Essere una mamma single significa affrontare nuove sfide in ogni fase

88

Non importa come sei diventata una mamma single. Quello che fai con l'esperienza fa.

Diventare una mamma single è stata la cosa più spaventosa che abbia mai vissuto. Scoprire di essere incinta e che avrei cresciuto i miei figli senza molto supporto fisico, finanziario o emotivo è stato travolgente.

Tuttavia, devo dire: sono estremamente orgoglioso del lavoro che ho svolto e di come stanno andando i miei figli. Certo, ci sono sfide in ogni fase dell'educazione dei figli, ma ci sono anche gioie.

Alcuni dei miei amici mamme single e io ci siamo impegnati non solo a sopravvivere a ogni fase, ma a prosperare. Ecco un po 'delle nostre esperienze durante ogni fase e di ciò che abbiamo imparato lungo il percorso.

Avere un neonato cambia la vita di qualsiasi genitore, ma essere una mamma single con un neonato è snervante ed estenuante. La parte più difficile di questa fase della maternità single è imparare a fare TUTTO da sola e gestire le emozioni lungo il percorso.

Ho letto tutti i libri, sono andato a tutti gli appuntamenti dal medico, ho preparato la borsa dell'ospedale e ho creato un piano di nascita da solo, per la maggior parte. Volevo che il padre di mio figlio fosse lì per tutta la nascita, ma non è andata così.

Durante il travaglio ho provato eccitazione e delusione, anticipazione e frustrazione, insieme a gioia e dolore. Il mio bambino era bellissimo. La nascita avrebbe dovuto essere un momento da celebrare ma è stata oscurata da speranze svanite.

La mia relazione con il padre di mio figlio stava finendo, ma una nuova vita e un viaggio con il mio neonato erano appena iniziati. Nonostante i problemi di relazione, sapevo che dovevo rimettermi in sesto per prendermi cura di mio figlio.

Assumersi tutte le responsabilità

Dopo il ritorno dall'ospedale, io e il bambino ci sistemammo nella mia vecchia stanza a casa dei miei genitori. Ho deciso di allattare al seno e di praticare la genitorialità dell'attaccamento perché volevo che si sentisse al sicuro e supportata anche se non mi sentivo così in quel momento.

Dopo il trauma di un lungo travaglio e di un taglio cesareo non pianificato, ho dovuto adattarmi al mio nuovo corpo. Inoltre, il bambino e io abbiamo dovuto imparare come allattare correttamente, affrontare la depressione postpartum e far capire che eravamo soli.

Alla fine ho accettato il mio nuovo corpo, il bambino si stava attaccando bene e con la preghiera, il sostegno e l'uscita di casa regolarmente sono uscito dalla depressione postpartum sentendomi molto meglio.

A poco a poco, ho accettato la mia nuova vita e ho deciso di crescere mio figlio, costruendo una vita felice per noi. Sebbene avessi genitori solidali con i quali vivevo, ho presto scoperto che dovevo trasferirmi a casa mia se volevo essere in grado di coltivare la vita che desideravo per me e mia figlia.

Gestire le esigenze di tuo figlio e i tuoi obiettivi

L'ex mamma adolescente Manisha Holiday conosce anche la difficoltà di essere una mamma single. Manisha aveva solo 15 anni quando ha avuto il suo primo figlio. Le sfide più grandi per lei erano provvedere al suo bambino, scuola di giocoleria e crescere troppo presto. "Volevo rendere orgogliosa mia madre, quindi ho fatto quello che dovevo fare", dice Manisha.

Nonostante abbia iniziato una famiglia in così tenera età ed essendo una mamma single, Manisha ha finito la scuola e ha continuato a costruire una vita per i suoi tre figli. Entrambe le sue figlie più grandi (una professionista dei servizi sociali e una truccatrice) sono donne di successo e lei sta crescendo suo figlio di 14 anni per diventare un giovane straordinario. Inoltre, Manisha gestisce la sua azienda di pubbliche relazioni ed è comproprietaria di una fattoria di canapa in Georgia.

Quando mia figlia è entrata in questa fase di indipendenza infantile, mi sono sentita come una mamma single professionista. Ho avuto il mio secondo figlio quasi 4 anni dopo la sua nascita e così tante persone mi hanno chiesto come ho potuto fare tutto e farlo sembrare così facile.

Durante gli anni dell'infanzia tra l'infanzia e l'adolescenza i miei figli erano più facili da gestire. Avevamo stabilito una routine, stavo conoscendo le loro personalità e potevo concentrarmi sul lavoro e sulla scuola.

Bilanciare tutto

In un certo senso, questa età è il punto debole della maternità single e dei genitori in generale. Ma c'erano ancora delle difficoltà. La parte più impegnativa di questa fase? L'atto di bilanciamento.

Essere una mamma single al college che si destreggiava tra genitori e classi è stata la parte più impegnativa di questa fase. Mio figlio non era ancora abbastanza grande per la scuola, quindi ho dovuto trovare un'assistenza all'infanzia affidabile. Un babysitter privato era l'opzione migliore perché non lo volevo all'asilo. Per fortuna ho trovato una grande signora anziana che lo amava a pezzi.

Riconoscere che ci sarà sempre il giudizio degli altri

Nel frattempo, mia figlia frequentava la scuola elementare dove ho affrontato il dramma di basso profilo di insegnanti che pensavano che fossi solo un'altra mamma single indifferente e non coinvolta.

Non ho potuto partecipare al PTA né sono mai stata una mamma di stanza; non rientrava nel mio programma già fitto di appuntamenti. Ma ho partecipato a conferenze genitori-insegnanti e sono rimasto in contatto con gli insegnanti il ​​più possibile tramite e-mail.

Gli anni del preadolescente e del bambino sono molto simili. È la fase della vita in cui i piccoli umani cercano di ritrovare se stessi e affermare la propria indipendenza.

A questa età, la cosa più difficile per molte mamme single è sentirsi sicure di prendere decisioni che cambiano la vita sulla salute e il benessere di tuo figlio senza aiuto.

Assumersi la piena responsabilità dei successi e degli errori

Ho chiesto a una mamma single, TJ Ware, della sua esperienza come mamma single di un preadolescente. TJ è la fondatrice di The Single Mom Network e ha condiviso le sue sfide con la crescita di suo figlio.

Quando suo figlio era alle elementari ha iniziato ad avere problemi comportamentali. Era spesso chiamata a scuola dal lavoro a metà giornata per portarlo a casa.

Credendo che si stesse scatenando perché suo padre non era molto in giro, TJ ha deciso di cambiare la sua dieta, metterlo su un programma più rigido e iscriverlo allo sport – il che ha aiutato, in quel momento. Pochi anni dopo i problemi comportamentali sono riemersi.

Sotto la pressione dei suoi insegnanti, lo fece testare per il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Sebbene gli fosse stata diagnosticata una forma lieve, TJ ha deciso di non sottoporre il figlio a farmaci in tenera età temendo che avrebbe avuto effetti negativi su di lui.

Alcune ricerche hanno dimostrato che gli insegnanti bianchi spesso attribuiscono all'ADHD comportamenti impegnativi dimostrati dai ragazzi neri, quando non è sempre così. TJ non era sicura che la loro valutazione mostrasse il quadro completo di ciò che stava accadendo con suo figlio.

Imparare a mettere da parte i dubbi su se stessi

TJ ha dovuto prendere la decisione migliore per suo figlio, da sola. In tutto questo, ha messo in dubbio la sua adeguatezza come genitore, come fanno molte mamme single. Domande come, sono abbastanza bravo? Sto facendo abbastanza come genitore? le riempiva la testa, giorno dopo giorno.

La decisione se curare o meno suo figlio incombe ancora nella mente di TJ. Quando suo figlio entra al liceo, l'opzione è molto importante. Potrebbe aiutarlo a concentrarsi e trarre il meglio dai prossimi 4 anni. Eppure si chiede se sia davvero, davvero necessario.

Nonostante le sfide, TJ è orgogliosa di suo figlio e vede così tanto di sé in lui. È un giovane creativo, brillante e riflessivo con uno spirito imprenditoriale proprio come il suo.

Crescere gli adolescenti è una sfida, non importa se sei sposato o single. Quando i bambini acquisiscono un po 'di conoscenza, insieme ai cambiamenti che avvengono nei loro corpi, può essere una ricetta per il disastro.

Lasciar andare il controllo

Essere una mamma single che allevava adolescenti era una sfida dal punto di vista "come posso proteggerli se non riesco a vederli". Quando mia figlia ha iniziato a uscire con gli amici, quando ha preso la patente e quando ha avuto il suo primo crepacuore, mi sono sentito impotente. Ho pregato molto. Imparare a credere che sarebbe stata bene senza il mio aiuto è stato difficile.

Promuovere una prospettiva plasmata dal potere invece che dal dolore

Inoltre ho dovuto aiutare mia figlia ad affrontare i problemi con suo padre. La mia più grande paura era che avrebbe visto la vita solo attraverso la lente del dolore. La grande sfida è diventata: come posso aiutarla a inquadrare la sua prospettiva per vedere la vita in una luce positiva?

Fortunatamente, con molte parole, comprensione, preghiera e autenticità, sta prosperando.

Ora è in un'università della Ivy League, co-fondatrice di una rivista, vice presidente di un club studentesco e consulente studentesco. Ha avuto i suoi alti e bassi e io ero impazzito quando è tornata a casa alle 3 del mattino, ma ho imparato a metterla nelle mani di Dio e dormire sonni tranquilli.

Essere una mamma single non è una tragedia, nonostante ciò che gli altri vorranno farti credere. Per me, è stato il catalizzatore per trovare me stesso e aiutare gli altri condividendo la mia storia. La mia esperienza è una lezione per altre mamme single: è possibile uscire dall'altra parte di questa esperienza una versione migliore di te stesso.

Samantha A. Gregory è un autore, consulente e oratore. È un'esperta di genitorialità, denaro e stile di vita da mamma single presente su The Washington Post, The New York Times, Essence, HuffPost, ABC News e Mint.com. Samantha ha fondato il pluripremiato RichSingleMomma.com, la prima rivista online che offre contenuti e corsi per mamme single su finanza personale, genitorialità e sviluppo personale. Mira a ispirare le donne pronte a prosperare e non solo a sopravvivere nel loro viaggio di maternità single. Connettiti con lei su Instagram @richsinglemomma.