Perché non prendere mai consigli nutrizionali da esperti di fitness

61

L’alimentazione e l’esercizio fisico sono aree di competenza profondamente connesse, ma totalmente diverse. Scorri l’Instagram di qualsiasi professionista del fitness, però, e probabilmente vedrai alcuni suggerimenti nutrizionali: voglio dire che gli allenatori devono sapere di cosa stanno parlando, giusto? Quando si tratta di fitness ed esercizio fisico, certo. Ma quando si tratta di nutrizione, pensaci due volte.

Può sembrare abbastanza innocuo adottare i protocolli alimentari dei tuoi professionisti del fitness preferiti. Dopotutto, senza una corretta alimentazione, i tuoi obiettivi di esercizio e le tue prestazioni possono andare a sud, e se presti attenzione solo all’alimentazione ma non ti alleni, stai perdendo un aspetto fondamentale della salute generale. Allora perché non dovresti chiedere consiglio alla persona che ti guida attraverso i tuoi allenamenti per assicurarti di alimentarti adeguatamente al fine di potenziare le tue prestazioni e raggiungere i tuoi obiettivi di fitness?

Il problema con gli esperti di fitness che danno consigli nutrizionali

“Avrebbe senso che gli istruttori, il cui obiettivo è aiutare i loro clienti, volessero anche aiutarli ad affrontare il lato nutrizionale delle cose”, afferma Sarah Amelia Wenig, RD, nutrizionista sportiva e fondatrice di New York Nutrition. Wenig ha lavorato come istruttrice di Pilates per anni prima di diventare una dietista e dice che quando era solo un’istruttrice, i suoi clienti venivano spesso da lei per un consiglio. “Ma questo è problematico per molte ragioni”, dice.

Il primo problema? Molti formatori, sebbene possano essere personalmente ben informati sulla nutrizione e su ciò che funziona per loro, non sono formati o adeguatamente certificati per fornire consigli nutrizionali ai clienti. In effetti, i programmi di certificazione degli allenatori popolari, come quelli dell’American Council on Exercise (ACE) e della National Academy of Sports Medicine (NASM), offrono solo una panoramica generale dell’alimentazione e chiariscono che non è sufficiente qualificare gli allenatori per offrire consigli nutrizionali.

Storie correlate

“Per aiutare pienamente qualcuno con l’alimentazione, una comprensione della scienza della nutrizione è un must: c’è un motivo per cui sono necessari rigorosi corsi accademici e qualifiche per diventare un dietista”, aggiunge Wenig.

Parte della vasta formazione universitaria che i dietisti registrati ricevono include diversi semestri di scienze alimentari, spiega Julie Stefanski, RDN, portavoce dell’Academy of Nutrition & Dietetics. “Senza una comprensione approfondita di come differisce la composizione nutrizionale degli alimenti, alcuni formatori e coach nutrizionisti scelgono di indirizzare i clienti verso una serie molto limitata di cibi alla moda in base alle opinioni”, afferma.

E questo non vale solo per i formatori nelle palestre o negli studi, BTW. Queste regole si applicano anche ai social media dove innumerevoli allenatori e sedicenti influencer del fitness o esperti di benessere prestano consigli nutrizionali senza le solide credibilità per ottenerli.

Quindi, se stai parlando con un istruttore di fitness o vedi dei consigli nutrizionali che circolano sui social media, come fai a sapere quale consiglio è legittimo o quale guida dovresti saltare? Secondo gli esperti, cerca queste bandiere rosse chiave.

1. Mancanza di credenziali nutrizionali

Può sembrare ovvio, ma se la persona che dà consigli non ha credenziali nutrizionali al di là di una certificazione di formazione personale o di un corso online, non accettarlo. “In primo luogo, cerca qualcuno che sia un nutrizionista dietista registrato, RD/RDN, o in procinto di diventare un RD, in particolare quelli con un master in nutrizione, che sarà presto richiesto a chiunque voglia diventare un RD”, dice Wenig. “Se qualcuno non è un RD, ma ha un master o un dottorato di ricerca in scienze della nutrizione, significa che ha studiato nutrizione per anni, non durante il fine settimana in un corso accelerato, per esempio, ed è qualificato per fornire validi consigli nutrizionali, oltre a definirsi nutrizionisti”, afferma Wenig.

È importante sapere che molte persone diverse si definiscono nutrizioniste negli Stati Uniti poiché il termine non è molto ben regolamentato, spiega Wenig. “In molti stati, i professionisti della nutrizione qualificati sono autorizzati dallo stato e puoi controllare quali certificazioni e quali corsi di formazione sono riconosciuti come esperti di nutrizione in conformità con gli standard educativi”, sottolinea Stefanski.

In conclusione: non accettare consigli nutrizionali da esperti di fitness o influencer che non sono anche dietisti o medici registrati. Ma anche se hanno le credenziali adeguate per offrire consigli dietetici, devi comunque scavare un po’ di più per determinare se è legittimo.

2. Affiliazione o promozione di marchi di prodotti specifici

Per essere chiari, non c’è niente di sbagliato nel fatto che gli esperti di nutrizione facciano pagare per il loro tempo o servizi. Ma le linee possono diventare sfocate quando qualcuno dà consigli nutrizionali mentre vende anche una linea di prodotti o un marchio specifico (sia che sia direttamente attraverso sponsorizzazioni e sponsorizzazioni o indirettamente tramite link di affiliazione).

“Le persone devono anche tenere a mente che quando qualcuno promuove prodotti, come una polvere proteica, molto probabilmente viene pagato da questa azienda”, afferma Wenig. A meno che, ovviamente, non dicano diversamente.

Inoltre, quando si tratta di integratori e proteine ​​in polvere, ricorda che si tratta di prodotti in gran parte non regolamentati negli Stati Uniti, quindi è meglio che un professionista come un RD ti aiuti a valutare ciò che vale il tuo investimento.

“L’industria della dieta è un affare da miliardi di dollari negli Stati Uniti, ed è tenuta in vita dalle speranze delle persone che prodotti privi di fondamento faranno la differenza nel loro peso o nella loro salute”, afferma Stefanski. “Se qualcuno guadagna anche da un prodotto che sta consigliando, spesso si tratta di un conflitto di interessi”, aggiunge.

3. Mancanza di approvvigionamento o ricerca a sostegno delle affermazioni

Avere le credenziali adeguate è sempre il segno rivelatore se puoi ricevere consigli nutrizionali da un esperto. Ma un altro buon indicatore del fatto che la persona accreditata sta dando consigli solidi è se è in grado di presentare fonti a sostegno delle proprie affermazioni. Quante volte hai visto o sentito qualcuno dire “la scienza mostra x affermare” senza mai indicarti una fonte specifica?

“Può sembrare condividere il titolo/gli autori dell’articolo, pubblicare il numero PMID o condividere collegamenti agli studi reali”, afferma Wenig. Tieni presente, tuttavia, che devi ancora fare i compiti poiché la ricerca può essere imperfetta, parziale o interpretata erroneamente. Quanto è grande lo studio? Questo consiglio nutrizionale che diversi studi hanno riscontrato essere vero? O sono necessarie ulteriori ricerche? Lo studio è stato condotto su persone simili a te per sesso, età e altri fattori? Tutti questi sono indicatori di quanto puoi fidarti della scienza ed estrapolarla nella tua vita.

4. Dichiarazioni estreme e promesse elevate

Se qualcosa suona strano, estremo o troppo bello per essere vero, ascolta il tuo istinto. “Raramente c’è bisogno che qualcuno rinunci a tutto ciò che sta mangiando e segua un piano alimentare prestabilito che non è individualizzato”, afferma Stefanski. “Le condizioni mediche, le abitudini, le capacità di preparazione del cibo e i budget hanno tutti un impatto sul nostro successo a lungo termine e devono essere presi in considerazione. Le raccomandazioni nutrizionali rigide non portano mai al successo a lungo termine”.

Altre cose da cercare? “I consigli nutrizionali errati spesso includono ‘super alimenti’ specifici, una promessa di una rapida perdita di peso, strane quantità di cibi o combinazioni di alimenti, menu rigidi o finestre alimentari che non si adattano alla vita reale”, afferma Stefanski.

E Wenig aggiunge che “una grande bandiera rossa è quando qualcuno fa una dichiarazione molto in bianco e nero o classifica i cibi come ‘buoni’ e ‘cattivi'”. Dice di aver visto un esempio recente di questo quando qualcuno ha condiviso un post sui social media. sostenendo che il latte d’avena provoca ansia e depressione in tutti. “Ha causato persone nel gruppo [text] per iniziare a farsi prendere dal panico perché hanno creduto per un momento che questo potesse essere vero e che avrebbero dovuto eliminare il latte d’avena dalle loro vite”, ricorda Wenig. Fortunatamente per coloro che sorseggiano un latte d’avena in questo momento (*alza la mano*) lei dice che non c’è bisogno di buttarlo via.

Alla fine del giorno

Affidati a istruttori ed esperti di fitness per darti consigli sugli esercizi. Se qualcuno non ha la credenziale “RD/RDN” o un diploma avanzato in nutrizione insieme al suo nome, pensaci due volte prima di prendere i suoi consigli su come dovresti mangiare e non dare per scontato che, poiché qualcosa ha funzionato per una persona, si applicherà anche a te.