Questo allenamento del nuotatore olimpico si svolge fuori dalla piscina

0
7

La nuotatrice olimpica Kathleen Baker, che ha portato a casa medaglie d'oro e d'argento ai Giochi di Rio nel 2016, trascorre ore in piscina, sei giorni alla settimana. Ma sebbene la maggior parte del suo allenamento si svolga sott'acqua, gli allenamenti che fa sulla terraferma sono altrettanto importanti per la sua forza complessiva.

"Non puoi fare solo una cosa e aspettarti di migliorare. Se il nuoto fosse tutto ciò che serve per essere un nuotatore olimpico, probabilmente ci sarebbero molti più olimpionici", afferma Baker. "Devi fare molto di più al di fuori della piscina perché è davvero bello costruire forza, potenza e resistenza usando anche diversi gruppi muscolari. Con il nuoto, devi usare praticamente tutto su di te in ogni momento, quindi quando siamo in grado di isolare un gruppo fuori dall'acqua, a volte è meglio."

A parte i benefici fisici di mescolare le cose, Baker nota che i suoi allenamenti senza nuoto sono essenziali per il suo benessere mentale. "Stare in piscina e allenarmi è il mio lavoro, e lo amo, ma allo stesso tempo è lì che do il mio più grande sforzo e dove conta di più", dice. "Quindi, quando sono in grado di fare un passo indietro, fare esercizio e rilasciare endorfine fuori dalla piscina, penso che sia davvero salutare per me".

Per quegli allenamenti divertenti, Baker si rivolge a Peloton. "È molto più facile fare le cose quando le persone ti motivano a farle piuttosto che farle da solo", dice. "Amo salire sulla bici perché posso spingermi oltre, e me ne vado super sudato e senza fiato. È umiliante: mi alleno per due o tre in piscina durante alcuni allenamenti, ma poi faccio 30 minuti sulla bici e Sono tostato. È così difficile!"

Storie correlate

Oltre alle normali lezioni di spinning con Cody Rigsby (il suo allenatore preferito), Baker utilizza anche sessioni guidate di stretching e rafforzamento del core dell'app Peloton. "Quando mi preparo per un incontro, di solito non vado più in bici perché è faticoso e non ho bisogno di scomporre il mio corpo così tanto, quindi è più quando mi piace lo stretching e quando mi piace fare il core", dice. "Penso che l'aggiunta di cose diverse come lo yoga o il pilates o lo stretching dia davvero un vantaggio, perché tutti potrebbero fare di più, indipendentemente dal fatto che siano atleti o meno".

Questo mese, Baker ha collaborato con Peloton per curare una playlist di classi "impilate" per aiutare gli utenti ad allenarsi come un olimpionico. "Condivido i miei consigli e quello che mi piace fare al di fuori della piscina", afferma Baker. "È un mix di ciclismo, stretching e forza di base". E anche se potresti essere molto lontano dal competere contro Baker nei 100 metri dorso, potresti competere con lei (e il resto della squadra nazionale degli Stati Uniti) in classifica.

Oh ciao! Sembri una persona che ama gli allenamenti gratuiti, gli sconti per i marchi cult del benessere e i contenuti esclusivi Well+Good. Iscriviti a Well+, la nostra community online di esperti di benessere, e sblocca subito i tuoi premi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui