Ellie Smart condivide come gestisce la paura come Cliff Diver

89

Sebbene possa essere una cliff diver professionista, Ellie Smart giura di non essere una drogata di adrenalina. “Mi fa terrorizzare”, ammette. “Se mi mettessi su una piattaforma di 20 metri in questo momento, non lo farei”.

Per lei, raggiungere un luogo dove può tentare con sicurezza un’immersione pericolosa richiede una meticolosa preparazione mentale. “Abbiamo un detto in cliff diving: se non hai paura, non dovresti farlo”, dice Smart. Sottolinea che la paura è una risposta fisiologica naturale al pericolo che ci protegge aumentando la nostra consapevolezza e aumentando la nostra adrenalina. “C’è un livello di paura che è davvero importante avere”, dice Smart, 26 anni, che si è innamorata della psicologia dello sport come subacqueo collegiale alla UC Berkeley, poi ha conseguito il master in scienze dello sport e dell’esercizio con un’enfasi su prestazione umana.

Dice che il trucco per sfruttare la paura in modo che sia utile è non lasciarla arrivare al punto in cui entri in una spirale di “e se”, il che aumenterà le tue possibilità di commettere un errore. “Avere paura, ma controllare quella paura è la chiave del nostro sport”, dice.

Smart ha già iniziato il processo per controllare i suoi nervi per la sua prossima grande immersione, in arrivo il 4 giugno. Finché le condizioni cooperano, probabilmente tenterà l’immersione più difficile mai fatta da una concorrente, mentre salta giù dell’Institute of Contemporary Art di Boston nel porto di Boston. È la prima tappa della Red Bull Cliff Diving World Series 2022 e Smart è l’unica donna americana nel roster permanente.

Storie correlate

Quindi, come fa a mettere la sua mente nel posto giusto per affrontare quello che alcuni considerano lo “sport estremo originale?”

La sua strategia numero uno per gestire la paura

Smart si allena regolarmente in una piscina olimpionica con una piattaforma alta 10 metri, ma molte delle sue immersioni sono da 20 metri o più. Gran parte della sua formazione si svolge nella sua testa. “La visualizzazione è enorme”, dice.

A partire da almeno un paio di settimane prima di una competizione importante, inizierà a mettere da parte il tempo per chiudere gli occhi e immaginarsi mentre esce sulla piattaforma. Si immaginerà esattamente come sarà un salto e penserà a come si sentirà nel suo corpo. In questo modo, quando è il momento di fare il vero tuffo durante una competizione, sembrerà quasi che l’abbia già fatto. “Non è così straniero”, dice.

La ricerca ha dimostrato che visualizzare se stessi con successo può avere un impatto positivo sulle prestazioni ed è una strategia che può funzionare per chiunque prima di un grande evento, sia che si tratti di correre una maratona o di fare una presentazione di lavoro importante. “La visualizzazione è una delle tecniche più potenti per ottenere prestazioni ottimali perché ha un impatto diretto sulla nostra neurologia che è essenziale per l’esecuzione rapida e fluida delle capacità motorie, la gestione delle emozioni e la gestione dello stress”, Eric Bean, PhD, CMPC, membro del comitato esecutivo di Association for Applied Sports Psychology, precedentemente detto a Well+Good.

In sostanza, immaginare uno scenario in modo sufficientemente vivido attiva gli stessi schemi neurali dell’attività. Più sensi puoi coinvolgere (pensando all’aspetto, al suono, all’odore, ecc.), più potente sarà questa tecnica.

Cosa serve per calmare la mente

Sappiamo tutti quanto velocemente la nostra mente può correre nelle ore prima di fare qualcosa di stressante. Smart rimane concentrata evitando Instagram o qualsiasi altra cosa che le ricordi “cose ​​​​della vita reale”. Si mette le cuffie per tagliare fuori il resto del mondo ascoltando la stessa canzone a ripetizione. (Durante la sua ultima competizione, era “Ghost” di Justin Beiber.)

Anche se evitava il respiro (“Non so perché, ma odio quando le persone mi dicono di respirare”, dice ridendo), Smart ora lo consiglia come un modo per calmare il sistema nervoso. La sua tecnica di riferimento è quella che il suo allenatore le ha insegnato, chiamata respirazione della scatola: inspira per il conteggio di due, poi espira per il conteggio di due, che ripete mentre immagina una scatola con un lato diverso che si illumina su ciascuna dentro o fuori respiro.

Il potere di prendersi un momento per se stessi

Infine, Smart si concentra con un rituale pre-gara che la mette in uno spazio mentale sano. “Vado sempre e mi siedo sul bordo della piattaforma, guardo in basso e mi prendo un secondo di apprezzamento per dove sono e cosa sto facendo”, dice. “Per me, quel momento è un po’ come accettare la paura e il pericolo che deriva dallo sport che faccio. Ma anche ricordare a me stesso che questo non è qualcosa di nuovo: mi immergo da quando avevo 5 anni. Ho Ho passato le ore in piscina e in palestra e so cosa sto facendo”.

Non è solo un promemoria di quanto sia preparata, ma anche un momento di gratitudine per l’opportunità di fare qualcosa che ama.

Oh ciao! Sembri una persona che ama gli allenamenti gratuiti, gli sconti per i marchi di benessere all’avanguardia e i contenuti esclusivi Well+Good. Iscriviti a Well+la nostra community online di addetti ai lavori del benessere, e sblocca i tuoi premi all’istante.