Storie di consapevolezza del cancro ovarico da sopravvissute: i loro suggerimenti

42

Adora Rodriguez aveva solo 16 anni quando sviluppò una sensazione di pesantezza nell'addome inferiore, insieme a un forte gonfiore.

"Ero tipo, 'Mamma, qualcosa non va bene'", ricorda Adora. "Mia madre lo ha letteralmente descritto come" sembravo incinta "."

La sensazione di pesantezza nella pancia le causava mal di schiena e rendeva difficile dormire.

Quindi, è andata con sua madre in una clinica per cure urgenti, dove gli operatori sanitari hanno ordinato un test di gravidanza. Quando è risultato negativo, hanno ordinato un esame ecografico.

"Tutto quello che hanno detto è che potrebbe essere una grave stitichezza", ha detto Adora a Healthline.

Dopo diversi test e scansioni, Adora ha appreso di avere una massa nell'addome.

Un chirurgo ha rimosso la massa più tardi quella settimana, insieme all'ovaio destro e alla tuba di Falloppio di Adora. Le biopsie hanno rivelato che si trattava di una forma di cancro ovarico a cellule germinali, noto come disgerminoma.

Adora ora ha 20 anni e sta studiando per diventare un'infermiera di oncologia pediatrica. In un certo senso, è stata fortunata: il cancro è stato trovato e rimosso presto quando era ancora allo stadio 1, prima che potesse diffondersi ad altri organi.

"Il mio chirurgo e il mio medico di oncologia mi dissero entrambi:" Se avessi aspettato, forse una settimana dopo, è possibile che si sarebbe diffuso ", ha detto Adora.

La diagnosi precoce e il trattamento sono essenziali per aumentare le possibilità di sopravvivenza nelle persone con cancro ovarico.

Tra coloro che ottengono una diagnosi in una fase precoce, l'American Cancer Society riferisce che circa il 94% vive per più di 5 anni dopo la diagnosi.

In coloro che ricevono una diagnosi dopo che il cancro si è diffuso, i tassi di sopravvivenza sono molto più bassi.

Ma solo il 20% circa dei tumori ovarici viene rilevato in una fase precoce. La maggior parte delle persone che sviluppano il cancro alle ovaie non impara di averlo fino a quando non si è già diffuso.

Questo perché i sintomi del cancro ovarico sono spesso molto sottili e facili da perdere.

I sintomi sono anche simili a quelli di altre condizioni, aumentando il rischio di diagnosi errate.

Abbiamo parlato con quattro donne a cui è stato diagnosticato un cancro ovarico per saperne di più sulle loro esperienze di diagnosi e sui consigli che hanno per gli altri.

Secondo Mariangela DiPietri, una sopravvissuta al cancro ovarico di 73 anni, madre di tre figli e nonna di dieci, conoscere i sintomi del cancro ovarico potrebbe salvare la vita.

"Sono in pensione dal mio lavoro presso Stanley Foods come rappresentante del servizio da 7 anni", ha detto Mariangela a Healthline, "ma ricordo il giorno in cui ero al ristorante di un cliente durante un appuntamento, quando il dolore lancinante all'addome è diventato così male, difficilmente potrei chiedere un bicchiere d'acqua. "

Dopo diverse visite ospedaliere e una diagnosi iniziale errata, Mariangela ha saputo di avere masse su entrambe le ovaie. Quelle masse si sono rivelate essere un cancro ovarico in stadio 1.

Due mesi prima, Mariangela aveva partecipato a una conferenza sul benessere con sua figlia dove aveva appreso per la prima volta del cancro ovarico da donne sopravvissute.

Condividi su PinterestMariangela con uno dei suoi nipoti a un evento della National Ovarian Cancer Coalition. Immagine via Mariangela DiPietri

"Sono per sempre grata per il giorno in cui ho partecipato all'evento sul benessere", ha detto Mariangela. "Non posso sottolineare abbastanza il fatto che la consapevolezza dei sintomi del cancro ovarico e la diagnosi precoce mi hanno salvato la vita."

Guardando indietro, Mariangela si rende conto di aver convissuto per un po 'di tempo con i sintomi sottili della malattia, tra cui stanchezza, gonfiore, mal di schiena e pienezza della vescica.

Altri potenziali sintomi del cancro ovarico includono:

  • nausea
  • mal di pancia
  • gonfiore addominale
  • sentimenti di pienezza
  • difficoltà a mangiare
  • stipsi
  • dolore durante il sesso
  • periodi irregolari

Meno di 2 anni fa, Vesna, 46 anni, madre di tre figli e proprietaria di una palestra di arti marziali, ha visitato il suo ginecologo per parlare di un sintomo che semplicemente non sarebbe andato via: gonfiore addominale persistente.

Vesna, che ha chiesto di chiamare il suo nome solo per questa storia, era abituata a svegliarsi con la pancia piatta. Poi è iniziato il gonfiore e il suo stomaco non era più piatto al mattino. "Era un po 'sporgente", ha detto a Healthline.

Il suo ginecologo pensava che probabilmente avesse un'infezione del tratto urinario.

Ma Vesna era certa che non fosse così.

"Ho detto, 'Puoi fare un sonogramma interno?' E lei ha detto, 'No, no, no'", ha ricordato Vesna, "e ha continuato a dirmi che stava andando in vacanza con i suoi figli, quindi stava scegliendo da scuola in 20 minuti. "

Vesna ha lasciato l'ufficio del suo ginecologo sentendosi congedata, senza risposte ma sicura che qualcosa non andasse.

Quando, poche settimane dopo, è passata dall'ambulatorio del suo medico di base, ha deciso di fare una visita improvvisata. La receptionist le disse che allora nessun medico era disponibile a vederla, ma qualcosa a Vesna la spinse a restare.

"Ho detto, se non mi difendo adesso per me stesso, so che lo lascerò andare. Quindi ho indicato una sedia – questo è così diverso dal mio personaggio – e ho detto: "Mi siederò su quella sedia finché qualcuno non mi vedrà", ha detto Vesna.

“Questo è stato il mio punto di svolta. Quel momento proprio lì è stato ciò che mi ha salvato la vita ", ha aggiunto.

L'assistente di un medico ha accettato di sottoporre Vesna a un esame. Dopo aver palpato il suo addome, l'hanno mandata dall'altra parte della strada per i test di imaging.

Vesna ha appreso di avere una cisti nell'addome delle dimensioni di un'anguria senza semi.

Quando un chirurgo ha rimosso la cisti, hanno trovato sia il cancro ovarico in stadio 1 che il cancro dell'endometrio all'interno.

Ora Vesna incoraggia gli altri ad ascoltare i loro corpi, a sostenere le cure di cui hanno bisogno e, se non si sentono sicuri in una diagnosi, ottenere una seconda opinione.

"Nessuno, nemmeno i migliori medici del mondo, conosce il tuo corpo come tu conosci il tuo corpo", ha detto Vesna, "e il tuo corpo ti dà segni di dolore, di disagio. Ascoltalo."

Una diagnosi di cancro ovarico cambia la tua vita, ha detto a Healthline Kristinna Abalos, un'insegnante di inglese di 30 anni, scrittrice e sopravvissuta al cancro ovarico in stadio 4.

Il consiglio di Kristinna per completare il processo? Prendilo un giorno alla volta.

"Uno dei miei grandi amici mi ha chiesto: 'Ti descriveresti sempre come un malato di cancro?' E penso che quello che ho imparato attraverso questo è che guardare un periodo di tempo così grande di 'sempre' è troppo", Kristinna disse.

“Posso solo dirti come mi sento oggi. Domani potrebbe essere diverso e penso che ogni giorno che ci svegliamo, saremo ancora oggi ", ha continuato.

Kristinna ha saputo di avere un cancro alle ovaie circa 4 anni fa durante un parto cesareo di emergenza di suo figlio, Shiloh.

Il cancro si era diffuso ad altri organi nell'addome e per il trattamento ha richiesto un intervento chirurgico e una chemioterapia estesi.

Il sostegno dei propri cari ha aiutato Kristinna ad affrontare le sfide che ha dovuto affrontare lungo la strada.

“Tutta la mia famiglia pregava per me. E sai, vengo da una famiglia fedele da entrambe le parti, da parte di mio marito e da parte della mia famiglia. Quindi hanno pregato tutti per me ”, ha ricordato.

Tutti i sopravvissuti con cui abbiamo parlato hanno parlato dell'importanza del sostegno della comunità, oltre a trovare fonti interiori di resilienza e determinazione.

"C'è una linea sottile tra il dispiacere per te stesso quando senti di avere un cancro e il strisciare in uno spazio grande, buio e profondo", ha detto Vesna.

"Mi sono arrabbiato. Tutto questo ha creato rabbia dentro di me, che mi ha dato una mentalità da guerriero, e quella mentalità da guerriero mi ha fatto qualcosa. Ero pronto per la sfida ", ha aggiunto.

Attualmente non esistono test di screening affidabili per il cancro ovarico.

Ecco perché è così importante prestare molta attenzione al proprio corpo.

Se si sviluppano sintomi di cancro ovarico che persistono per più di 2 settimane, la National Ovarian Cancer Coalition consiglia di fissare un appuntamento con il proprio medico.

Se non pensi che il tuo medico stia prendendo sul serio le tue preoccupazioni o non sei sicuro della diagnosi o del piano di trattamento che forniscono, ottieni una seconda opinione.

"Poiché ho ascoltato il mio corpo, sono rimasto fermo e sono diventato il mio avvocato", ha detto Vesna. "Mi sento come se fosse quello che mi ha salvato la vita."