La Task Force aggiorna la definizione di "dolore" per la prima volta in 40 anni

0
61

Punti chiave

  • L'Associazione Internazionale per lo Studio del Dolore ha aggiornato la sua definizione di dolore per concentrarsi sull'esperienza del dolore di un paziente e per includere coloro che non possono comunicarlo verbalmente.
  • Questo cambiamento incorpora diversi tipi di dolore nella definizione, compresi quelli che non comportano danni diretti ai tessuti.
  • L'utilizzo dell'analisi del dolore auto-riferito di un paziente offre maggiori opzioni di trattamento olistico.

A luglio, l'International Association for the Study of Pain (IASP) ha rivisto la sua definizione di dolore per la prima volta in 40 anni. Questa nuova definizione descrive l'esperienza del dolore come "un'esperienza sensoriale ed emotiva spiacevole associata o somigliante. quello associato a danni ai tessuti effettivi o potenziali. "

La definizione precedente, pubblicata nel 1979, definisce il dolore come "un'esperienza sensoriale ed emotiva spiacevole associata a un danno tissutale effettivo o potenziale, o descritta in termini di tale danno".

La definizione aggiornata offre una visione più sfumata e sistemica del dolore e mira a cambiare il modo in cui il dolore viene compreso, comunicato e trattato.

Lo IASP ha anche aggiunto sei note che ampliano la definizione di dolore da più angolazioni diverse. Questi includono:

  • Il dolore è sempre un'esperienza personale influenzata a vari livelli da fattori biologici, psicologici e sociali.
  • Il dolore e la nocicezione (che è spesso causata da uno stimolo esterno) sono fenomeni diversi e il dolore non può essere dedotto esclusivamente dall'attività nei neuroni sensoriali.
  • Attraverso le esperienze di vita, le persone apprendono il concetto di dolore.
  • Il resoconto di una persona di un'esperienza come dolore dovrebbe essere rispettato.
  • Sebbene il dolore di solito svolga un ruolo di adattamento, può avere effetti negativi sulla funzione e sul benessere sociale e psicologico.
  • La descrizione verbale è solo uno dei diversi comportamenti per esprimere dolore e l'incapacità di comunicare non nega la possibilità che un animale umano o non umano provi dolore.

Lo IASP ha anche aggiunto l'etimologia – origine di una parola e sviluppo storico del suo significato – della parola dolore per fornire un ulteriore contesto.

Etimologia del dolore:

Medio inglese, dall'anglo-francese peine (dolore, sofferenza), dal latino poena (pena, punizione), a sua volta dal greco poinē (pagamento, pena, ricompensa).

Cosa comprende questa nuova definizione?

I cambiamenti introdotti da questa nuova definizione, scritta da una task force presidenziale multinazionale di 14 membri con una vasta esperienza nella scienza relativa al dolore, possono sembrare sottili. Ma diminuiscono l'importanza di poter descrivere il dolore per ottenere una diagnosi.

Il dolore si espande fino a comprendere persone che non possono comunicarlo verbalmente, come neonati, adulti affetti da demenza o chiunque abbia disturbi della parola o del linguaggio. In questo modo, i riflettori si spostano dal modo in cui il dolore viene elaborato dagli altri e torna alla persona che lo sta vivendo.

"La ricerca negli ultimi 40 anni da quando è stata introdotta la definizione precedente ha approfondito e ampliato la nostra comprensione dell'esperienza del dolore e dei meccanismi che lo guidano", Marnie Hartman, DPT, CSCS, fisioterapista con sede in Alaska e Yoga Medicine istruttore, dice a Verywell. "Penso che la nuova definizione dimostri la complessità e l'individualità del dolore."

Lo IASP osserva che non tutto il dolore è collegato a evidenti danni ai tessuti e che il dolore può derivare da più fonti all'interno del corpo.

Nella maggior parte dei casi che comportano danni ai tessuti, il nostro corpo invia messaggi sul dolore attraverso segnali sensoriali chiamati nocicettori. In passato, la presenza o la mancanza di questi neuroni sensoriali veniva utilizzata per valutare la quantità di dolore nel proprio corpo. Tuttavia, questa nuova definizione afferma che non tutte le forme di dolore vengono comunicate utilizzando nocicettori. Un esempio è il dolore neuropatico, che può derivare da danni ai nervi o malfunzionamenti del sistema nervoso. Esempi di condizioni che possono scatenare il dolore neuropatico includono la sindrome dell'arto fantasma, la cistite interstiziale e la sclerosi multipla.

"Il sistema nervoso è uno dei sistemi coinvolti nell'esperienza del dolore, insieme al sistema immunitario, al sistema endocrino, ecc.", Afferma Hartman. "Sono presenti anche altre dimensioni come genetica, epigenetica, pensieri, credenze, emozioni, e risposte allo stress. Il danno tissutale può essere presente o può essere stato presente contemporaneamente. "

Jaime Zuckerman, PsyD

Sentirsi dire che i loro sintomi sono nella sua testa o "non reali" può portare un paziente a diffidare delle proprie percezioni del proprio dolore.

– Jaime Zuckerman, PsyD

Questo spostamento si concentra sull'esperienza del paziente del proprio dolore, consentendo ai medici di riconoscere e credere a ciò che non possono sempre misurare fisicamente. Per molti che vivono con dolore cronico sotto forma di una malattia invisibile, questa è un'esperienza particolarmente convalidante.

"Una malattia invisibile crea l'illusione che una persona sia, in effetti, 'non così malata' o, in alcuni casi, per niente malata", Jaime Zuckerman, PsyD, uno psicologo clinico con sede in Pennsylvania specializzato nei sintomi psicologici associati a malattie cliniche, dice Verywell. "Quando ci confrontiamo con qualcuno che a prima vista sembra relativamente sano nonostante sia malato, diamo per scontato che sia, in effetti, sano. Sentirsi dire che i loro sintomi sono nella loro testa o 'non reali' può portare un paziente a diffidare delle proprie percezioni del proprio dolore o ridurre al minimo la segnalazione dei propri sintomi per paura di essere dubitato o sminuito. "

Mettere in luce gli aspetti invisibili del dolore invisibile apre la porta a diverse misure diagnostiche, concentrandosi ulteriormente sui sintomi auto-riferiti. Questa definizione tiene anche conto delle diverse componenti psicologiche, emotive e sociali che possono influenzare l'esperienza del dolore.

Cosa significa per te

La nuova definizione dello IASP rende più facile la comunicazione e la valutazione del dolore. Estende l'esperienza oltre ciò che può essere visualizzato in un test diagnostico e sottolinea l'esperienza di dolore personale del paziente. Ciò consente regimi di trattamento più olistici che possono abbracciare diverse specialità mediche.

Come può guidare i protocolli di trattamento?

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e molte altre organizzazioni governative e non governative hanno adottato la definizione di dolore dello IASP. Questa nuova definizione incoraggia i medici ad abbracciare una visione sistemica del dolore durante il trattamento di un paziente.

"Riconoscere la multidimensionalità del dolore, soprattutto quando diventa più persistente, si spera anche enfatizzerà la necessità di più operatori sanitari da coinvolgere nel trattamento al fine di aiutare a spostare o ridurre l'esperienza del dolore", dice Hartman. "Una profonda comprensione dell'individuo e della sua storia personale sembra essere l'aspetto più importante nel determinare chi dovrebbero essere i giocatori chiave del team di assistenza".

Ciò consente anche più opzioni di trattamento per il dolore quando i fattori trainanti dietro di esso sono più difficili da individuare.

"Con questa definizione, c'è più comunicazione ed educazione sul dolore: cos'è il dolore, cosa lo spinge e cosa stiamo imparando sono fattori importanti per il trattamento", dice Hartman. "E questa è tutta una grande promozione della speranza per coloro che soffrono di dolore e per coloro che lottano per aiutare a fornire assistenza".

Ad esempio, Hartman afferma che l'aggiunta di una pratica di consapevolezza alla terapia fisica o all'agopuntura può consentire a un individuo di valutare in profondità la propria esperienza di dolore e potenzialmente aumentare la propria modalità di cura.

"Questo fornisce una visione per l'individuo per riconoscere e comprendere ulteriormente alcune delle proprie reazioni all'esperienza del dolore", dice. "Possono quindi imparare come spostare alcuni di questi o diminuire l'intensità o la persistenza dell'esperienza".

Hartman spera che una comprensione più profonda del dolore possa aiutare i pazienti a essere maggiormente coinvolti nel proprio trattamento.

"Penso che ci possano essere grandi benefici in una relazione terapeutica e nel prendersi del tempo per la cura", dice. "Soprattutto quando il trattamento viene fornito con un'adeguata educazione della scienza del dolore e riconoscendo ciò che l'esperienza del dolore viene effettivamente presa di mira, assicurando che l'individuo sia un partecipante attivo nell'erogazione del trattamento".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui