Vaccinazioni obbligatorie e consigliate

0
8

Non è raro che un genitore porti un bambino nello studio del pediatra per il controllo annuale e venga informato che sono necessari uno o più vaccini. Mentre molti genitori seguiranno le raccomandazioni, altri potrebbero chiedersi se le vaccinazioni siano necessarie dal punto di vista medico.

asiseeit / Getty Images

Dato che un bambino è sottoposto a numerose vaccinazioni dal momento della nascita, non è una domanda del tutto ingiusta da porre. Anche così, rimane molta confusione, anche tra i professionisti medici, sul fatto che determinati vaccini siano raccomandati o obbligatori.

Comprendere le differenze può essere fondamentale per proteggere la salute e la sicurezza di te stesso e della tua famiglia.

Chi stabilisce le raccomandazioni sui vaccini?

Ogni anno, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) pubblicano un programma di immunizzazione raccomandato per gli Stati Uniti. Questo programma è messo insieme da un gruppo di 15 esperti noto come Comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione (ACIP).

Il panel ACIP è composto da esperti in campo medico e sanitario, inclusi medici, ricercatori, specialisti in malattie infettive e rappresentanti della comunità.

Il programma ha lo scopo di fornire alle persone la massima protezione dalle malattie prevenibili con il vaccino nel modo più sicuro possibile. Il programma è organizzato in base alle fasce di età in cui devono essere somministrate le vaccinazioni raccomandate.

Attualmente sono 16 i vaccini consigliati dall'ACIP, programmati dalla nascita fino ai 18 anni.

Questo programma viene aggiornato ogni anno per garantire che sia sempre basato sulle ricerche più aggiornate. I professionisti medici di tutto il paese lo usano per immunizzare i loro pazienti e i governi statali seguono le raccomandazioni per determinare quali vaccini dovrebbero essere richiesti (o obbligatori) per la scuola.

Vaccinazioni obbligatorie

Sebbene i vaccini elencati nel programma ACIP siano solo raccomandati, alcuni stati potrebbero decidere di imporli per prevenire la diffusione di malattie prevenibili con il vaccino tra i bambini in età scolare.

Per le vaccinazioni obbligatorie scolastiche, ogni stato crea il proprio elenco di vaccini richiesti per una certa età o grado. Ai genitori che non si conformano e non forniscono prove della vaccinazione sarà generalmente vietato far frequentare la scuola ai propri figli.

Per quanto semplice possa sembrare, ci sono sfide e barriere che influenzano il modo in cui questi mandati vengono emessi e attuati. Questi includono:

  • Variazioni per regione: I mandati sui vaccini variano ampiamente in tutto il paese e talvolta all'interno delle singole città o distretti scolastici. Ad esempio, agli studenti di una città potrebbe essere richiesto di assumere almeno una dose del vaccino contro il meningococco prima dell'ottavo anno, mentre gli studenti di una città vicina potrebbero non farlo.
  • Variazioni delle autorità governative: L'organismo autorizzato a rilasciare mandati varia anche da stato. Alcuni stati potrebbero approvare leggi per imporre vaccinazioni in tutto lo stato, mentre altri lasciano decidere al dipartimento della sanità statale. Altri ancora possono offrire spazi ai consigli comunali o ai distretti scolastici per eseguire i propri mandati quando appropriato.
  • Variazioni nelle sessioni legislative: La frequenza delle revisioni del mandato può anche variare a seconda della frequenza con cui si riunisce il legislatore statale e del tempo necessario per l'approvazione della legislazione. In questi casi, potrebbero essere necessari anni per aggiornare i requisiti del vaccino dopo una nuova raccomandazione ACIP.

Il governo federale non impone le vaccinazioni.

Sfide nell'implementazione

Una serie di variabili può anche influenzare il modo in cui le politiche vengono attuate, comprese le politiche, le norme culturali e la praticità. Nessuno di questi problemi dovrebbe essere ridotto al minimo.

Ad esempio, mentre la vaccinazione antinfluenzale annuale è raccomandata dal CDC e può essere obbligatoria per i bambini in età scolare all'interno di uno stato, richiedere alle famiglie di dimostrare la conformità ogni anno non solo sarebbe oneroso ma costoso.

Anche i genitori e l'opinione pubblica giocano un ruolo. Negli ultimi anni, gli stati che hanno imposto il vaccino contro il papillomavirus umano (HPV) per prevenire la diffusione della malattia a trasmissione sessuale hanno dovuto affrontare le proteste dei membri della comunità che credono che così facendo si promuova il sesso tra adolescenti.

Un evento del genere si è verificato nello Stato di New York nel 2019, quando i funzionari statali hanno imposto la vaccinazione contro l'HPV per gli studenti di età compresa tra 11 e 12 anni.

Gli Stati possono anche richiedere vaccini per gruppi specifici, come studenti universitari o dipendenti di case di cura, mentre le singole scuole o datori di lavoro possono anche emettere mandati (come le vaccinazioni contro l'epatite B e COVID-19 per i lavoratori ospedalieri).

Disattivazione

Il concetto di "vaccinazione forzata" è un concetto largamente promosso dagli attivisti anti-vaccinazione ("anti-vaxxing"). Ciò suggerisce che il governo sta costringendo loro oi loro figli a ricevere farmaci che non vogliono per la minaccia di ritorsioni.

La realtà è molto meno drammatica. Tutti i 50 stati hanno attualmente requisiti di vaccinazione per i bambini, ma ciò non significa che i bambini siano costretti a essere vaccinati. I requisiti sono limitati a coloro che frequentano la scuola e, anche in questo caso, i genitori che non vogliono vaccinare i propri figli hanno ancora delle opzioni.

In ogni stato, i bambini che non dovrebbero ricevere vaccini per motivi medici, come trapianti di organi o allergie gravi, possono ricevere esenzioni mediche.

Rinunciare a convinzioni non mediche è molto più difficile. In tutti gli stati degli Stati Uniti tranne cinque, i genitori non sono autorizzati a rinunciare ai vaccini per motivi non medici, come obiezioni religiose alla vaccinazione.

Laddove sono consentite esenzioni non mediche, il processo per ottenerne uno può essere semplice come firmare un modulo. Altri stati richiedono ai genitori di sottoporsi a un modulo educativo o alla consulenza di un medico sui rischi e sui benefici della vaccinazione prima di poter ottenere un'esenzione.

Anche con queste varie opzioni per rinunciare alle vaccinazioni obbligatorie, solo il 2% circa dei genitori lo fa effettivamente, secondo uno studio del 2014 sull'American Journal of Public Health. Detto questo, gli stati con politiche di esenzione facile hanno più del doppio del numero di esenzioni rispetto a quelle con politiche difficili.

I mandati attuali sono sufficienti?

Sebbene gli stati continuino ad espandere i requisiti dei vaccini scolastici, non sono così completi, e quindi non protettivi, come il programma raccomandato emesso dal CDC.

Ad esempio, mentre molti stati richiedono la vaccinazione contro il meningococco e la pertosse (pertosse) nelle scuole, solo due richiedono il vaccino HPV e nessuno richiede il vaccino antinfluenzale. Questo nonostante il fatto che l'HPV e l'influenza uccidano rispettivamente oltre 11.000 e 70.000 persone ogni anno.

Questo è il motivo per cui il CDC raccomanda vaccini contro tutte e quattro queste malattie per gli adolescenti da 11 a 12 anni. Sono considerati ugualmente importanti agli occhi dell'ACIP ma raramente sono richiesti dalle scuole.

Questo non vuol dire che tutti i vaccini siano ugualmente importanti. Se un vaccino non è necessario per tutti, l'ACIP ha modi per indicare che è facoltativo.

Nel 2015, l'ACIP ha concesso al vaccino contro il meningococco B una raccomandazione "provvisoria", lasciando sostanzialmente agli operatori sanitari la facoltà di decidere caso per caso se la vaccinazione è appropriata.

Una parola da Verywell

È importante notare che i requisiti di vaccinazione prescritti dalla scuola sono standard minimi. Poiché il programma ACIP è più completo, coloro che lo seguono non avranno problemi a soddisfare i requisiti per la scuola o il lavoro.

Al contrario, ottenere solo ciò che è obbligatorio può renderti vulnerabile a infezioni prevenibili e potenzialmente gravi. In caso di dubbio, parla con il tuo medico per verificare se tuo figlio sta ricevendo tutte le vaccinazioni consigliate nell'elenco ACIP, non solo quelle obbligatorie.

Vaccini Guida alla discussione del medico

Ottieni la nostra guida stampabile per il tuo prossimo appuntamento dal medico per aiutarti a porre le domande giuste.

Invia la guida tramite e-mail

Iscriviti

Questa Guida alla discussione del medico è stata inviata a {{form.email}}.

C'era un errore. Per favore riprova.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui