In che modo i livelli di attività NEAT e EAT influiscono sulla longevità

7

Quando si tratta di attività fisica, ci sono quattro tipi di persone in questo mondo, secondo una nuova ricerca: pantofolai attivi, motori sedentari leggeri, atleti sedentari e motori. Probabilmente non sorprenderà il fatto che le persone su questo pianeta che vivono le vite più lunghe e più sane rientrino esattamente in quest’ultima categoria. Ciò che potrebbe sorprenderti, tuttavia, è che queste persone, che vivono in parti del mondo chiamate Zone Blu, raramente si esercitano nel senso tradizionale del termine. Invece, massimizzano la quantità di tempo al giorno che trascorrono facendo cose considerate attività NEAT vs. EAT.

Non conosci le abbreviazioni? NEAT è l’acronimo di termogenesi dell’attività non fisica e include tutti i movimenti che esegui durante la giornata che non sono allenamento, sonno o alimentazione. “Ciò comprende attività come camminare, fare le scale, passare l’aspirapolvere, pulire la casa, ballare”, afferma Taylor Fazio, RD, CDN, in un recente video di Instagram.

Nel frattempo, EAT sta per termogenesi dell’attività fisica. Come avrai intuito, questo si riferisce a qualsiasi energia che spendi facendo allenamenti più tradizionali come il cardio o l’allenamento della forza. “La cosa che potrebbe sorprendere è che il NEAT contribuisce maggiormente al dispendio energetico giornaliero totale rispetto al solo esercizio”, afferma Fazio. “E quindi ciò significa che essere una persona complessivamente attiva, qualcuno che fa anche esercizio ogni tanto, ma fa attività costantemente durante il giorno, è un punto debole per la salute”.

Storie correlate

Perché massimizzare i tuoi minuti NEAT può prolungare la durata della tua salute

I nostri corpi sono costruiti per muoversi e per muoversi spesso, secondo la fisiologa dell’esercizio Sharon Gam, PhD, CSCS. “L’attività dei nostri muscoli è il segnale di molti processi importanti nel nostro corpo”, spiega. “Ad esempio, i segnali dei nostri muscoli possono dire al nostro cervello di rilasciare sostanze neurochimiche e ormoni, attivare i nostri sistemi cardiovascolari e metabolici e molto altro”.

In questi giorni, i nostri muscoli non sono abbastanza attivi perché trascorriamo così tanto tempo stando fermi e, di conseguenza, riceviamo molto meno di quei segnali importanti, secondo il dottor Gam. “Ciò significa che non riceviamo tante sostanze chimiche benefiche rilasciate nel nostro cervello ogni giorno, il nostro cuore e i nostri polmoni non si esercitano a fare i piccoli aggiustamenti necessari per inviare sangue intorno al nostro corpo mentre cambiamo posizione, stiamo non è così bravo a estrarre grassi e carboidrati dal nostro flusso sanguigno per utilizzarli come carburante “, afferma. “Quando il nostro corpo non fa bene queste cose, può esporci a un rischio maggiore di malattia”.

Grazie al lavoro del giornalista investigativo ed esperto di longevità Dan Buettner, sappiamo come le persone che vivono nelle zone blu mangiano, vivono e rimangono attive, il che contribuisce alla loro lunga durata di salute. (È normale che le persone in queste regioni vivano oltre i 100 anni, mentre l’aspettativa di vita media delle persone negli Stati Uniti è di 78 anni.) Ora, grazie a una nuova ricerca, abbiamo una migliore comprensione di come i movimenti NEAT contribuiscono alla loro longevità anche.

Oltre a ridurre il rischio di malattie croniche come il diabete e le malattie cardiovascolari, rimanere attivi aiuta anche a proteggere il cervello dal declino cognitivo legato all’età. Uno studio del Centro tedesco per le malattie neurodegenerative ha rilevato che le persone che hanno partecipato ad attività NEAT come salire le scale invece di un ascensore e camminare invece di guidare avevano volumi cerebrali maggiori rispetto alle persone che erano ferme per la maggior parte della giornata. “I risultati del nostro studio indicano che anche piccoli cambiamenti comportamentali, come camminare 15 minuti al giorno, possono avere un sostanziale effetto positivo sul cervello e potenzialmente contrastare la perdita di materia cerebrale legata all’età e lo sviluppo di malattie neurodegenerative”, ha scritto Fabienne Fox, PhD, neuroscienziato e autore principale del presente studio, in un comunicato stampa. “Volumi cerebrali più grandi forniscono una migliore protezione contro la neurodegenerazione rispetto a quelli più piccoli”.

Poiché la maggior parte delle persone è occupata o avversa all’esercizio, concentrarsi sull’aumento dei minuti NEAT rispetto a EAT è un modo semplice per rendere più attiva un’attività quotidiana esistente, Arjun V. Masurkar, MD, PhD, direttore clinico di base di L’Alzheimer’s Disease Research Center della NYU Langone, ha detto in precedenza a Well+Good.

Come ottimizzare il tuo tempo NEAT vs. EAT

Il dottor Gam dice di pensare al NEAT come movimento a bassa intensità e all’esercizio come movimento a media o alta intensità. “Il movimento a bassa intensità dovrebbe costituire la maggior parte del movimento che fai ogni giorno, ed è la base affinché il tuo corpo funzioni in modo efficiente e raggiunga una linea di base di salute”, afferma. “Se hai una buona base di salute, allora puoi usare il movimento ad alta intensità come un’opportunità per migliorare ancora di più la tua salute.”

In un mondo ideale, saresti un allenamento ibrido in cui ti alleneresti per la forza due volte a settimana e otterresti un mix di cardio ad alta e moderata intensità che si aggiunge a un valore compreso tra 75 e 300 minuti a settimana se stai seguendo le linee guida sull’attività fisica per gli adulti americani emesse dal Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti. È stato dimostrato che questi parametri di riferimento proteggono le persone dalle malattie croniche che contribuiscono alla morte prematura.

Tuttavia, come ha dimostrato la ricerca, l’esercizio da solo non sarà sufficiente per ottenere lo status di Zona Blu. “In effetti, le persone che fanno molto esercizio fisico ma si siedono anche troppo a lungo ogni giorno corrono ancora un rischio maggiore di gravi problemi di salute”, afferma il dott. Gam. Raccomanda di spostarsi il più spesso possibile con attività NEAT. “Un buon punto di partenza è interrompere lunghi periodi di seduta spostandosi ogni mezz’ora per almeno un paio di minuti”, afferma. “Inoltre, fai da 30 a 60 minuti di esercizio strutturato quasi tutti i giorni della settimana.

Come per tutte le abitudini sane, la costanza è la chiave. “Continua a fare piccoli movimenti durante il giorno; si aggiunge davvero”, dice Fazio. Ad esempio, consiglia di utilizzare metà della pausa pranzo per fare una passeggiata intorno all’isolato. Ogni piccolo aiuto a lungo termine.