Perché la scienza dice di fare yoga per le malattie cardiache

47

A volte, dopo un’ottima lezione di yoga, ti alzi dal tappeto e ti senti… incredibile. I tuoi muscoli sono sciolti, la tua mente è lucida e giuri di poter sentire il tuo sangue scorrere nelle tue vene portando al tuo corpo tutti quei buoni nutrienti di cui ha bisogno.

Lo yoga potrebbe davvero essere buono per te come ci si sente? Molto probabilmente, sì.

Se vuoi vivere una vita più lunga e più sana, potresti considerare come includere lo yoga come parte della tua normale routine. La scienza dimostra che impegnarsi in una pratica yoga costante può migliorare la flessibilità, aumentare la forza muscolare, prevenire lesioni, rafforzare il sistema immunitario, aiutarti a dormire e ridurre lo stress. Può anche supportare una buona salute cardiovascolare e ridurre il rischio di sviluppare condizioni cardiometaboliche come l’ipertensione: recentemente, uno studio pubblicato sul Canadian Journal of Cardiology ha rilevato che l’aggiunta di soli 15 minuti di yoga alla routine di allenamento potrebbe migliorare la pressione sanguigna e il riposo frequenza cardiaca e ridurre il rischio cardiovascolare.

Come lo yoga migliora la salute del cuore

Durante lo studio, durato tre mesi, i ricercatori hanno cercato di determinare se l’aggiunta dello yoga a una routine di esercizi regolari potesse ridurre il rischio di sviluppare malattie cardiache, la principale causa di morte a livello globale. Il team di ricerca ha reclutato 60 persone a cui era stata precedentemente diagnosticata la pressione alta e la sindrome metabolica (rischio elevato di malattie cardiache, diabete e ictus) per partecipare a un programma di allenamento fisico.

I partecipanti sono stati divisi in due gruppi: uno che ha fatto 15 minuti di yoga prima di una sessione di 30 minuti di cardio cinque giorni alla settimana e un altro che ha fatto 15 minuti di stretching prima della stessa sessione di cardio. I ricercatori hanno quindi misurato la pressione sanguigna, il glucosio e i livelli di lipidi dei partecipanti. Dopo tre mesi, entrambi i gruppi hanno visto cambiamenti positivi. Ma i partecipanti che hanno fatto 15 minuti di yoga avevano ridotto significativamente la loro pressione arteriosa sistolica (più del doppio rispetto alle barelle), e hanno mostrato una frequenza cardiaca a riposo più bassa e un ridotto rischio cardiovascolare a 10 anni, che non sono stati osservati nello stretching -solo gruppo.

Storie correlate

Le ragioni per cui lo yoga supera lo stretching

Perché dovrebbe esserci differenza? Una possibilità è l’attenzione dello yoga sulla respirazione controllata. “La respirazione lenta e profonda ti aiuta ad attingere al tuo sistema nervoso parasimpatico, che controlla cose come la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna”, afferma Nicola Banger, PT, OCS, fisioterapista dell’Hospital for Special Surgery di New York che lavora spesso con gli yogi . “Controllando consapevolmente il respiro durante lo yoga, puoi abbassare la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca a riposo e gli ormoni dello stress.”

Altri teorizzano che lo yoga abbia la meglio sullo stretching perché coinvolge sia il corpo che la mente. “Lo yoga implica l’attività fisica, la respirazione e la meditazione, tutte cose benefiche per il benessere fisico, emotivo e spirituale di una persona”, spiega Nina Moore, CPT, un personal trainer certificato con FORME. “Praticare lo yoga prima dell’attività aerobica può incoraggiare una maggiore presenza mentale e connessione fisica con il corpo, riducendo al contempo diversi sistemi all’interno del corpo”.

Inoltre, impegnarsi in una pratica di consapevolezza come lo yoga tende a incoraggiare altri comportamenti sani che supportano una buona salute cardiovascolare, come mangiare cibi sani, dormire bene e gestire lo stress.

E se lo yoga non fa per te…

Naturalmente, non tutti gli allenamenti sono la tazza di tè di tutti. Se hai provato lo yoga e semplicemente non fa per te, Banger suggerisce di eseguire esercizi di allenamento della forza multi-articolari a gamma completa. “Puoi ancora ottenere i benefici di flessibilità dallo stretching combinato con contrazioni muscolari eccentriche (allungamento). Inoltre, praticando la consapevolezza e la respirazione profonda, puoi ottenere un sollievo dallo stress simile a una pratica yoga “, afferma. “In definitiva, trarrai il massimo vantaggio da qualsiasi pratica con cui è più probabile che tu rimanga coerente e, meglio ancora, ti diverta.”