L'intelligenza artificiale può aiutare a ridurre le prescrizioni di oppioidi dopo l'intervento chirurgico, i risultati della ricerca

0
73

Punti chiave

  • Molte persone sono oppioidi prescritte dopo l'intervento chirurgico.
  • Un nuovo algoritmo cerca di determinare quali pazienti avranno più dolore dopo l'intervento chirurgico, al fine di offrire ai pazienti con opzioni di trattamento del dolore gestibili non oppioidi.
  • L'algoritmo è efficace all'80% nel predire il dolore post-operatorio grave.

Secondo un nuovo studio, l'intelligenza artificiale (AI) può aiutare a determinare quali pazienti sono ad alto rischio di dolore intenso dopo l'intervento chirurgico, nonché quali pazienti possono trarre beneficio dalla gestione del dolore non correlata agli oppioidi.

La ricerca, che viene presentata all'incontro annuale dell'American Association of Anesthesiologists, mira a ridurre il numero di persone esposte agli oppioidi nel tentativo di ridurre il rischio di disturbo da uso di oppioidi.

Gli Stati Uniti sono attualmente nel mezzo di una crisi di oppioidi. L'overdose da oppiacei ha causato oltre 42.000 decessi nel 2016 e si stima che il 40% dei decessi per overdose da oppiacei riguardasse una prescrizione di oppioidi, secondo il Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) degli Stati Uniti. Una nuova ricerca sta spingendo i professionisti medici a prescrivere oppioidi. meno spesso.

Lo studio è stato suddiviso in due parti. Nel primo, i ricercatori hanno analizzato i dati di 5.944 pazienti sottoposti a diversi interventi chirurgici, tra cui la rimozione della colecisti, l'isterectomia, la sostituzione dell'anca e la chirurgia della prostata. Di questi pazienti, 1.287 (22%) avevano assunto una dose elevata di 90 morfina milligrammo (mg) equivalente nelle prime 24 ore dopo l'intervento chirurgico.

I ricercatori hanno utilizzato 163 potenziali fattori per prevedere chi avrebbe avuto forti dolori dopo l'intervento chirurgico e hanno creato tre diversi modelli di algoritmi di apprendimento automatico che hanno analizzato le cartelle cliniche dei pazienti. I fattori sono stati quindi ristretti a quelli che predicevano più accuratamente la gravità del dolore dei pazienti e il potenziale bisogno di uso di oppioidi dopo le loro operazioni.

Alcuni dei fattori più predittivi del dolore post-chirurgico includevano:

  • Età più giovane
  • Indice di massa corporea più alto
  • Genere femminile
  • Dolore preesistente
  • Precedente uso di oppioidi

Per la seconda parte dello studio, i ricercatori hanno confrontato ciò che i loro modelli prevedevano in termini di chi aveva effettivamente bisogno di usare oppioidi dopo l'intervento. I ricercatori hanno scoperto che tutti e tre i modelli hanno identificato accuratamente quali pazienti avevano maggiori probabilità di avere un forte dolore circa l'80% delle volte.

"Questo nuovo strumento può aiutare a ridurre la prescrizione non necessaria di oppioidi per coloro che non ne hanno bisogno e aiutare le persone ad accedere a trattamenti non oppioidi dopo l'intervento chirurgico che possono essere più vantaggiosi", l'autore principale dello studio Mieke A. Soens, MD, anestesista al Brigham and Women's Hospital e istruttore di anestesiologia presso la Harvard Medical School di Boston, dice a Verywell.

Cosa significa per te

Esistono alternative agli oppioidi per la gestione del dolore dopo l'intervento chirurgico. Se hai una procedura imminente e desideri ridurre al minimo o eliminare l'uso di oppioidi per il tuo dolore, parla con il tuo medico.

Come vengono normalmente prescritti gli oppioidi

"Attualmente i medici non identificano di routine i pazienti a più alto rischio di dolore intenso e elevato fabbisogno di oppioidi dopo l'intervento chirurgico", afferma Soens. Molti medici compilano questionari per cercare di determinare chi soffrirà di più dopo l'intervento chirurgico, ma la pratica è "molto dispendiosa in termini di tempo e ingombrante e poco pratica per l'uso nella pratica quotidiana", dice Soens.

Cosa sono gli oppioidi?

Gli oppioidi lo sono una classe di farmaci che includono antidolorifici disponibili su prescrizione, come ossicodone (OxyContin), idrocodone (Vicodin), codeina, morfina e altri, secondo il National Institute on Drug Abuse (NIDA). Mentre sono generalmente sicuri quando presi per un breve periodo e come prescritto da un medico, gli oppioidi possono anche essere usati in modo improprio e portare a dipendenza e assuefazione.

Anche la storia personale di una persona può essere un fattore, dice a Verywell Vernon Williams, MD, specialista nella gestione del dolore e direttore fondatore del Center for Sports Neurology and Pain Medicine presso il Cedars-Sinai Kerlan-Jobe Institute di Los Angeles. "Se un paziente ha subito precedenti interventi chirurgici, molte volte dirà al medico che ha avuto difficoltà in passato", dice. "A volte ci sono informazioni nel grafico che dicono al medico che questo potrebbe essere più difficile."

Anche il tipo di procedura è importante. "Per alcuni tipi di procedure, possiamo anticipare che qualcuno potrebbe avere disagio per alcuni giorni e riceverà farmaci per alcuni giorni in base alle necessità", dice Williams. "Ma il problema è se esiste un modo accurato per prevedere dove un paziente può avere un grado di dolore molto più grave o più lungo e come anticiparlo".

Soens spera che il suo algoritmo possa aiutare a colmare questa lacuna. "Il modello che abbiamo sviluppato utilizza i dati già disponibili nella cartella clinica del paziente e negli algoritmi di apprendimento automatico ed è in grado di prevedere rapidamente e in tempo reale il fabbisogno elevato di oppioidi dopo l'intervento chirurgico", afferma Soens.

L'obiettivo, dice, è quello di essere in grado di identificare i pazienti che probabilmente avranno bisogno di una dose elevata di oppioidi dopo l'intervento chirurgico e quindi lavorare per cercare di massimizzare le opzioni non oppioidi, nonché un "approccio di gestione del dolore su misura" per ciascun paziente.

Opzioni di trattamento non oppioidi

Gli oppioidi non sono le uniche opzioni di gestione del dolore disponibili per i pazienti. “Una strategia è alternare paracetamolo e ibuprofene. Questo è abbastanza comune ", dice a Verywell Jamie Alan, PhD, assistente professore di farmacologia e tossicologia alla Michigan State University.

Rassicurare un paziente e fornire loro una tempistica per il recupero può essere utile. "Far sapere ai pazienti per quanto tempo anticipare il dolore può essere davvero utile", afferma Williams.

Anche iniezioni intramuscolari, antinfiammatori orali e trattamenti topici, incluso il ghiaccio, possono aiutare, dice.

I blocchi nervosi e le epidurali possono ridurre il dolore, dice Soens. Tuttavia, non sono economici. "Queste alternative possono essere molto costose e talvolta rischiose", afferma. "Pertanto, essere in grado di indirizzare il trattamento giusto ai pazienti giusti non è importante solo per ridurre l'uso di oppioidi, ma anche per garantire che i pazienti ricevano il trattamento giusto per loro".

In definitiva, afferma Soens, l'obiettivo è fornire ai pazienti un piano di gestione del dolore più personalizzato. "Molte persone sono diventate utenti e sovrautilizzatori di farmaci antidolorifici dopo l'intervento chirurgico e vogliamo contribuire a ridurre tale carico per i pazienti, le loro famiglie e la società in generale", afferma. "Come medici, vogliamo essere in grado di ottenere i trattamenti giusti per i pazienti giusti e aiutare i nostri colleghi a prendere le decisioni giuste".

Soens afferma che il suo modello attuale è "solo l'inizio": lei e il suo team hanno in programma di continuare a perfezionare l'algoritmo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui