Non sembro carina mentre mi alleno, e va bene

79

Mi sto avvicinando alla fine del mio terzo set di presse aeree. Le mie braccia tremano per lo sforzo di sollevare i manubri sopra la mia testa. Creo una potente sfera di energia nel profondo del mio nucleo, e mentre la spingo su per il mio corpo, attraverso il petto, la schiena, le spalle e le braccia, storto la faccia ed emetto un ruggito mentre lancio entrambi i pesi verso il soffitto e potenza attraverso la rep. Il mio allenatore ride di apprezzamento per Zoom e dice “Questo è il motivo per cui amo lavorare con te, Rachel. Dai sempre il massimo”.

“Sì, e sembro e suono così attraente quando lo faccio”, rispondo scherzando.

Ma mi colgo nel momento. Perché sto pensando a quanto sembro attraente quando ho appena superato una sfida difficile e, in definitiva, potenziante? Anche la descrizione che uso quando rifletto – “infatuato” – ha una connotazione negativa quando si tratta del mio aspetto.

Mi sono reso conto di quanto sembro “carino”, rispetto a quanto mi sento potente e bestiale, quando mi alleno è stato nella mia mente ultimamente.

Penso che parte di ciò abbia a che fare con il fatto che di recente sono tornato alle lezioni di fitness dal vivo, frequentando alcuni dei miei primi allenamenti di gruppo da prima della pandemia. E in quelle classi non ho potuto fare a meno di notare quanto fossero belli e messi insieme i miei compagni di classe. Dagli abiti sportivi abbinati alle code di cavallo perfette fino al trucco e alle estensioni delle ciglia, queste ragazze potrebbero andare al brunch con la stessa facilità di un bootcamp. Sono solo io, o sembrare carino andare in allenamento è diventato ancora più normale di quando andavo in palestra regolarmente, prima della pandemia? Ma non è solo IRL che sto notando questa tendenza.

Per me, aggiungere l’aspettativa di avere un bell’aspetto per un allenamento è un altro ostacolo all’allenamento.

Riesco a malapena a scorrere Instagram o TikTok senza individuare una donna completamente vestita in abbigliamento sportivo come se stesse andando a un servizio editoriale invece che in palestra, o che gli venisse offerta una pubblicità per abiti da allenamento costosi e alla moda. Negli spettacoli televisivi, ho notato set coordinati che sostituiscono maglioni oversize e magliette grandi quando c’è una scena di fitness. Potremmo essere più lontani dai giorni in cui Monica costringeva Chandler a fare esercizio su Friends indossando pantaloni della tuta grigi? In un certo senso, è un esempio di arte che imita la vita. Secondo un rapporto di Forbes, gli acquisti di athleisure sono cresciuti dell’84% nel primo anno della pandemia. Quindi forse abbiamo tutti vestiti da allenamento più alla moda che non vediamo l’ora di sfoggiare da due anni.

Storie correlate

O forse è che la medicazione alla dopamina rende alcune persone più eccitate all’esercizio. In un sondaggio su oltre 2.000 frequentatori di palestra, il 69% ha affermato che avere dei bei vestiti da allenamento aiuta a motivarli ad andare in palestra. “La dopamina ci motiva a cercare una ricompensa”, ha detto in precedenza a Well+Good la psicologa comportamentale Carolyn Mair, PhD, autrice di The Psychology of Fashion. “Quindi, scientificamente parlando, la medicazione alla dopamina si riferisce alla motivazione di una persona a vestirsi in un modo che si tradurrà in un risultato positivo, come sentirsi più sicuri, competenti o felici”. O forse, più forte, più veloce o più in forma?

Va tutto bene e travestirsi certamente può essere divertente. Ma, per me (e il 31% delle persone che non traggono motivazione dai loro abiti da palestra), aggiungere l’aspettativa di avere un bell’aspetto per una sessione di allenamento è un altro ostacolo all’allenamento. Inoltre, non trovo necessariamente i vestiti di tendenza, come i crop top, i più comodi per allenarmi. So che non mi piace mettere a nudo l’ombelico quando mi alleno in pubblico perché (per quanto cerca di non pensarci), l’aspetto del mio stomaco potrebbe essere nella mia mente e fungere da distrazione.

Per alcune persone, forse vestirsi per allenarsi è una parte necessaria del riscaldamento, e va benissimo così. Ma per me è un sollievo avere un momento in cui va bene non avere il mio aspetto al primo posto. Dalle chiamate Zoom alle storie di Instagram, la pressione per essere presentabili al mondo esterno è molto peso da portare sulle nostre spalle, più dei manubri che sto sollevando.

Mi chiedo anche se questa enfasi sul nostro aspetto toglie ciò su cui dovremmo concentrarci in palestra o in studio: spingere i nostri corpi? Non importa quanto indosso o se il mio reggiseno sportivo si abbina ai miei pantaloncini da motociclista quando sto facendo un set come quelle presse sopra la testa. Grugnerò, suderò e farò smorfie come se fossi pronto a porre l’assedio a una roccaforte nemica. Non è “carino”, in quanto non è ordinato, pulito, simmetrico, apparentemente semplice, messo insieme o convenzionalmente “attraente”. Ma è potente, e sono io.

I nostri editori selezionano autonomamente questi prodotti. Effettuare un acquisto tramite i nostri link può far guadagnare a Well+Good una commissione.