Il mio allungamento dinamico pre-jog preferito in assoluto

56

Prima di una corsa, lo stretching generalmente rientra nella colonna “da fare”, non in quella da “fare”. Non vedo l’ora di usare la mia energia per andare in pista, sai?

Ma c’è un tratto che non mi dispiace affatto fare, perché tutto ciò che lo riguarda mi fa sentire come se mi stessi rendendo più forte e più preparato per la linea di partenza. Il tratto è chiamato “cerniere dell’anca a gamba singola” e si chiama anche “tocchi del corridore”.

Per farlo, ti alzi su una gamba, quindi inclini il busto in avanti e sollevi la gamba non in piedi dietro di te finché entrambe non sono parallele al suolo. Sei fondamentalmente in una posa di Warrior 3, formando una forma a “T” con il tuo corpo (la tua gamba in piedi è la base, e la parte superiore del corpo inclinata in avanti e la gamba sollevata sono la parte superiore). Quindi, coinvolgendo il tuo core, torni in piedi, portando la gamba sollevata piegata e davanti a te, in una posa da corridore come se stessi correndo con un ginocchio alto.

Il tratto è come un’istantanea di un singolo passo. Lo ripeti per 30 secondi su un lato e poi lo ripeti sull’altra gamba.

Storie correlate

Questa mossa rientra nella categoria dello stretching dinamico, in cui coinvolgi i muscoli mentre li allunghi contemporaneamente. Questo doppio compito è ciò che rende gli allungamenti dinamici così grandi per prepararsi all’esercizio.

“Lo stretching dinamico è diverso dallo stretching statico perché non stai tenendo un allungamento (come faresti in un allungamento statico), stai entrando e uscendo attivamente da quell’allungamento, attivando e stimolando così i muscoli che vengono utilizzati”, afferma Azul Corajoria, a allenatore sanitario certificato e personal trainer. “Un buon allungamento dinamico prende di mira i muscoli che stai per usare per aiutare ad aumentare la gamma di movimento e la circolazione sanguigna.”

Poiché questo allungamento termina sostanzialmente con un fermo immagine della tua corsa, avrebbe senso imitare il movimento della corsa in un modo che prepara i tuoi muscoli.

“Allunga delicatamente i muscoli della catena posteriore (muscoli posteriori della coscia, glutei e schiena) all’interno di una gamma completa di movimento mentre ti pieghi in avanti, quindi devi attivarli / contrarli quando torni su”, dice Corajoria. “È anche un ottimo movimento perché richiede di usare il core per mantenere una buona forma.”

Così funzionalmente, queste mosse sono un ottimo riscaldamento prima della corsa. Ma cosa c’è in loro che in realtà * mi diverto * così tanto? Quando mi inclino in avanti, apprezzo l’allungamento che la mia gamba in piedi ottiene nel mio tendine del ginocchio. Ma amo anche la sensazione di tornare su. Per farlo lentamente e con controllo, riesco quasi a sentire ogni muscolo della mia gamba, dai miei grandi quadricipiti ai minuscoli muscoli delle mie caviglie, entrare in azione. Mi fa sentire forte e agile. Come se fossi pronto a saltare in avanti e correre.

Potrebbe esserci un po’ di biologia al lavoro, mi dice Corajoria. Lo stretching aiuta ad alleviare la rigidità e la tensione, “ma anche l’aumento del flusso sanguigno e dell’ossigeno nel nostro corpo può innescare il rilascio di endorfine e serotonina (alias i nostri ormoni del ‘sentirsi bene’). I nostri corpi sono progettati per muoversi, vogliono muoversi.

Questo è esattamente ciò di cui questo tratto è un promemoria. Che il mio corpo è pronto a muoversi, pronto a correre.

Vuoi avere gambe pronte per la corsa? Prova questo riscaldamento basato sulla mobilità di 10 minuti specificamente progettato per prepararti a lunghe corse.