I vaccini contengono tessuto fetale abortito?

16

Diversi vaccini comuni vengono prodotti coltivando i virus necessari nelle cellule di fibroblasti embrionali fetali. Queste cellule provenivano originariamente da tessuto ottenuto da due feti che furono abortiti legalmente ed elettivamente all’inizio degli anni ’60.

Le stesse cellule hanno continuato a crescere in un laboratorio e sono ancora utilizzate per fare i vaccini oggi. Da allora non sono state raccolte ulteriori cellule fetali, ma l’argomento è controverso a causa della fonte originale.

I vaccini che crescono in queste cellule fetali includono:

Nel 2011, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato un vaccino adenovirus orale derivato da fibroblasti di embrioni fetali umani per l’uso solo nelle popolazioni militari.

Storia

Le cellule fetali sono state originariamente utilizzate perché i virus tendono a crescere meglio nelle cellule umane che negli animali. Le cellule fetali non si dividono tante volte quanto gli altri tipi di cellule, quindi possono essere utilizzate più a lungo.

Inoltre, grazie alla capacità di mantenere queste cellule a temperature molto basse, come nell’azoto liquido, gli scienziati sono in grado di continuare a utilizzare le stesse linee cellulari fetali originariamente isolate negli anni ’60.

I produttori di vaccini ottengono linee cellulari umane da banche cellulari certificate dalla FDA. Dopo l’elaborazione, nel vaccino rimane pochissimo, se non nessuno, di quel tessuto.

Preoccupazioni e considerazioni

Coloro che sono preoccupati per l’uso delle cellule fetali per lo sviluppo di vaccini possono esserlo per una serie di ragioni, comprese le convinzioni religiose e l’etica personale.

Il Vaticano ha preso posizione sulla questione. Nel 2017, la Pontificia Accademia per la Vita del Vaticano ha affermato che la mancanza di vaccinazioni rappresenta un grave rischio per la salute.

Hanno affermato: “In passato, i vaccini erano stati preparati utilizzando cellule di feti umani abortiti, tuttavia le linee cellulari attualmente utilizzate sono molto distanti dagli aborti originali … oggi non è più necessario ottenere cellule da nuovi aborti volontari, e questo le linee cellulari su cui si basano i vaccini derivano esclusivamente da due feti originariamente abortiti negli anni ’60 “.

In effetti, il ruolo di prevenire i decessi per queste malattie si è dimostrato significativo. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), le vaccinazioni prevengono da due a tre milioni di morti in tutto il mondo ogni anno e 1,5 milioni in più potrebbero essere evitate se più persone fossero vaccinate.

Ciò evidenzia i pericoli posti ai bambini dall’evitare i vaccini, che devono anche essere considerati. Nel Regno Unito e negli Stati Uniti, alcuni genitori che hanno scelto di non vaccinare hanno visto i loro figli sviluppare il morbillo.

Il morbillo è una malattia molto contagiosa e potenzialmente pericolosa che, fino a poco tempo fa, era stata del tutto sradicata nei paesi tecnologicamente avanzati, a causa delle vaccinazioni.

Alternatives

Coloro che sono preoccupati per l’uso di feti abortiti nello sviluppo di vaccinazioni possono rivolgersi a vaccini alternativi che sono stati preparati utilizzando tessuti e cellule animali (anziché umani). In alcuni casi, possono essere disponibili vaccinazioni alternative, tra cui:

  • Vaccino contro l’herpes zoster Shingrix (coltivato da cellule ovariche di criceto)
  • RabAvert vaccino contro la rabbia (coltivato da fibroblasti di pollo)

Se vuoi saperne di più sulle alternative o hai dubbi specifici, contatta il tuo pediatra per ulteriori informazioni.