Scopo, procedura, recupero e rischi

0
17

Le emorroidi, note anche come pile, sono vene gonfie nell’ano e nel retto inferiore. Possono causare prurito, sanguinamento e dolore.

La maggior parte delle persone può alleviare i sintomi con alcuni aggiustamenti dello stile di vita e rimedi senza ricetta medica. Ma le emorroidi gravi possono rapidamente diventare un problema di qualità della vita.

Se hai provato tutto il resto, potrebbe essere il momento di chiedere al tuo medico di emorroidectomia. Nel frattempo, esploriamo questa procedura chirurgica, perché è stata eseguita e com’è il recupero.

Un’emorroidectomia è un intervento chirurgico per rimuovere le emorroidi, siano esse interne o esterne.

La chirurgia in genere non è la prima linea di trattamento. Ma quando tutto il resto fallisce, l’emorroidectomia è un trattamento sicuro ed efficace che non solo rende le emorroidi più facili da convivere, ma le elimina del tutto.

Se le tue emorroidi sono gravi, possono causare prurito, sanguinamento e dolore. Possono continuare a gonfiarsi, aumentando di dimensioni nel tempo.

Il prolasso delle emorroidi interne può causare una lieve incontinenza fecale, secrezione di muco e pelle irritata. Quando l’afflusso di sangue alle emorroidi interne viene interrotto (strangolato), possono diventare cancrenose.

Le emorroidi sono abbastanza comuni e colpiscono quasi tre adulti su quattro ad un certo punto della loro vita. La maggior parte delle persone è in grado di utilizzare metodi non invasivi per gestire i sintomi. Quando quelli non funzionano, l’emorroidectomia può essere un trattamento efficace.

Opzioni di trattamento meno invasive

Le emorroidectomie sono generalmente riservate ai casi più gravi o quando altri metodi di trattamento meno invasivi hanno fallito. Questi trattamenti più delicati includono quanto segue.

Modifiche allo stile di vita

Fare esercizio fisico regolare e non sforzarsi, soprattutto quando vai in bagno, può aiutarti a evitare di irritare le emorroidi.

Anche la dieta è un fattore. Prova ad aumentare l’assunzione di liquidi e a ridurre il consumo di grassi. Aggiungi più fibre con frutta, verdura e cereali integrali. Puoi anche assumere integratori di fibre.

Sollievo dai sintomi

Per alleviare sintomi come gonfiore, prurito e dolore, puoi provare i seguenti rimedi:

  • Topici. Creme, assorbenti o supposte per emorroidi da banco (OTC) possono alleviare i sintomi. Cerca prodotti che contengano idrocortisone, lidocaina o amamelide.
  • Bagni. Rilassati in un semplice bagno caldo. Può essere utile anche un semicupio che si adatta al sedile del water. Puoi immergerti per 10-15 minuti più volte al giorno.
  • Farmaci orali. Usa antinfiammatori e analgesici da banco.
  • Ammorbidenti delle feci. Gli emollienti delle feci OTC possono aiutarti a evitare di sforzarti quando muovi le viscere.

Assicurati di leggere le etichette e di usarle solo come indicato. In caso di dubbi, rivedere i farmaci da banco con il medico o il farmacista.

Trattamenti non chirurgici

I trattamenti minimamente invasivi per sbarazzarsi di emorroidi dolorose includono quanto segue:

  • Scleroterapia. Questa procedura prevede l’iniezione di una soluzione chimica nelle emorroidi per ridurle.
  • Coagulazione. Questa tecnica prevede il laser o la luce infrarossa o il calore per raggrinzire le emorroidi interne.
  • Legatura elastica. Nella procedura, il medico lega gli elastici attorno alla base di un’emorroide interna. Questo interrompe la circolazione in modo che le emorroidi cadano, di solito entro una settimana.
  • Trombectomia emorroidi esterne. Quando un coagulo di sangue si forma in un’emorroide esterna, può essere rimosso in anestesia locale in uno studio medico.

La maggior parte delle persone con emorroidi non necessita di emorroidectomia. Qualsiasi tipo di intervento chirurgico comporta alcuni rischi dalla procedura stessa, nonché dall’anestesia generale. Per questo motivo, il medico probabilmente consiglierà prima altri rimedi non chirurgici.

La rimozione chirurgica delle emorroidi può essere un’opzione se:

  • metodi meno invasivi non hanno funzionato per te
  • le tue emorroidi sono gravi e causano molto disagio
  • le emorroidi interne vengono strangolate
  • le emorroidi esterne sono gonfie a causa di un coagulo
  • hai emorroidi sia interne che esterne
  • hai bisogno di un intervento chirurgico per altre condizioni anorettali

Altre considerazioni sono la tua età, la salute generale e quanto bene puoi aspettarti che tu reagisca all’intervento.

L’emorroidectomia si svolge in ambiente ospedaliero. Di solito è una procedura ambulatoriale, ma in alcuni casi potrebbe richiedere un pernottamento.

Le istruzioni preoperatorie ti consiglieranno quando smettere di mangiare, che di solito è da 6 a 8 ore prima dell’intervento. Non sarai in grado di guidare immediatamente, quindi assicurati di organizzare il trasporto a casa.

Una flebo verrà inserita nel braccio per i farmaci per prevenire infezioni, gonfiore e sanguinamento. Avrai bisogno di anestesia generale o anestesia locale con sedazione per aiutarti a dormire durante la procedura.

Una volta che ti sei addormentato, il chirurgo inserirà un mirino nel canale anale per un esame più attento delle emorroidi interne. Quindi taglieranno il tessuto emorroidario con un bisturi o un laser e chiuderanno la ferita con punti di sutura dissolvibili. Questo è chiamato emorroidectomia chiusa.

In alcuni casi, come quando c’è un alto rischio di infezione o l’area è molto grande, l’incisione non viene suturata. Questa è chiamata emorroidectomia aperta.

Un’altra procedura, chiamata emorroidopessi, è un po ‘meno coinvolta dell’emorroidectomia. Il chirurgo utilizza le graffette per bloccare il flusso sanguigno, rimuovere il tessuto in eccesso e sollevare le emorroidi in una posizione migliore. Questa procedura comporta un rischio maggiore di recidiva e prolasso rettale.

Una volta che il chirurgo ha finito, verrai trasferito in un’area di recupero dove i tuoi segni vitali verranno monitorati per diverse ore.

Potrai bere e mangiare subito dopo. Entro poche ore sarai in grado di alzarti dal letto. Verrai dimesso quando sarai completamente sveglio e stabile.

Il recupero è diverso per tutti, ma dovresti essere in grado di tornare alle normali attività entro 1 o 2 settimane. Durante questo periodo, potresti avere alcuni:

  • lividi
  • irritazione
  • sanguinamento minore
  • scarico
  • dolore

Durante il recupero, le misure di auto-cura possono includere:

  • mantenersi ben idratati
  • prendendo antidolorifici
  • ammollo in un semicupio o in un normale bagno caldo
  • applicare impacchi di ghiaccio
  • prendendo emollienti delle feci per evitare stitichezza e tensione

I punti si dissolveranno da soli entro una settimana. Seguire le istruzioni per la dimissione e contattare il medico in caso di dubbi.

L’emorroidectomia è un’opzione di trattamento invasiva e talvolta dolorosa, ma può essere una soluzione efficace, anche permanente.

Le complicanze sono rare e di solito non gravi. Questi includono:

  • guarigione lenta
  • piccole lacrime che possono causare dolore che dura diversi mesi
  • restringimento dell’ano (stenosi) a causa di tessuto cicatriziale
  • danno ai muscoli dello sfintere, che può portare all’incontinenza
  • ritenzione urinaria

L’infezione dopo l’emorroidectomia non è comune, ma avvisa il tuo medico se hai:

  • febbre, brividi
  • nausea
  • aumento del dolore
  • arrossamento
  • rigonfiamento
  • scarica grave o sanguinamento
  • difficoltà a urinare
  • stitichezza che dura più di 3 giorni, anche dopo l’assunzione di lassativi

L’emorroidectomia è una procedura chirurgica per rimuovere le emorroidi. Di solito è un trattamento di ultima istanza quando gli interventi meno invasivi hanno fallito o la condizione è grave.

Come con qualsiasi tipo di intervento chirurgico, l’emorroidectomia presenta alcuni rischi. Ma quando richiesto, è considerato un trattamento sicuro ed efficace per le emorroidi.

Se hai dolore, gonfiore e prurito alle emorroidi, parla con il tuo medico delle opzioni di trattamento.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui