Quando si forma la placenta? Tutto su questo organo unico

273

La gravidanza comporta alcuni cambiamenti piuttosto selvaggi nel tuo corpo. Sapevi che oltre a far crescere un essere umano, stai anche coltivando un organo completamente nuovo?

Mentre sei qui a occuparti di stanchezza, voglie, seni doloranti e nausea, dietro le quinte il tuo corpo lavora instancabilmente su due cose molto importanti: un bambino e una placenta.

È vero: anche all'inizio, la placenta, un organo fatto di tessuto sia fetale che materno, sta crescendo proprio accanto al tuo piccolo.

Il tuo corpo subisce rapidi cambiamenti durante la gravidanza, specialmente nei primi mesi. Per supportare questo processo, hai bisogno di un'ancora di salvezza per aiutare il tuo bambino a mangiare e respirare. La placenta, un organo che si sviluppa all'interno del tuo utero, fornisce una connessione tra te e il tuo bambino.

Questa connessione (tramite il cordone ombelicale) è ciò che aiuta a sostenere il tuo bambino in via di sviluppo durante la gravidanza. I nutrienti, l'ossigeno e gli anticorpi necessari passano dalla placenta attraverso il cordone ombelicale e al tuo bambino.

La tua placenta funziona anche al contrario, il che significa che rimuove i prodotti di scarto e l'anidride carbonica dal sangue del bambino al tuo sangue.

Poiché la placenta mantiene il tuo sangue separato dal sangue del tuo bambino, aiuta anche a mantenere alcuni batteri e virus fuori dall'utero, proteggendo il feto dalle infezioni.

Oltre ad essere un'ancora di salvezza per il tuo bambino, la placenta produce e secerne ormoni direttamente nel flusso sanguigno per aiutare a sostenere la gravidanza e la crescita fetale. Questi ormoni includono:

  • progesterone
  • estrogeni
  • ossitocina
  • gonadotropina corionica umana
  • lattogeno placentare umano

La gravidanza comporta una complessa serie di eventi, uno dei quali è la formazione della placenta. In generale, una volta che l'ovulo fecondato si impianta nella parete uterina, la placenta inizia a formarsi. Ma la palla inizia a rotolare diversi giorni prima dell'impianto.

Quando ovuli, un uovo lascia l'ovaio per viaggiare attraverso la tuba di Falloppio nella speranza di essere fecondato. In caso di successo, l'uovo ovulato incontra uno spermatozoo per iniziare la formazione del feto. Questo uovo ovulato è chiamato zigote. Nel corso di pochi giorni, lo zigote completerà molte divisioni cellulari nella tuba di Falloppio.

Quando lo zigote raggiunge l'utero, queste divisioni cellulari continuano e quindi lo zigote diventa una blastocisti. In questa fase, alcune cellule iniziano a formarsi nella placenta e altre iniziano a formare il feto. La blastocisti si inserisce nell'endometrio (noto anche come impianto).

Per aiutare a sostenere la gravidanza, la placenta produce un ormone chiamato gonadotropina corionica umana (hCG). (Questo è l'ormone misurato da un test di gravidanza, motivo per cui non otterrai un test positivo fino a dopo l'impianto.)

Nel corso della gravidanza, la placenta cresce da poche cellule in un organo che alla fine peserà circa 1 libbra. Entro la settimana 12, la placenta è formata e pronta a prendere il nutrimento per il bambino. Tuttavia, continua a crescere durante la gravidanza. È considerato maturo entro 34 settimane.

In condizioni normali, la placenta si attaccherà alla parete del tuo utero. Man mano che la gravidanza progredisce, si muoverà con il tuo utero in crescita.

Poiché la placenta svolge un ruolo così significativo durante la gravidanza, è utile sapere quando assume funzioni chiave come la produzione di ormoni e la fornitura di nutrienti al tuo bambino.

Sebbene ogni gravidanza sia diversa, puoi aspettarti che la placenta prenda il sopravvento tra le settimane 8 e 12 della gravidanza, con 10 settimane che sono il tempo medio per la maggior parte delle donne.

Questo non significa che la tua produzione di ormoni e la tua nutrizione non siano importanti. Infatti, per quanto riguarda l'alimentazione, la placenta "prende il sopravvento" significa che ciò che si consuma ora può raggiungere il bambino attraverso il cordone ombelicale e la placenta.

Coloro che rimangono incinte tramite fecondazione in vitro o hanno carenze ormonali potrebbero aver bisogno di un'integrazione di progesterone nel primo trimestre. Questi individui sono spesso in grado di interrompere l'assunzione di questo ormone una volta che la placenta inizia la propria produzione.

Molte donne non vedono l'ora che arrivi il secondo trimestre: i livelli di energia aumentano, i livelli ormonali iniziano a stabilizzarsi e la nausea mattutina si attenua. Ma perché tutto sembra andare meglio?

Come già accennato, verso la fine del primo trimestre (intorno alla settimana 10), la placenta assume la produzione di progesterone. Questo aiuta a ridurre la nausea e il vomito. Per molte mamme, questo significa la fine della nausea mattutina.

E se la tua nausea mattutina non andasse così? Anche in questo caso la placenta può avere un ruolo.

Se ti capita di avere una maggiore concentrazione di una proteina chiamata GDF15 nel sangue, quei frequenti attacchi di nausea e vomito possono continuare per un po 'di tempo.

Uno studio ha rilevato che le donne che hanno riferito di vomito nel secondo trimestre avevano un livello più alto di concentrazioni di GDF15 circolanti materne intorno alla settimana 15 di gravidanza.

Le buone notizie? I ricercatori ipotizzano che alti livelli di GDF15 potrebbero significare che la placenta si sta sviluppando correttamente. Potrebbe anche aiutare a spiegare perché alcune donne hanno l'iperemesi gravidica, che è una forma estrema di nausea mattutina.

La placenta di solito si attacca al lato o nella parte superiore dell'utero, ma non è sempre così. A volte, può svilupparsi nella posizione sbagliata o attaccarsi troppo profondamente, portando a disturbi della placenta.

Anche se si verifica una gravidanza sana, possono comunque verificarsi complicazioni con la placenta. Detto questo, queste condizioni si verificano in genere come risultato di fattori, come:

  • genetica
  • età materna
  • ipertensione
  • trasporto di multipli
  • precedenti parto cesareo
  • uso di sostanze
  • precedenti problemi placentari
  • trauma addominale

La buona notizia è che il tuo medico monitorerà molte di queste condizioni durante la gravidanza e lavorerà con te su un piano di parto.

La placenta previa è una condizione che causa la crescita della placenta nella parte inferiore dell'utero, in genere entro 2 centimetri dall'apertura cervicale. Di conseguenza, la placenta copre tutta o parte della cervice. Se la placenta copre completamente la cervice, ciò può causare sanguinamento durante il parto e molto probabilmente richiederà un taglio cesareo per il parto.

Il distacco della placenta è una condizione grave che causa il distacco della placenta dalla parete dell'utero durante la gravidanza o il parto. I sintomi includono sanguinamento vaginale e dolore alla schiena o all'addome.

La placenta accreta si verifica quando una parte o tutta la placenta è incorporata troppo in profondità nella parete uterina.

La placenta anteriore indica che la placenta si è attaccata alla parte anteriore dello stomaco. In genere, questo non è un problema, in realtà è solo una variante normale, ma informi il medico se avverte una diminuzione del movimento fetale.

La placenta trattenuta indica che una parte della placenta è ancora nell'utero dopo il parto. Se la placenta non rilascia entro un certo periodo di tempo, generalmente 30 minuti (ma può durare fino a 60 minuti), il medico eseguirà una procedura per rimuovere la placenta.

L'insufficienza placentare viene diagnosticata quando la placenta non è in grado di fornire un adeguato apporto di ossigeno e sostanze nutritive al feto, il che può provocare complicazioni della gravidanza. Il medico monitorerà questa condizione durante la gravidanza.

Se questa è la tua prima gravidanza, potresti essere sorpreso di apprendere che il parto non è l'unica fase del parto. Dopo aver messo gli occhi su quel bellissimo fascio di gioia, preparati per la terza fase del parto: consegnare la placenta.

Durante quest'ultima fase del parto, il tuo utero continuerà a contrarsi, consentendo alla placenta di separarsi dalla parete uterina e alla fine attraverso il canale del parto per il parto.

Se hai avuto un parto vaginale, questo processo richiede circa 30 minuti. Per le mamme che partoriscono tramite taglio cesareo, il medico rimuoverà la placenta.

Per spostare le cose, il medico potrebbe chiederti di spingere o massaggiare l'utero. In alcuni casi, potrebbero darti Pitocin per aiutare a contrarre l'utero. Oppure, possono consigliare un piccolo contatto pelle a pelle con il tuo bambino per aiutare il tuo utero a contrarsi.

La placenta è un organo essenziale che fornisce ossigeno e sostanze nutritive al tuo bambino in via di sviluppo. Svolge anche un ruolo significativo nella salute della gravidanza.

Durante la gravidanza, la placenta cresce e cambia forma. Se si verificano sintomi come sanguinamento dalla vagina, dolore addominale o dolore alla schiena, contattare immediatamente il medico. Questi possono essere segni di una condizione più grave come la placenta previa.