo urlando addosso, ma era ancora chiaro che lo stavamo influenzando con il nostro tono, le nostre voci sollevate e le nostre facce arrabbiate.

Nostro figlio ci ha presto perdonato ed è tornato a giocare con il suo giocattolo preferito, ma l’incidente ci ha lasciato entrambi a chiederci se la nostra discussione – e qualsiasi altra avremmo potuto avere – potesse influenzarlo a lungo termine.

“I bambini sono in sintonia con i loro genitori”, dice LeNaya Smith Crawford, terapista familiare, terapista del gioco e proprietaria di Kaleidoscope Family Therapy. “Possono percepire cose di cui forse non ci rendiamo nemmeno conto, anche da bambini. Ci sono stati diversi studi che dimostrano che i bambini possono percepire quando le loro madri sono stressate “.

In effetti, la loro capacità di percepire lo stress della madre inizia nel grembo materno.

Uno studio del 2011 ha dimostrato che il cortisolo di una madre, o ormone dello stress, è in grado di attraversare la placenta e creare livelli di stress più elevati per il nascituro. È stato scoperto che i bambini esposti a frequenti stress in utero sono nati con livelli di cortisolo più elevati alla nascita rispetto a quelli nati da madri meno stressate.

Questo perché, spiega Chad Radniecki, psicologo infantile di Allina Health, “il sistema nervoso si sta sviluppando da prima che i bambini nascano ed è influenzato dalla presenza di stress”.

Uno studio del 2010 ha suggerito che a 6 mesi di età, i bambini mostreranno anche reazioni di stress alle espressioni facciali accigliate o arrabbiate. E i bambini esposti a conflitti possono avere un aumento della frequenza cardiaca, che avvia anche una risposta dell’ormone dello stress.

“Le parole non sono il fattore scatenante per il bambino”, afferma Jennifer Tomko, psicoterapeuta e proprietaria di Clarity Health Solutions, “ma il tono, il volume e le risposte facciali hanno un impatto maggiore sulla risposta allo stress del bambino”.

I bambini nascono in modo innato cercando sicurezza e costruendo la fiducia che i loro bisogni saranno soddisfatti, continua. “Le urla o l’aggressività sono percepite dal bambino come non sicure, il che rilascia ormoni dello stress, lasciandoli con una sensazione generale di disagio.”

Secondo Tomko, dipende da:

  • la gravità degli argomenti
  • la frequenza degli argomenti
  • il temperamento del bambino
  • la percezione della sicurezza del bambino prima, durante e dopo le discussioni

“Se vedono i genitori piangere e arrabbiati, è probabile che inizieranno a piangere”, dice. “Se al bambino viene fornito supporto e una sensazione di sicurezza attraverso la lettura, il canto, la presa, le coccole e il gioco, è probabile che la sensazione di sicurezza venga riacquistata in pochi minuti”.

Ma se questi sentimenti di sicurezza non vengono affrontati, il risultato cambia. Tomko osserva: “Se ci sono sentimenti di pericolo costanti o ripetuti per il bambino, la risposta allo stress potrebbe essere in uno stato accentuato per la maggior parte del tempo”.

Nel tempo, uno stress elevato nei bambini può causare ansia da separazione, irritabilità e problemi con il sonno. Ma ci sono effetti ancora più evidenti del continuo conflitto in loro presenza.

“Una volta che i bambini hanno sviluppato abilità linguistiche, imitano il linguaggio e gli stili di comunicazione degli adulti che li circondano”, spiega Tomko. “Questo può includere la selezione delle parole, il tono e il volume. I più piccoli ti dimostreranno come interpretano gli argomenti in base a come parlano agli altri mentre sono arrabbiati. ”

I bambini piccoli possono fare frequenti capricci, avere problemi a fare amicizia o, dice Crawford, lottare per esprimere sentimenti o idee complesse in modo calmo.

Successivamente, i bambini potrebbero mostrare difficoltà di concentrazione, ansia o sviluppare problemi comportamentali.

Ad esempio, uno studio del 2012 su bambini dell’asilo ha rilevato che i bambini i cui genitori hanno combattuto duramente o frequentemente avevano maggiori probabilità di avere depressione, ansia e problemi comportamentali quando erano al settimo anno.

Un altro studio, del 2015, ha scoperto che troppa discordia familiare può effettivamente iniziare ad alterare il cervello dei bambini e farli elaborare le loro emozioni in modo diverso. Questo li induce ad affrontare più sfide sociali più avanti nella vita.

“Che ci piaccia o no, noi genitori siamo modelli di comportamento il 100% delle volte, sia che siamo al meglio o al peggio”, dice Radniecki.

E di conseguenza, i bambini imiteranno i nostri modelli di relazione più avanti nella vita.

Gli adolescenti modelleranno ciò che vedono dai loro genitori nelle loro relazioni con i pari, dice Crawford. Dimostreranno che “hanno imparato che il modo in cui comunichi o risolvi un problema è discutere”.

In età adulta, questo può influire su ciò che tuo figlio considera un trattamento e un comportamento accettabili anche nelle loro relazioni sentimentali.

Prima di tutto, sappi che una discussione con il tuo partner non rovinerà tuo figlio per sempre

Diamine, anche diversi argomenti non sono una preoccupazione importante. E siamo onesti, discuteremo tutti con il nostro partner una volta ogni tanto, anche quando cerchiamo di evitarlo.

“Litigare e il conflitto nelle relazioni coniugali è normale”, dice Radniecki, “e la stragrande maggioranza delle volte, discussioni e conflitti tra genitori non avranno un impatto negativo sullo sviluppo di un bambino”.

“I problemi seri generalmente tendono a sorgere solo per i bambini che sono soggetti a discussioni e conflitti cronici e intensi”, continua. “I bambini sono esseri incredibilmente resistenti e non dovremmo esercitare troppa pressione su noi stessi come genitori per essere perfetti. Litigare occasionalmente o alzare la voce in genere non sarà dannoso. ”

In effetti, un disaccordo coniugale può diventare un’opportunità di apprendimento per i bambini: può insegnare loro una sana risoluzione dei conflitti

Mentre la ricerca del 2016 ha dimostrato che le tensioni irrisolte dopo un disaccordo tra i genitori sono collegate a un aumento dell’ansia, della depressione e della fobia sociale, uno studio del 2017 ha mostrato che gli studenti delle scuole medie i cui genitori hanno risolto i loro conflitti avevano migliori capacità di coping.

Questo stesso studio ha anche mostrato che i genitori che hanno espresso calore ed empatia l’uno verso l’altro durante i disaccordi hanno favorito un senso di sicurezza nei loro figli. Questi ragazzi sapevano che le loro famiglie sarebbero andate bene a lungo termine.

Uno studio del 2009 ha anche mostrato che i bambini con genitori che hanno avuto conflitti costruttivi hanno mostrato in seguito abilità sociali migliori, come una buona cooperazione con i loro compagni di classe e una maggiore empatia.

Accetta il fatto che non sarai in grado di eliminare tutti i conflitti: la chiave è solo essere un buon modello

“Tutte le coppie litigano”, dice Radniecki. “Il conflitto è effettivamente salutare nelle relazioni. Il conflitto è ciò che aiuta le coppie ad andare avanti e crescere “.

Aggiunge: “Penso che una delle cose migliori che possiamo fare come genitori sia essere buoni modelli di comportamento su come discutere e avere conflitti in modo sano”.

Per fare ciò, consiglia di praticare l’uso delle affermazioni in “I” in una discussione, concentrandosi sui propri bisogni e sulla propria esperienza emotiva invece che sulle azioni o sul comportamento del proprio partner.

Ad esempio, dì “Mi sento ferito” o “Sono sconvolto” in reazione a qualcosa che è accaduto, invece di accusare il tuo partner di averti fatto qualcosa. Ciò può impedire all’argomento di trasformarsi in insulti.

Riconosci ed etichetta schemi malsani – come insulti, sarcasmo, ignorare i sentimenti del tuo partner o tirare in ballo il passato – e cerca di non ripetere quel comportamento in un futuro disaccordo.

“Dimostrare come gestire la rabbia”, dice Tomko. “Insegna ai tuoi figli ad avere il coraggio di dire cosa hanno in mente, ma in modo sano. Possiamo soddisfare le nostre esigenze attraverso un dialogo sano e un’adeguata definizione dei confini “.

Se una discussione inizia a diventare troppo accesa, prenditi una pausa e accetta di riprendere la conversazione quando ti sarai raffreddato entrambi.

“Spesso è improduttivo costringerci a risolvere i problemi quando siamo arrabbiati. La rabbia è una risposta alla crisi che può offuscare la nostra logica “, afferma Tomko.

È molto importante lasciare che tuo figlio veda che risolvi le cose

“Forse la componente più importante per un conflitto ‘sano’ è la riparazione”, afferma Radniecki. “Indipendentemente da quanto sia intensa una discussione, ci deve essere sempre una conversazione di follow-up quando gli animi si sono raffreddati.”

Continua: “Incoraggio i genitori con cui lavoro a considerare di avere almeno una parte di quella conversazione – dove appropriato ovviamente – di fronte ai loro figli come mezzo per modellare una sana risoluzione dei conflitti”.

“Incoraggio anche i genitori ad assumersi la responsabilità del proprio comportamento, invece di deviare o incolpare l’altro genitore”, dice Radniecki. “Va bene ammettere ai tuoi figli che hai perso la calma.”

In effetti, è bello farti vedere che ti scusi.

Assicurati di fare il check-in con tuo figlio dopo aver assistito a una discussione

“I bambini pensano in termini in bianco e nero e sono molto concentrati su se stessi”, dice Tomko. “Potrebbero credere di essere la causa della discussione e potrebbero iniziare a considerarsi” cattivi “o” far arrabbiare tutti “. Chiedete loro cosa gli piace di se stessi o cosa provano quando si discute. ”

Convalida i loro sentimenti su quanto possa essere difficile, spaventoso o frustrante vedere te e il tuo partner litigare.

“Assicurati che sappiano che li ami”, dice Radniecki, “e assicurati che sappiano che l’argomento non era in alcun modo colpa loro”.

Se stai lottando, considera la terapia di coppia

“Se le coppie si ritrovano incapaci di dissentire in modo calmo e giungono a una comprensione o a un compromesso, è probabilmente un buon momento per cercare un consulto di coppia”, dice Crawford.

Aggiunge: “Essere in grado di comunicare in modo efficace e con calma è fondamentale per un matrimonio e una famiglia felici”.

Se davvero non funziona, va bene porre fine alla relazione

“Spesso le coppie intrattengono una relazione malsana e polemica per” il bene dei bambini “”, afferma Tomko. “Questo può fare più male che bene.”

Se ti dividi, assicurati che tuo figlio sappia che non è stata colpa sua e che entrambi li amate ancora.

Non coinvolgere tuo figlio nei problemi degli adulti, come nuove relazioni, finanze o controversie legali, e non usarli mai come intermediario.

Non parlare mai male del tuo ex partner.

“Il bambino si sentirà in conflitto tra i propri valori fondamentali, la lealtà verso il partner e il supporto per te”, afferma Tomko. “Non possono fare entrambe le cose, il che li fa sentire ansiosi e in colpa.”

Che tu stia insieme o che ti separi, la cosa più importante da fare è assicurarti che tuo figlio si senta al sicuro

“I bambini che sono stati esposti a un’emotività cronica e intensa sono abituati all’imprevedibilità e al caos”, dice Radniecki. “È ciò che diventano cablati ad aspettarsi, il che mette il loro sistema nervoso in uno stato costante di lotta o fuga.”

Aggiunge: “Fornendo ai bambini pratiche di assistenza strutturate, di routine e prevedibili, puoi letteralmente ricablare le parti del cervello che sono state influenzate negativamente dalla loro esposizione allo stress”.

Simone M. Scully è una neo mamma e giornalista che scrive di salute, scienza e genitorialità. Trovala sul suo sito web o su Facebook e Twitter.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui