Un nuovo esame del sangue può salvare vite umane rilevando prima il cancro ovarico

0
75

Punti chiave

  • Le attuali misure di screening del cancro ovarico non sono in grado di rilevare la malattia nelle sue fasi iniziali.
  • Un nuovo test che misura le modifiche specifiche del marker del cancro ovarico CA-125 è 4,5 volte più sensibile del CA-125 e fornisce risultati in 30 minuti.
  • Il cancro ovarico ha sintomi anonimi nelle sue fasi iniziali, quindi è fondamentale che le donne siano consapevoli dei primi segni premonitori.

Il cancro ovarico è una malattia grave che spesso non viene diagnosticata fino a quando non raggiunge fasi successive e diventa più difficile da trattare. Tuttavia, i ricercatori in Finlandia hanno creato un nuovo esame del sangue in grado di rilevare il cancro alle ovaie nelle sue fasi iniziali, salvando potenzialmente vite umane.

I loro risultati, che adottano un approccio diverso a un biomarcatore esistente per il cancro ovarico, sono stati pubblicati sulla rivista Communications Biology il 21 agosto.

L'attuale test utilizzato per lo screening del cancro ovarico è l'analisi del sangue CA-125. CA-125, una proteina rilasciata dal tratto riproduttivo femminile, è elevata nelle persone con cancro ovarico. Un medico può anche ordinare un'ecografia transvaginale per esaminare le ovaie se si sospetta un cancro ovarico, ma solo una biopsia può confermare la diagnosi.

CA-125 può essere rialzato anche in altre situazioni.

"CA-125 è una proteina non specifica", dice Kecia Gaither, MD, MPH, FACOG, specialista in ostetricia / ginecologia e medicina materno-fetale certificata dal consiglio di amministrazione che funge da direttore dei servizi perinatali per New York Health + Hospitals / Lincoln, Molto bene via e-mail. "La sua presenza elevata non si trova solo nelle cellule di cancro ovarico, ma è anche nota per essere elevata nei casi di endometriosi, leiomiomi dell'utero, malattia infiammatoria intestinale, malattia infiammatoria pelvica, peritonite e diverticolite".

I falsi positivi possono portare i pazienti a sottoporsi a ulteriori test non necessari e aggiungere ansia. Per questi motivi, il CA-125 viene utilizzato principalmente come marker del cancro per monitorare la progressione o la regressione del cancro ovarico noto.

Nel nuovo test che è stato sviluppato, i ricercatori in Finlandia hanno esaminato il dosaggio immunologico quantitativo a flusso successivo (LFIA) delle proteine ​​CA-125 che stavano sperimentando qualcosa chiamato glicosilazione anormale, ha detto a Verywell via e-mail l'autore dello studio Kim Pettersson dell'Università di Turku in Finlandia.

Cos'è la glicosilazione anormale?

La glicosilazione anormale (o aberrante) si riferisce al modo in cui le cellule tumorali uniscono i carboidrati e le proteine ​​per sostenersi.

Man mano che il cancro ovarico progredisce, le pareti delle cellule tumorali cambiano e i carboidrati svolgono un ruolo importante in questo processo. L'LFIA misura le cellule che hanno subito questa trasformazione, rendendolo un test più sensibile rispetto allo standard CA-125, spiega Pettersson.

"Le cellule cancerose, come qualsiasi altra cellula, devono produrre proteine ​​specifiche", dice Gaither. "Nel processo vengono utilizzati i carboidrati. La glicosilazione implica l'uso di carboidrati nella produzione di proteine. Nelle cellule tumorali, hanno un processo di glicosilazione aberrante, che questo test identifica specificamente".

Gaither afferma che il test presenta vantaggi specifici.

"Questa nuova metodologia di analisi glicovariante per il cancro ovarico è molto promettente come test di screening che è specifico, facile da utilizzare e può rilevare la malattia in un momento precedente per permettersi un trattamento aggressivo", aggiunge Gaither.

Secondo l'American Cancer Society:

  • Circa 21.750 donne riceveranno una nuova diagnosi di cancro ovarico nel 2020.
  • Circa 13.940 moriranno di cancro alle ovaie nel 2020.
  • Il cancro ovarico è il quinto tipo di cancro più mortale nelle donne.
  • Il rischio di cancro alle ovaie nel corso della vita di una donna è di circa 1 su 78.

Segni premonitori del cancro ovarico

Poiché il cancro ovarico è difficile da trovare nelle sue fasi iniziali e questo nuovo test non è ancora ampiamente utilizzato come misura di screening, le persone devono essere consapevoli dei primi segnali di allarme.

John Diaz, MD, un ginecologo oncologo del Miami Cancer Institute, dice a Verywell via e-mail che ci sono quattro sintomi chiave del cancro ovarico che tutte le donne dovrebbero conoscere e dovrebbero cercare un intervento medico se i sintomi sono nuovi, si verificano più di 12 volte a mese e non dissiparsi quando si cambia l'ambiente attraverso la dieta o l'esercizio fisico. Questi sintomi sono:

  • Gonfiore
  • Dolore al bacino e / o all'addome
  • Difficoltà a mangiare o sensazione di sentirsi rapidamente sazi
  • Sentire la necessità di urinare urgentemente e / o urinare più frequentemente.

Sintomi iniziali meno noti del cancro ovarico:

  • Facilmente affaticato / affaticato
  • Dolore durante il rapporto
  • Disturbi di stomaco o bruciore di stomaco
  • Costipazione persistente o in peggioramento
  • Ingrandimento o gonfiore addominale
  • Pienezza e dolore addominali
  • Cambiamenti nelle abitudini intestinali o vescicali
  • Perdita di peso o aumento di peso involontario
  • Vestiti che non si adattano bene
  • Sensazione di sazietà dopo aver mangiato molto poco
  • Mal di schiena
  • Cambiamenti nel ciclo mestruale, incluso sanguinamento più pesante del normale o irregolare

Perché il rilevamento precoce è così importante

"Nel mondo sviluppato, il cancro ovarico è il più letale dei tumori ginecologici", dice Diaz. "Dr. Il lavoro di Pettersson può fornire la capacità di diagnosticare il cancro ovarico in una fase precoce in cui può essere trattato in modo più efficace e fornire risultati migliori, ma sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere le applicazioni del mondo reale di questo nuovo test ".

Dovresti essere sottoposto a screening?

"Attualmente, le linee guida per il cancro ovarico [screening] concentrarsi maggiormente sulle donne a rischio, come le donne che hanno una forte storia familiare di cancro alle ovaie o al seno, una storia personale di cancro al seno prima dei 40 anni o risultati di anomalie nell'analisi del gene BRCA1 o BRCA 2, per citarne alcuni alcune [risk factors]", Dice Gaither.

Lo screening genetico è la chiave per le donne di discendenza ebraica ashkenazita, o per quelle con una storia paterna o materna di famiglia materna o paterna di cancro al seno o alle ovaie, Nicholas Lambrou, MD, capo dell'oncologia ginecologica presso il Miami Cancer Institute, dice a Verywell via e-mail.

"Lo screening genetico è così profondo perché puoi essenzialmente prevenire il verificarsi di tumori se ricevi le informazioni abbastanza presto", dice Lambrou. "I due geni più comuni, BRCA1 e BRCA2, collegano il cancro al seno e alle ovaie".

Lo screening genetico può anche essere importante anche se ti è già stato diagnosticato un cancro. La scoperta di una mutazione genetica può aiutare a prevedere il rischio di sviluppare un altro tipo di cancro.

"Tutti i malati di cancro ovarico e tutti i malati di cancro al seno, una volta che hanno ricevuto una diagnosi, dovrebbero essere sottoposti a screening per i test genetici", aggiunge Lambrou. "Se si porta una mutazione del gene BRCA1, c'è un rischio del 90% di sviluppare il cancro al seno e un rischio del 50% di sviluppare il cancro alle ovaie".

Sii proattivo con gli esami annuali

Mentre l'esame del sangue esplorato dai ricercatori finlandesi sarebbe un punto di svolta, attualmente non esiste uno strumento di screening per le prime fasi del cancro ovarico.

"Purtroppo, non esiste uno screening efficace per la diagnosi precoce del cancro ovarico", dice Lambrou. "Visitando il tuo ginecologo ogni anno per un esame pelvico di routine, potenziali anomalie potrebbero essere identificate prima."

Aggiunge che le visite ginecologiche di routine sono ancora importanti, anche durante il COVID-19.

"Con gli screening di routine del cancro messi in pausa durante il culmine della pandemia COVID-19, questi esami sono più importanti che mai", dice Lambrou. "Le popolazioni minoritarie, comprese le donne afroamericane e ispaniche, comportano un rischio maggiore di sviluppare tumori ginecologici e sono anche più a rischio di ricevere una prognosi infausta a causa delle disparità nell'accesso allo screening e ai test".

Cosa significa per te

Non tardare a parlare con il medico se nota qualsiasi cambiamento nella sua salute, comprese le suddette indicazioni di cancro ovarico. Prima viene fatta una diagnosi, migliore è la prognosi per il paziente.

Lambrou sottolinea anche i recenti progressi nel trattamento del cancro ovarico che portano a risultati migliori, compresi nuovi farmaci e progressi nella chemioterapia.

"La chirurgia da parte di un esperto ginecologo oncologo rimane il cardine del trattamento per il cancro ovarico", dice Lambrou. "Tuttavia, la gestione del cancro ovarico ha subito cambiamenti radicali negli ultimi anni, contribuendo a migliorare le prospettive dei pazienti".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui