Nutrire i bambini con il glutine può ridurre il rischio di celiachia

69

Punti chiave

  • Nuovi dati suggeriscono che nutrire i bambini con glutine tra i 4 ei 6 mesi su una base costante può ridurre il rischio di sviluppare la celiachia.
  • Sono necessari più dati per determinare se si tratta di una vera riduzione del rischio o di un ritardo nell'insorgenza.
  • I bambini nello studio sono stati alimentati con due biscotti integrali a settimana prima dei 6 mesi di età.

Nutrire i bambini con glutine tra i 4 ei 6 mesi di età è associato a una ridotta prevalenza della celiachia, secondo una recente analisi dei dati.

"Questo rapporto costituisce un forte argomento per l'introduzione precoce del glutine di età compresa tra 4 e 6 mesi per prevenire lo sviluppo della celiachia entro i 3 anni di età", Brandon Sparks, MD, gastroenterologo pediatrico al Riley Hospital for Children in Indiana, dice Verywell. Sparks non è stato coinvolto nel rapporto.

Gli esperti di salute stanno ora raccomandando che cibi altamente allergenici come le arachidi e le uova dovrebbero essere somministrati ai bambini presto e spesso per ridurre il rischio di sviluppare allergie. Sparks spiega che sebbene la fisiopatologia della celiachia e delle allergie alimentari classiche, come le arachidi, sia diversa , l'idea di sviluppare una tolleranza immunitaria mediante introduzione precoce è simile.

"Introducendo una dose settimanale di glutine nella dieta dei bambini allattati principalmente al seno, gli autori sono stati in grado di dimostrare una differenza significativa nello sviluppo della celiachia rispetto all'introduzione standard del glutine", afferma.

L'analisi, pubblicata su JAMA Pediatrics il 28 settembre, ha utilizzato i dati dello studio Inquiring About Tolerance (EAT), uno studio clinico che ha esaminato l'assunzione alimentare di 1.004 bambini provenienti da Inghilterra e Galles e ha registrato qualsiasi diagnosi di celiachia.

Non ci sono stati casi confermati di celiachia nel gruppo "esposizione precoce" (glutine fornito prima dei 6 mesi di età) rispetto all'1,4% di prevalenza di celiachia nel gruppo di esposizione standard, una differenza statisticamente significativa.

"Un follow-up a lungo termine sarà utile per vedere se questa introduzione precoce del glutine riduce il rischio di celiachia per tutta la vita o semplicemente ritarda l'insorgenza della malattia", afferma Sparks.

Cosa significa per te

Se stai introducendo solidi al tuo bambino, offrirgli costantemente cibi che contengono glutine nella fase iniziale può aiutare a proteggerlo dallo sviluppo della celiachia.

Cos'è la celiachia?

La celiachia è una condizione in cui il consumo di glutine, una proteina naturalmente presente in determinati alimenti, può provocare dolore addominale, diarrea, costipazione e altri effetti collaterali. Le persone che gestiscono la celiachia evitano del tutto di consumare glutine. Alcune fonti di glutine includono:

Alcuni tipi di pane, pasta, cracker e biscotti sono vietati per chi gestisce la celiachia. Il glutine può anche essere trovato in alcune birre, condimenti, zuppe e molti altri oggetti inaspettati. Per chi soffre di celiachia, l'intestino tenue può essere danneggiato se si consuma il glutine e potrebbe provocare difficoltà nell'assorbimento di determinati nutrienti.

Ai bambini dovrebbe essere somministrato glutine già a 4 mesi?

Mentre i dati attuali suggeriscono che l'esposizione precoce al glutine è benefica per i bambini per ridurre il rischio di celiachia, i dati passati suggeriscono il contrario. In uno studio del 2019, l'aumento dell'assunzione di glutine durante i primi 5 anni di vita era un fattore di rischio indipendente per l'autoimmunità della celiachia e la celiachia nei bambini geneticamente predisposti.

Infatti, secondo gli autori del presente studio, quattro studi clinici che valutano l'assunzione di glutine e il rischio di celiachia non hanno trovato un'associazione tra i tempi di introduzione del glutine e la prevalenza della malattia. Tuttavia, notano che in tre dei in queste prove, il consumo di glutine è iniziato dopo i 6 mesi di età. Quindi, per vedere un vero vantaggio, esporre i bambini al glutine dopo i 6 mesi di età potrebbe essere troppo tardi.

Sulla base dei risultati di questo studio, Sparks afferma che non è irragionevole raccomandare l'introduzione precoce del glutine come componente di alimenti complementari a partire dai 4 mesi di età, purché sia ​​somministrato in modo sicuro, "come un solubile biscotti o cereali sotto controllo per evitare il soffocamento. "

Poiché l'American Academy of Pediatrics (AAP) raccomanda l'introduzione di cibi solidi più vicino al segno di 6 mesi, Kacie Barnes, MCN, RDN, un dietista registrato con sede a Dallas, esita a fare una raccomandazione generale per tutti i bambini a consumare glutine a 4 mesi di età.

"Ci sono molti fattori da considerare quando si inizia una dieta solida di un bambino e, sebbene la prevenzione della celiachia sia uno di questi, non è appropriato che tutti i bambini inizino l'introduzione a cibi contenenti glutine – o qualsiasi alimento – intorno al segno di 4 mesi, "Barnes dice a Verywell.

Sebbene lei ritenga che il consumo precoce di glutine dovrebbe essere deciso caso per caso, come avere un rischio genetico noto per la celiachia, per la maggior parte dei bambini, raccomanda di attendere fino a più vicino a 6 mesi per introdurre i solidi, in conformità con il Raccomandazioni di AAP.

Qualsiasi introduzione al cibo solido dovrebbe essere fatta sotto la supervisione del pediatra di tuo figlio. Ma se una famiglia desidera introdurre il glutine a un bambino che è evolutivamente pronto a consumare cibi solidi – il che significa che il bambino sta seduto senza aiuto e non ha il riflesso della spinta della lingua – Barnes offre alcuni cibi suggeriti. Una striscia di pane a fette leggermente tostato con avocado o yogurt greco sopra o una pasta ben cotta condita in olio d'oliva fanno degli ottimi snack contenenti glutine sicuri per i più piccoli.