Secondo i ricercatori, un nuovo approccio al trattamento del cancro al seno risparmierà le cellule sane

0
90

Punti chiave

  • Le persone sottoposte a chemioterapia per il cancro al seno affrontano gli effetti collaterali delle loro cellule sane che vengono uccise insieme alle loro cellule tumorali.
  • Le future terapie contro il cancro potrebbero essere mirate per rendere i trattamenti contro il cancro più efficaci e meno dannosi.
  • Quasi 30.000 delle 325.000 persone a cui è stato diagnosticato un cancro al seno ogni anno portano una variante genetica specifica che consentirebbe di uccidere le loro cellule tumorali senza danneggiare le loro cellule normali.
  • I ricercatori stanno continuando a identificare obiettivi aggiuntivi, che aumenterebbero il numero di persone che potrebbero beneficiare di terapie antitumorali mirate.

Una nuova ricerca mostra il potenziale per lo sviluppo di nuove terapie mirate per il cancro al seno che non solo fermeranno la crescita cellulare nelle cellule tumorali, ma le uccideranno anche senza danneggiare le cellule sane. Sebbene le terapie mirate non siano nuove, questa ricerca identifica anche un nuovo obiettivo come un modo per determinare le persone che trarrebbero beneficio da future terapie miranti a tale obiettivo.

Come tutti i tumori, il cancro al seno inizia quando le cellule normali e sane subiscono un cambiamento e iniziano a dividersi così rapidamente che la crescita delle cellule è incontrollata. Il risultato è una massa di cellule, che viene percepita come un nodulo. Dopo una diagnosi di cancro al seno, il trattamento spesso può comportare la chemioterapia. Ma la chemioterapia può essere dura, uccidendo non solo le cellule tumorali cattive, ma anche quelle sane buone e lasciando le persone sottoposte a chemioterapia a sentirsi molto male. In futuro, potrebbero esserci trattamenti che prendono di mira solo le cellule tumorali e preservano le cellule sane, rendere il trattamento del cancro più efficace e meno dannoso.

I risultati di una ricerca collaborativa condotta da scienziati della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, nel Maryland, e della Oxford University di Oxford, nel Regno Unito, mostrano che le cellule tumorali possono essere prese di mira e poi uccise interrompendo un enzima importante per la divisione cellulare. Il loro studio è stato pubblicato su Nature il 9 settembre.

"Mirare alla divisione cellulare è un approccio logico per uccidere le cellule tumorali, poiché il cancro è una crescita cellulare anormale, ma i trattamenti attuali uccidono anche le cellule sane", l'autore dello studio Andrew Holland, PhD, professore associato di biologia e genetica presso la Johns Hopkins University School of Medicine a Baltimora, racconta Verywell. "Ad esempio, il trattamento del cancro Taxol (paclitaxel) spazza via il midollo osseo e le cellule staminali, facendo sentire i pazienti deboli e causando la caduta dei capelli".

Il ruolo della divisione cellulare nel cancro

Quando le cellule invecchiano, si sostituiscono durante un processo noto come divisione cellulare o mitosi. Una struttura all'interno delle cellule, chiamata centrosoma, svolge un ruolo cruciale nella divisione cellulare: affinché le cellule si dividano, il centrosoma deve duplicarsi. Una volta fatto, i due centrosomi si spostano quindi alle estremità opposte della cellula. Le proteine ​​si raccolgono in ogni centrosoma, aiutando a separare la cellula in due cellule figlie. Quando si verifica una mutazione, il processo va storto. La divisione cellulare avviene troppo spesso, produce troppe cellule e si traduce in un tumore.

Strategia contro il cancro

Il trattamento del cancro può comportare la chirurgia, le radiazioni e la chemioterapia tradizionale, che uccide sia le cellule tumorali che le cellule sane. Più recentemente, sono diventate disponibili terapie mirate. Sono trattamenti più discriminanti in quanto prendono di mira parti specifiche delle cellule tumorali e ne arrestano la crescita, ma sebbene non uccidano le cellule sane, potrebbero anche non uccidere le cellule tumorali.

"La divisione cellulare è già stata presa di mira in passato e molti farmaci possono fermarla, ma questo porta alla tossicità", dice a Verywell William Cance, MD, direttore medico e scientifico dell'American Cancer Society di Atlanta, in Georgia.

Ad esempio, una terapia può mirare a una proteina in una cellula cancerosa, ma quella stessa proteina può esistere anche in cellule normali e sane. Quindi una terapia mirata a una proteina durante la divisione cellulare (chiamata terapie mirate anti-mitotiche) può impedire la duplicazione di una cellula cancerosa, ma può anche essere tossica per le cellule sane, causando effetti collaterali.

"Mutazioni precise devono essere scoperte e mirate in modo specifico", afferma Cance.

Per identificare strategie che uccidono le cellule tumorali ma risparmiano le cellule normali, i ricercatori dovevano trovare una vulnerabilità nelle cellule tumorali e sfruttarla. E lo hanno fatto.

Una variante genetica chiamata 17q23 si trova nelle cellule nel 9% delle persone che hanno il cancro al seno e rende più attiva una proteina chiamata TRIM37 amplificandone l'effetto. Quando TRIM37 è più attivo, i centrosomi non si comportano correttamente e si verificano errori durante la divisione cellulare, portando alla divisione cellulare iperattiva che si traduce in tumori.

Un enzima chiamato PLK4 avvia il processo di divisione cellulare errante nelle cellule che sovraesprimono TRIM37. Lo studio ha dimostrato che l'applicazione di una sostanza chimica per bloccare l'enzima PLK4 ha distrutto i centrosomi, essenzialmente uccidendo le cellule tumorali impedendo loro di duplicarsi.

"Se rimuoviamo quei centrosomi, le cellule tumorali non possono sopravvivere", dice Holland. "I cambiamenti cellulari possono guidare l'evoluzione, ma gli errori consentono alle cellule di essere vulnerabili".

Identificazione degli obiettivi per la terapia

Per uccidere le cellule tumorali utilizzando un approccio mirato, è necessario identificare i bersagli. "Questo ha il potenziale per aprire nuove classi e nuovi tipi di farmaci contro il cancro in futuro", dice Cance.

"Una grande frazione di pazienti con cancro al seno che sovraesprimono il gene TRIM37 porterà l'amplificazione di 17q23", dice Holland. "Saremo assolutamente in grado di utilizzare i risultati di questo studio per sviluppare test per trovare persone che potrebbero rispondere a una particolare terapia".

L'utilizzo di questi target sarà simile a quello che viene attualmente fatto per testare i tumori per determinare i sottotipi di cancro al seno, come HR- / HER2 +, o per eseguire test genetici sui membri della famiglia per vedere se portano il gene BRCA1 o BRCA2 o un'altra mutazione ereditata.

"Il sottotipo di cancro al seno HER2 + è associato al 40-50% dei tumori portatori dell'amplicone 17q23 e anche a un buon numero di tumori al seno BRCA1 e triplo negativo", afferma Holland. "L'amplicone 17q23 si trova nel 9% di tutti i tumori al seno, più o meno come tutti i pazienti BRCA messi insieme".

Ciò significa che delle 325.000 persone con diagnosi di cancro al seno ogni anno, circa 30.000 di loro potrebbero beneficiare di una futura terapia mirata basata sull'interazione di 17q23, TRIM37 e PLK4.

"L'entusiasmo qui è per un trattamento con un maggiore effetto terapeutico perché la tossicità sarebbe limitata alle cellule tumorali", dice Holland.

Prossimi passi

Questo nuovo studio contribuisce al corpo di conoscenza che aiuterà a sviluppare test specifici e terapie future, ma è presto. Prima che un nuovo trattamento diventi disponibile al pubblico, sarebbe necessario eseguire ulteriori studi esplorativi. Se ulteriori studi di laboratorio sembrano positivi, dovrebbero essere effettuati studi clinici per determinare la dose migliore e valutare l'efficacia e la sicurezza. Quindi, il trattamento andrebbe per la revisione normativa e l'approvazione da parte della Food and Drug Administration (FDA), il che richiede anni di lavoro e tenacia.

"Le cellule tumorali sviluppano resistenza alle terapie, come gli inibitori della chinasi (enzima) come PLK4. È uno dei maggiori problemi del cancro", afferma Cance. "Questa ricerca sembra essere un meccanismo che risparmia le cellule normali. La sfida sarà sviluppare trattamenti che impediscano alle cellule tumorali di riprogrammare le loro chinasi e continuare a crescere".

Cance afferma che questo studio apre la porta a diversi tipi di terapie antitumorali mirate e nuove classi di farmaci antitumorali che non si limiteranno al cancro al seno. Terapie più discriminanti renderanno il trattamento di tutti i tipi di cancro più sicuro ed efficace.

Cosa significa per te

Se tu o una persona cara avete il cancro al seno, questo studio offre speranza per trattamenti personalizzati in futuro. Sappi che i ricercatori di tutto il mondo stanno lavorando duramente per trovare modi per indirizzare e trattare al meglio la tua condizione.

Se sei a rischio di cancro al seno, parla con il tuo medico per ridurre il rischio. Anche se non puoi cambiare i tuoi geni o la tua età, puoi essere vigile nell'affrontare i fattori di rischio che puoi controllare, come:

  • Limitare il consumo di alcol
  • Ridurre il peso corporeo in eccesso
  • Smettere di fumare
  • Fare abbastanza esercizio
  • Esecuzione di auto-esami mensili del seno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui