Quanto dura il vaccino antinfluenzale? Il momento migliore per vaccinare e altro ancora

0
59

L'influenza (influenza) è un'infezione respiratoria virale che colpisce milioni di persone ogni anno. Mentre ci avviciniamo alla stagione influenzale negli Stati Uniti durante la pandemia COVID-19, è importante sapere cosa aspettarsi e come prevenirlo.

Ogni anno vengono sviluppati vaccini antinfluenzali per la protezione contro i ceppi più comunemente in circolazione. Ricevere il vaccino contro l'influenza stagionale è il modo migliore per proteggersi dall'ammalarsi di influenza.

Ma come funziona il vaccino? Quanto dura e quando è il momento migliore per ottenerlo? Ecco cosa devi sapere.

Lo sviluppo del vaccino contro l'influenza stagionale inizia in realtà molti mesi prima della stagione influenzale. I virus utilizzati nel vaccino si basano su ricerche approfondite e sorveglianza in cui i ceppi saranno più comuni durante la prossima stagione.

I vaccini contro l'influenza stagionale proteggono da due tipi di virus influenzali: influenza A e influenza B. Possono anche essere trivalenti o quadrivalenti.

Il vaccino trivalente protegge contro tre virus influenzali: due virus dell'influenza A e un virus dell'influenza B.

Il vaccino quadrivalente protegge dagli stessi tre virus del vaccino trivalente, ma include anche un virus influenzale B.

Dopo aver ricevuto il vaccino antinfluenzale, il tuo corpo impiega 2 settimane per sviluppare anticorpi che forniscono protezione.

È importante ricordare che durante questo periodo sei ancora vulnerabile ad ammalarti di influenza.

Durante questo periodo, dovresti stare molto attento a:

  • praticare una buona igiene
  • evitare di toccare il naso o la bocca quando possibile
  • evitare la folla se l'influenza circola nella tua comunità

Queste precauzioni sono esponenzialmente più importanti mentre COVID-19 è ancora un fattore. Puoi sviluppare l'influenza insieme ad altre infezioni respiratorie, quindi proteggere te stesso e gli altri è importante.

L'immunità del tuo corpo all'influenza diminuisce nel tempo. Questo è vero sia che tu abbia ricevuto una vaccinazione o un'infezione influenzale.

Inoltre, i virus influenzali cambiano continuamente. Per questo motivo, un vaccino della precedente stagione influenzale potrebbe non proteggerti durante la prossima stagione influenzale.

In generale, ricevere il vaccino contro l'influenza stagionale dovrebbe aiutarti a proteggerti per tutta la durata dell'attuale stagione influenzale.

Dovrai ricevere un vaccino contro l'influenza stagionale ogni anno per avere la migliore protezione contro i virus influenzali.

Il vaccino antinfluenzale è prodotto da diversi produttori privati ​​e in genere inizia a essere spedito agli operatori sanitari ad agosto. Tuttavia, ci sono alcune prove che potrebbe non essere vantaggioso ricevere il vaccino così presto.

Uno studio del 2017 ha indicato che l'immunità massima si raggiunge subito dopo la vaccinazione e diminuisce con il passare dei mesi. Pertanto, se ricevi il vaccino ad agosto, potresti essere più suscettibile alle infezioni verso la fine della stagione influenzale, intorno a febbraio o marzo.

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) consiglia di ottenere il vaccino antinfluenzale prima che l'attività influenzale inizi a riprendersi nella tua comunità, idealmente entro la fine di ottobre.

Se ricevi il vaccino più tardi, non preoccuparti. La vaccinazione tardiva può ancora fornire una protezione adeguata, poiché l'influenza può circolare all'interno della tua comunità fino a marzo o anche più tardi.

Il vaccino antinfluenzale viene effettuato con un virus inattivato, il che significa che non puoi sviluppare l'influenza dal vaccino contro l'influenza stagionale. Ma ci sono diversi effetti collaterali che potresti provare dopo averlo ricevuto.

Gli effetti collaterali del vaccino antinfluenzale sono in genere lievi e durano solo pochi giorni.

Gli effetti collaterali del vaccino antinfluenzale possono includere:

  • arrossamento, gonfiore o dolore al sito di iniezione
  • febbre bassa
  • dolori e dolori generali

I virus influenzali cambiano costantemente e si evolvono rapidamente. I virus influenzali circolanti possono mutare da una stagione all'altra.

I ricercatori devono selezionare i virus influenzali specifici da includere nel vaccino molti mesi prima dell'inizio della stagione influenzale. Ciò significa che ciò che è nel vaccino potrebbe non corrispondere sempre a ciò che circola effettivamente durante la stagione influenzale. Ciò può diminuire l'efficacia del vaccino contro l'influenza stagionale.

Anche l'età può avere un ruolo nell'efficacia del vaccino perché il tuo sistema immunitario tende a indebolirsi con l'avanzare dell'età. La Food and Drug Administration (FDA) ha approvato un vaccino antinfluenzale ad alto dosaggio (Fluzone High-Dose) per le persone di età pari o superiore a 65 anni.

La dose più alta ha lo scopo di fornire una migliore risposta immunitaria e quindi una migliore protezione all'interno di questa fascia di età. Diversi studi hanno dimostrato una maggiore efficacia per gli over 65 con il vaccino ad alte dosi.

Il CDC raccomanda inoltre che alcuni bambini di età compresa tra 6 mesi e 8 anni ricevano due dosi del vaccino antinfluenzale durante la prima stagione in cui vengono vaccinati per avere una protezione sufficiente.

È ancora possibile contrarre l'influenza dopo essere stati vaccinati, ma la ricerca ha dimostrato che la malattia può essere meno grave e che le persone che ricevono un vaccino antinfluenzale possono avere meno probabilità di essere ricoverate in ospedale se prendono l'influenza.

Le persone di età superiore a 6 mesi dovrebbero ricevere il vaccino antinfluenzale ogni anno.

È particolarmente importante per le persone che sono a maggior rischio di complicanze legate all'influenza essere vaccinate.

Ciò comprende:

  • persone sopra i 50 anni
  • chiunque abbia condizioni mediche croniche
  • persone con un sistema immunitario indebolito
  • bambini di età compresa tra 6 mesi e 5 anni
  • persone di età pari o inferiore a 18 anni che ricevono terapia con aspirina
  • donne incinte e donne fino a 2 settimane dopo la gravidanza
  • persone il cui indice di massa corporea è 40 o superiore
  • Indiani d'America o nativi dell'Alaska
  • operatore sanitario
  • chiunque viva o lavori in una casa di cura o in una struttura per malattie croniche
  • caregiver di uno dei suddetti

I bambini sotto i 6 mesi di età non dovrebbero ricevere il vaccino contro l'influenza. Per proteggere questi bambini dalla potenziale esposizione al virus, tutti i membri della famiglia o gli operatori sanitari devono essere vaccinati.

Questa si chiama immunità di gregge e aiuterà a proteggere coloro che non possono ricevere il vaccino.

Inoltre, se sei attualmente malato di una malattia acuta, potrebbe essere necessario attendere fino a quando non sarai più in grado di ricevere il vaccino.

Prima di essere vaccinato, dovresti informare il tuo medico se hai avuto:

Questi fattori possono indicare che non dovresti sottoporti al vaccino antinfluenzale. Ma consulta il tuo medico per vedere cosa consigliano.

Molti vaccini antinfluenzali contengono una piccola quantità di proteine ​​dell'uovo. Se hai una storia di allergie alle uova, parla con il tuo medico di ricevere il vaccino antinfluenzale.

I virus influenzali causano epidemie stagionali di malattie respiratorie ogni anno e quest'anno è particolarmente pericoloso a causa della pandemia COVID-19 in corso. Mentre alcune persone potrebbero soffrire di malattie lievi, altre (specialmente alcuni gruppi ad alto rischio) potrebbero subire un'infezione più grave che richiede il ricovero in ospedale.

Ottenere il vaccino antinfluenzale ogni anno è il modo migliore per ridurre le possibilità di ammalarsi di influenza. Inoltre, quando più persone ricevono il vaccino antinfluenzale, il virus è meno in grado di circolare nella comunità.

Dovresti mirare a ricevere il tuo vaccino antinfluenzale ogni autunno prima che l'attività del virus influenzale inizi a riprendersi nella tua zona.

Se si verificano sintomi di raffreddore o influenza, è importante evitare il contatto con gli altri e fare il test per l'influenza e il COVID-19.