Non sono incinta, sono solo gonfia: il mio viaggio di adozione

0
36

Da adulta adottata in una relazione tra persone dello stesso sesso, non mi sarei mai aspettata che sarebbe stato difficile abbandonare l’idea di essere incinta. Una volta fatto, mi sono trovato faccia a faccia con alcune dure verità sull’adozione.

Quando io e il mio ex abbiamo iniziato a parlare di espandere la nostra famiglia, abbiamo deciso di provare prima l’inseminazione. Quando ciò non ha funzionato, siamo passati all’adozione.

E abbiamo provato a rimanere incinta – Dio, non è che non ci abbiamo provato.

Essere in una relazione con un’altra donna significa che il “tentativo” è sempre intenzionale. Quando prevedi di concepire tramite inseminazione o fecondazione in vitro, non ci sono conversazioni #oopsie che portano con, non so quando o come sia successo!

Abbiamo esaminato attentamente i libri di possibili donatori di sperma e quando siamo atterrati su “quello” abbiamo ordinato il suo sperma e programmato gli appuntamenti necessari presso la clinica della fertilità.

Abbiamo deciso che la nostra prima volta che tentavamo di inseminare sarebbe stata fatta da soli, a casa nostra, perché volevamo creare uno spazio amorevole e romantico. Abbiamo pensato che avrebbe aiutato energicamente il processo.

Quindi il bagno è stato disegnato, le candele accese, il vibratore nelle vicinanze, ed eravamo pronti ad addolcirci nell’esperienza attraverso un rituale intenzionale, e dovrei dire imbarazzante. Ho pensato che sarebbe stato MAGICO e ovviamente avrebbe funzionato. La prima volta.

HA! All’epoca vivevamo in un bungalow con un bagno e una vasca molto piccola. Io ho 5’10 “e il mio ex partner 5’11”, quindi non ci siamo adattati entrambi in una piccola vasca.

Diavolo, il fatto che io mi stia in una piccola vasca è a malapena un’opzione a meno che non mi piaccia avere una metà del mio corpo nell’acqua mentre l’altra metà si congela all’aria aperta.

E anche se abbiamo fatto tutte le cose che pensavamo di dover fare, non sono rimasta incinta. Non quella volta … né le 8 volte aggiuntive che abbiamo provato. Abbiamo dovuto cambiare il nostro piano se volevamo espandere la nostra famiglia, perché rimanere incinta attraverso l’inseminazione non era più un’opzione.

Tengo a precisare che sono un adulto adottato che ha due fratelli adottivi e ora due bambini adottati. Amo l’adozione.

Naturalmente, ho pensato che non avrei avuto problemi con l’adozione dell’adozione come il modo in cui abbiamo fatto crescere la nostra famiglia. Ma mi sbagliavo.

Liberare il pensiero di essere incinta è stato molto più difficile di quanto mi aspettassi. Ero caduto vittima dei messaggi della società sul valore di una donna e sulla gravidanza.

Nella nostra cultura, le donne incinte sono glorificate e messe su un piedistallo, se si presentano come il tipo “giusto” di donna incinta.

Scattiamo splendide foto di maternità, lodiamo le donne incinte che lavorano per ore estenuanti, celebriamo le donne incinte che si allenano e fanno tutte le cose durante la gravidanza. Parliamo di avere un figlio “tuo” – un mini-me.

Voglio dire, Dio, guarda tutti i post di Instagram di donne vestite come le loro figlie.

Nella nostra cultura, inviamo il messaggio che scegliere di essere incinta eleva il tuo valore nel mondo. E chi diavolo non vorrebbe sentirsi degno?

Mi sono sentito deluso come chiunque altro quando ho realizzato che una gravidanza non sarebbe accaduta per me.

Ma eravamo determinati ad espandere la nostra famiglia e l’adozione è stata la strada che abbiamo accettato. Così è iniziato il nostro viaggio di adozione.

Quando ripenso al processo di adozione – con tutti i documenti, le visite a domicilio, i colloqui; il setacciare i nostri bilanci e le nostre storie di lavoro; l’intervista ad amici – Mi chiedo spesso perché nessuno ci abbia fatto questa domanda molto semplice e critica.

Penso che la nostra popolazione diminuirebbe di milioni se questo fosse il test che le famiglie facessero prima di avere figli.

Indipendentemente da ciò, abbiamo fatto TUTTE le cose che potresti fare quando la tua vita è messa al microscopio in modo che qualcun altro possa determinare se sei adatto a un genitore. Abbiamo persino preparato i biscotti in modo che la nostra casa avesse un profumo delizioso quando l’assistente sociale è venuto per il nostro colloquio e l’ispezione domestica.

Essendo una coppia dello stesso sesso, più di poche agenzie ci avevano detto che non avremmo nemmeno dovuto adottare.

Ci è stato detto che stavamo “rovinando tutto per tutti gli altri” (questo ancora mi sconcerta), e che l’adozione di un bambino nero sarebbe stato uno dei modi per assicurarci che saremmo stati scelti rapidamente e non avremmo dovuto aspettare troppo a lungo.

E ci è stato detto che se fossimo aperti all’adozione di un bambino maschio nero, le nostre probabilità sarebbero ancora migliori in quanto sono più difficili da collocare.

SI PREGA di leggere di nuovo l’ultima frase.

Ci è stato dato il messaggio – forte e chiaro – che i neonati maschi neri ei bambini neri in generale sono più difficili da collocare.

Non molto tempo fa, nel mondo delle adozioni private, la quota per adottare un bambino nero era, infatti, inferiore a quella per adottare un bambino bianco. Per fortuna, quella pratica non esiste più, almeno non con le agenzie con cui abbiamo lavorato.

Ebbene, abbiamo detto di sì all’adozione di un bambino di colore. In realtà era più un inferno sì, perché a quel tempo (e ancora oggi) non ci importava di come fosse la nostra famiglia. Non ci importava che la nostra famiglia diventasse una famiglia transrazziale.

Col senno di poi, avremmo dovuto dedicare più tempo alla cura. Le agenzie con cui abbiamo lavorato avrebbero dovuto dedicare più tempo a istruirci su ciò che questo significa veramente per una famiglia, soprattutto per il neonato o bambino nero.

Quando parliamo del lavoro che deve essere fatto nel nostro paese per smantellare i sistemi razzisti, le agenzie di adozione privata e il sistema di affidamento hanno sicuramente il loro bel da fare.

Questo viene da qualcuno che ama veramente e crede nell’adozione e nell’affido. È difficile per me come donna bianca che non solo è stata adottata, ma ha anche ampliato la mia famiglia attraverso l’adozione, ammettere questa verità.

Così abbiamo iniziato il processo di attesa. Abbiamo aspettato e aspettato e aspettato … e penso che tu abbia capito il punto.

Alla fine siamo stati abbinati a una donna incinta e abbiamo programmato di adottare il suo bambino. Tre settimane prima della sua consegna, abbiamo ricevuto un’e-mail in cui aveva cambiato idea.

Questo è tutto. Questa è stata la conclusione che abbiamo ricevuto dopo aver creato un’immagine nella nostra mente di come sarebbe stata la nostra vita con un neonato.

Ed è allora che ho capito che allentare la presa sulla mia visione di come sarebbe stata questa esperienza era un must.

Non sarei riuscito a superare questo processo a meno che non avessi rilasciato alcune – no, la maggior parte – delle aspettative che avevo sull’intero percorso di adozione.

Alla fine, abbiamo ottenuto una corrispondenza. Era solido come queste cose possono essere, il che significa davvero nessun terreno solido su cui stare. Ma come sanno la maggior parte (se non tutte) le famiglie che scelgono l’adozione, impari a trovare la tua posizione sulle superfici più instabili, e questo deve solo fare.

Così iniziò la parte successiva del viaggio: la genitorialità.

Poiché l’universo funziona in modi così affascinanti, 3 anni dopo ci siamo ritrovati a tuffarci nuovamente nell’adozione.

Il processo di adozione è unico come i bambini che adotti, quindi lasciare andare un’esperienza precedente è la chiave per assicurarti di essere aperto a qualsiasi cosa ti capiti durante la prossima esperienza.

Quando parlo con famiglie che hanno un vizio dell’idea che DEVONO rimanere incinte per far crescere la loro famiglia, chiedo loro: qual è il tuo obiettivo finale? È per sperimentare una gravidanza? Trasmettere il DNA? O è per – in poche parole – espandere la tua famiglia?

Se è il secondo, allora è importante lasciar andare le nozioni preconcette su come potrebbe apparire la creazione di una famiglia.

Devi abbracciare la verità: puoi viaggiare verso la tua destinazione su molti percorsi diversi e accettare ciò contribuirà ad alleviare le irregolarità del viaggio.

Debbie Scheer è un’oratrice, presentatrice, banditrice d’aste benefiche e stratega dell’umorismo che risiede a Denver, in Colorado, con i suoi due figli. Debbie parla di una varietà di argomenti, tra cui vita sobria, genitorialità, adozione transrazziale, GLBTQ +, dolore e resilienza, privilegi e salute mentale. Quando Debbie non parla, non fa il presentatore o non raccoglie fondi per organizzazioni non profit, può essere trovata costretta i suoi figli a fare escursioni con lei sulle montagne del Colorado.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui