Terapia Imago: tecniche, vantaggi e altro

0
47

Il conflitto di relazione potrebbe non essere sempre piacevole, ma è abbastanza normale.

A volte, esperienze dolorose nelle prime relazioni possono innescare questi conflitti. Se ti sei sentito inascoltato o trascurato dai tuoi genitori o da altri caregiver fidati, ad esempio, potresti sentirti doppiamente ferito quando il conflitto con il tuo partner suscita emozioni simili.

Secondo i creatori di Imago Relationship Therapy, il disaccordo e la disconnessione basati su queste prime relazioni possono distogliere l’attenzione dagli aspetti positivi e gratificanti della tua relazione attuale.

Ma cosa succederebbe se usassi quella tensione per lavorare verso un’empatia e una comprensione più profonde, invece di lasciarle allontanare lentamente te e il tuo partner? La terapia Imago può insegnarti come fare esattamente questo.

La terapia Imago si basa sull’idea che i modelli dell’infanzia si ripetono nelle tue relazioni adulte.

Quando i problemi della tua infanzia tornano e si ripetono, ti impediscono di stabilire connessioni sicure con i tuoi cari e il conseguente senso di disconnessione può contribuire a una serie di problemi di relazione.

Per soddisfare il tuo desiderio di connetterti, devi:

  • costruire nuove connessioni
  • mantenere quelli esistenti
  • lavorare per riparare quelli danneggiati

Secondo un libro del 2011 sulla terapia di coppia, la teoria alla base della terapia Imago suggerisce che ciò avvenga nei seguenti modi:

Scegliere un partner

Le persone generalmente si sentono attratte da un’immagine specifica (“imago” in latino) quando cercano partner. Questa immagine, un prodotto della tua mente inconscia, è composta da vari tratti della personalità e comportamenti che associ ai primi caregiver.

Potresti chiederti se è un po ‘, beh, inquietante cercare un partner le cui caratteristiche assomigliano ai tratti di un genitore. Ma questo è naturale – accade perché quei forti legami infantili sono profondamente impressi nella tua coscienza.

Anche se non hanno fatto tutto bene, i tuoi genitori probabilmente si sentono ancora familiari e confortanti, e il tuo senso di sé è parzialmente legato a quella relazione.

Nell’età adulta, l’identità personale diventa analogamente connessa a quella di un partner quando ti unisci a un’unità più grande: la relazione. Dove una volta ti sei rivolto ai tuoi genitori, ora potresti rivolgerti al tuo partner per soddisfare i bisogni emotivi.

È logico che ti sentiresti attratto da qualcuno con tratti simili a quelli del tuo genitore o tutore. Queste caratteristiche rendono il tuo partner meno sconosciuto. La conoscenza inconscia di percorrere un sentiero che conosci bene può favorire un senso di pace e appagamento nella tua relazione.

Finire l’infanzia

Cosa succede, però, quando i tuoi genitori si sono comportati in modi che hanno causato dolore?

Forse, invece di offrirti supporto, hanno richiesto supporto emotivo e rassicurazione da parte tua. Forse hanno reagito ai tuoi errori con delle critiche, o semplicemente non c’erano quando ne avevi più bisogno.

Le persone generalmente vogliono curare il dolore dei ricordi spiacevoli trovando un modo per soddisfare quei bisogni persistenti. Sebbene tu sia già diventato un adulto fisicamente, questo processo di guarigione ti consente di lasciarti alle spalle l’infanzia in senso psicologico ed emotivo.

Il problema, tuttavia, sta nel fatto che il tuo partner potrebbe incarnare non solo i tratti confortanti dei tuoi genitori, ma anche alcuni di quelli che hanno innescato l’angoscia.

Fasi della relazione

Le relazioni romantiche, come descritto nella terapia Imago, coinvolgono tre fasi chiave:

  • la fase romantica
  • la lotta per il potere
  • la partnership consapevole

La fase romantica coinvolge le prime fasi euforiche: attrazione, eccitazione, innamoramento.

Nella fase della lotta per il potere, il dolore e il trauma infantile vengono alla luce sotto forma di frustrazione e conflitto. Forse anche il tuo partner non elogia i tuoi risultati, ti ignora quando ti senti turbato o respinge l’angoscia affermando che stai reagendo in modo eccessivo.

Vuoi evitare che il disagio infantile si ripresenti. Tuttavia, quando ti affidi a strategie di coping infantile e meccanismi di difesa, spesso perché non conosci nulla di diverso, queste frustrazioni di solito alimentano solo ulteriori conflitti. E questo indebolisce la tua relazione.

Un’opzione migliore, suggeriscono i terapisti di Imago, consiste nel lavorare insieme per scoprire le ragioni di reazioni e comportamenti dolorosi da tutte le parti.

Ricorda, le reazioni del tuo partner probabilmente riguardano anche le loro esperienze d’infanzia. L’esplorazione collaborativa ti aiuta a trascendere una continua lotta di potere e diventare partner più consapevoli. Ciò consente a te e a loro di sentirti al sicuro, supportato e guarito.

La terapia Imago mira a rafforzare le relazioni aiutando i partner a sviluppare una maggiore intimità attraverso:

  • diventando più presente
  • avere conversazioni empatiche
  • riconoscere le proprie identità separate come individui
  • avvicinarsi l’un l’altro con curiosità, non giudizio
  • esprimere apprezzamento e considerazione positiva invece di disprezzo e biasimo

In breve, la terapia Imago insegna le abilità per ottenere interazioni più sane e, a sua volta, la soddisfazione della relazione. Anche i partner che vanno d’accordo possono comunque approfondire la loro comprensione reciproca e importanti obiettivi di relazione.

Potresti trovare la terapia Imago particolarmente utile se le tue relazioni coinvolgono:

Un terapista Imago svolge più un ruolo guida, quindi non passerai molto tempo a parlare direttamente di eventuali sfide relazionali.

Prima che inizi il lavoro terapeutico, il tuo terapeuta chiederà a entrambi di accettare di riprendere la relazione impegnandosi nel lavoro e nell’energia necessari per creare il cambiamento.

Il processo terapeutico vero e proprio, che è abbastanza strutturato, comprende diversi esercizi chiave.

Dialogo Imago

Il dialogo Imago, chiamato anche dialogo intenzionale o di coppia, è la componente principale della terapia. La maggior parte delle tue interazioni seguirà questo formato:

La natura strutturata di questo dialogo impedisce alle conversazioni di diventare giudicanti o scortesi. Questo può aumentare il tuo livello di comfort quando parli attraverso conflitti dolorosi ed emozioni difficili.

Farai a turno l’invio (parlando) e la ricezione (ascolto) finché entrambi non avrete avuto la possibilità di condividere i vostri sentimenti.

Quando il mittente parla, il destinatario esegue il mirroring. Il mirroring implica la parafrasi delle parole del mittente con lo stesso tono, senza alterarne in alcun modo il significato. Per esempio:

  • Mittente: “Mi sento davvero sconvolto quando scorri il telefono mentre ti parlo.”
  • Ricevitore: “Ho sentito che ti turba quando sono al telefono mentre parliamo, giusto?”

Inoltre convalideranno o offriranno comprensione. Il destinatario non deve necessariamente essere d’accordo con ciò che sta dicendo il mittente, ma dovrebbe offrire una comprensione della provenienza dell’altra persona. Per esempio:

  • Mittente: “Mi sento insignificante e poco importante quando usi così tanto il tuo telefono. Mi ricorda il modo in cui i miei genitori e fratelli erano sempre troppo presi da altre cose per parlare con me “.
  • Ricevitore: “Capisco perché ti senti ignorato quando sono sempre al telefono. Vedo che ti fa preoccupare il fatto che non sia interessato a parlare con te. “

Il destinatario potrebbe anche chiedere ulteriori spiegazioni se non è sicuro di ciò che il mittente sta cercando di dire.

Cercheranno anche di entrare in empatia. Qui, il destinatario immagina e descrive i sentimenti del mittente.

Affinché il ricevente comunichi con successo la comprensione, deve aver assorbito i messaggi nei passaggi precedenti. Per esempio:

  • Ricevitore: “Quando provi a interagire e io sollevo il telefono, sembra che non ti sto dando la priorità. Questo deve farti sentire rifiutato e solo. “

Chiusura delle uscite

Quando la tua relazione non attira la tua attenzione, potresti dedicare la tua “energia relazionale” ad altri hobby o persone.

Ovviamente è perfettamente normale avere altri interessi e amici al di fuori della tua relazione. Diventa malsano solo quando usi questi sbocchi per distrarti dai problemi di relazione o mettere così tanta energia in attività esterne che hai poco tempo per il tuo partner.

L’esercizio di chiusura delle uscite ti aiuta a identificare e condividere le tue fughe, come sfogarti con gli amici o giocare ai videogiochi. Puoi quindi scegliere di ridurre queste attività per dedicare più impegno alla tua relazione.

Elaborazione Imago

All’inizio della terapia, imparerai di più sul processo terapeutico e su ciò che intende realizzare. Esplorerai anche somiglianze, sia positive che negative, tra il tuo partner e i tuoi primi assistenti. Il tuo partner farà lo stesso per te.

Identificare questi modelli può aiutarti a iniziare a riconoscere le radici del conflitto relazionale. Potresti, ad esempio, notare che il tuo partner e il tuo genitore sono entrambi miti ma emotivamente riservati: una sfida quando desideri che si aprano.

Richiesta di modifica del comportamento

Probabilmente hai imparato che criticare il comportamento del tuo partner non aiuta molto e potrebbe persino peggiorare le cose. La terapia Imago ti insegna un’altra opzione: la richiesta di cambiamento del comportamento.

Questo esercizio ti insegna a esprimere una frustrazione specifica, come sentirti indesiderato, e offre al tuo partner tre potenziali opzioni per cambiare il comportamento.

Potresti, ad esempio, richiedere loro:

  • fare a turno per iniziare il sesso
  • scambiare alcuni messaggi di testo NSFW durante il giorno
  • invia una foto innamorata la prossima volta che ti allontani

Quindi scelgono un’azione da provare.

Questo processo è chiamato stretching. Invece di attenersi alle vecchie abitudini, entrambi i partner imparano a cambiare per soddisfare meglio le reciproche esigenze.

Queste nuove azioni potrebbero sembrare scomode o innaturali all’inizio, ma una pratica coerente può promuovere una migliore comunicazione e riconnessione.

Mentre i rapporti aneddotici suggeriscono che molte persone trovano la terapia Imago un approccio utile, la ricerca scientifica deve ancora esplorarne l’efficacia in profondità. Tuttavia, esistono alcuni studi promettenti.

Uno studio del 2011 ha esplorato i potenziali benefici della terapia Imago per gli afroamericani, che spesso sono meno propensi a cercare consulenza relazionale a causa delle barriere sociali e delle preoccupazioni su come saranno visti dagli altri.

I ricercatori hanno intervistato 12 partecipanti che hanno completato un seminario sulla terapia Imago e hanno notato alcuni risultati chiave.

I partecipanti avevano:

  • una comprensione più profonda delle esperienze personali dell’infanzia
  • una comprensione più profonda delle esperienze infantili di un partner
  • migliore comunicazione con il proprio partner
  • maggiore consapevolezza di sé e autenticità

La ricerca del 2016 suggerisce che 12 settimane di terapia Imago possono aiutare a rafforzare l’empatia, un tratto importante nelle relazioni.

Infine, i risultati di uno studio del 2017 su 30 coppie suggeriscono che 12 settimane di terapia Imago possono migliorare la soddisfazione della relazione. Gli autori dello studio hanno tuttavia sottolineato i limiti del loro studio – come la sua piccola dimensione del campione – e hanno notato la necessità di ulteriori ricerche per supportare questi risultati.

Potrebbe sembrare abbastanza innocuo, ma la terapia di coppia non è sempre l’opzione migliore o più sicura.

Se uno dei partner sperimenta gravi sintomi di salute mentale, incluso l’abuso di sostanze o la dipendenza, o la tua relazione comporta abuso fisico o emotivo, è meglio risolvere prima questi problemi.

Molti terapisti raccomandano la terapia individuale invece della consulenza relazionale per le relazioni che comportano abuso. È essenziale che il partner violento esplori le ragioni del proprio comportamento e inizi ad affrontarlo, e che la persona vittima di abusi acceda al supporto e sviluppi un piano di sicurezza.

La terapia Imago mira ad aiutare le coppie a riconnettersi, quindi se non sei ancora sicuro di voler riparare la tua relazione, un approccio diverso potrebbe essere l’ideale.

Le persone che preferiscono un approccio più libero alla conversazione possono trovare frustrante il dialogo Imago, poiché la sua struttura rigida può rendere difficile perseguire una conversazione autentica in terapia.

Interessato a provare la terapia Imago? Hai alcune opzioni.

Rivolgiti a un consulente per le relazioni di Imago

I terapisti formati nella terapia Imago offriranno 12 sessioni di terapia standard, sebbene tu possa scegliere di continuare oltre.

Puoi trovare terapisti certificati Imago effettuando una ricerca nei database ufficiali delle terapie Imago:

Molti terapisti Imago offrono anche consulenza di gruppo e online.

Prova un seminario

Se preferisci un’introduzione più breve alla terapia Imago, potresti prendere in considerazione un seminario o un ritiro nel fine settimana.

Puoi anche trovarli nei database ufficiali sopra elencati.

Libri di autoaiuto

Preferisci la parola scritta? Puoi utilizzare i libri scritti dai creatori della terapia Imago per praticare gli esercizi Imago da solo o con un partner. Potresti considerare questi due:

La terapia Imago può essere un ottimo strumento per rafforzare i legami relazionali e sviluppare una migliore comprensione delle esigenze del tuo partner.

Se sei disposto a impegnarti nel processo di esplorazione e riconnessione, un terapista Imago può aiutarti a iniziare a esplorare le reazioni inutili e sostituire la colpa e il dolore con un senso di sicurezza e rinnovata intimità.

Crystal Raypole ha già lavorato come scrittrice ed editrice per GoodTherapy. I suoi campi di interesse includono lingue e letteratura asiatiche, traduzione giapponese, cucina, scienze naturali, positività sessuale e salute mentale. In particolare, si impegna ad aiutare a ridurre lo stigma sui problemi di salute mentale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui