Quando il multitasking durante l’esercizio va bene e no

49

Al giorno d’oggi, il multitasking durante l’esercizio è più facile e più allettante che mai, sia che si tratti di guardare la TV sull’ellittica, scorrere le e-mail mentre si fanno le conchiglie o leggere su una cyclette. Tra l’esplosione delle opzioni di allenamento a casa, l’aspettativa di essere sempre disponibile e le illimitate opzioni di intrattenimento a portata di mano, può sembrare che il semplice allenamento, senza anche realizzare qualcos’altro o digerire alcuni contenuti, sia un’opportunità persa.

Eppure, innumerevoli studi hanno dimostrato che, in generale, mentre cerchiamo di realizzare sempre più cose contemporaneamente, le nostre prestazioni diminuiscono, afferma Darren Lumbard, uno psicologo che lavora con gli atleti presso l’Atlantic Sports Health. Il multitasking durante l’esercizio può anche porre problemi di sicurezza e influire sulla nostra capacità di utilizzare l’allenamento come fuga o avere un’esperienza mente-corpo completa.

Quando fatto con l’intenzione, tuttavia, fare il doppio dovere non deve essere una brutta cosa, soprattutto se è ciò che ti permette, o ti incentiva, a fare un allenamento, dice Lumbard.

Ecco come assicurarti che il multitasking non stia distogliendo il tuo allenamento

1. Scopri quali sono i tuoi obiettivi

Il fatto che abbia o meno senso multitasking mentre ti alleni dipende in gran parte da ciò che stai cercando di ottenere dal tuo allenamento e da come stai misurando il successo. Hai obiettivi di fitness specifici, come diventare un corridore più veloce, fare un allenamento incrociato per uno sport o sviluppare più forza nella parte superiore del corpo? Probabilmente vorrai concentrare tutta la tua attenzione sul tuo allenamento per ottimizzare le tue prestazioni, secondo Lumbard. “Quando si introduce il multitasking, si inizia a togliere il potenziale di guadagni marginali”, afferma.

Storie correlate

Se consideri l’esercizio principalmente come una via di fuga o un sollievo dallo stress, guardare la TV o ascoltare un podcast può aggiungere alla tua esperienza, ma provare a rispondere alle e-mail di lavoro probabilmente lo toglierebbe. Oppure, se il tuo obiettivo è semplicemente quello di trovare il tempo per muoverti per qualche minuto ogni giorno in mezzo a un programma fitto di appuntamenti, essere in grado di tenere d’occhio le e-mail o ascoltare una presentazione in background potrebbe essere ciò che ti consente di farlo accadere e è meglio che non esercitarsi affatto, dice Lumbard.

2. Assicurati che sia sicuro

Il tipo di allenamento che stai facendo, e quanto esperto e a tuo agio lo stai facendo, determineranno anche se è sicuro per te dirigere parte della tua attenzione verso qualcos’altro. Ovviamente, dovresti usare cautela quando corri su un tapis roulant o ti alleni all’aperto. E allenamenti intensi per tutto il corpo come HIIT, Tabata e sollevamento pesi non saranno mai buoni candidati per il multitasking.

Ma anche quando fai qualcosa a basso impatto come il Pilates, assicurati che le distrazioni non ti facciano perdere traccia della tua forma, il che potrebbe causare lesioni. Cassey Ho, fondatrice di Blogilates, che offre un popolare canale YouTube di video di Pilates a casa, ha realizzato diversi video “Netflix-friendly”, per i quali dice di scegliere movimenti semplici e ripetitivi con la testa rivolta in avanti. Ma in generale, dice, l’idea che qualcuno non presti piena attenzione ai suoi video, almeno quando li fa per la prima volta, non è l’ideale. “È già abbastanza difficile che io non sia lì a riparare di persona il loro modulo”, dice.

Ogni volta che esegui movimenti che sono nuovi per te, anche se si tratta di qualcosa di semplice come una cyclette o un’ellittica, concentrati sul compito da svolgere per metterti a tuo agio e imparare la forma corretta, afferma Mathew Welch, fisiologo dell’esercizio presso l’Hospital for Special Chirurgia. Suggerisce che se hai bisogno di leggere un’e-mail o inviare un SMS, aspetta una pausa di riposo tra gli esercizi, che secondo lui dovrebbe spesso essere più lunga di quanto la maggior parte delle persone pensi.

3. Nota come ti senti

Non sei sicuro che la tua abitudine di guardare la TV o scorrere Instagram mentre ti alleni stia danneggiando il tuo allenamento? Nota come ti senti mentre lo fai e come influisce sulle tue prestazioni, suggerisce Lumbard. Ho è d’accordo e fornisce l’esempio di come l’ascolto di podcast a 1,5 velocità la faccia correre più veloce. “Tutto ciò che il tuo corpo e il tuo cervello stanno ingerendo influenza l’allenamento”, dice. “Quindi è qualcosa di cui essere consapevoli.”

Forse noti che guardare la TV distoglie la mente dalla noia del tapis roulant e porta a un allenamento migliore, o che leggere le e-mail di lavoro mentre guidi una cyclette ti fa sentire ancora più realizzato quando esci dalla palestra. Oppure, d’altra parte, fai attenzione se la tua produzione diminuisce quando viene introdotta una distrazione o se il multitasking ti porta a terminare l’allenamento sentendoti stressato o disperso. “Fare esercizio può avere grandi implicazioni per la gestione dello stress”, afferma Lumbard. “Ma se ci stiamo stressando [multitasking]contrastiamo gli effetti positivi dell’esercizio”.

Se ti ritrovi costantemente a fare multitasking durante l’allenamento, potresti chiederti perché e adattare la tua routine di fitness di conseguenza se dovessi scoprire che è dovuto alla noia o alla difficoltà di concentrarti sull’attività di fronte a te.

Ma se la mancanza di tempo o di motivazione sono ostacoli al movimento, abbandona il multitasking, dice Lumbard, purché lo faccia in sicurezza.