1Password assume il suo primo CTO per scalare in azienda e oltre

2

I Transform Technology Summit iniziano il 13 ottobre con Low-Code/No Code: Enabling Enterprise Agility. Iscriviti ora!

1Password ha assunto il suo primo chief technology officer (CTO) poiché la piattaforma per la gestione delle password e la sicurezza delle credenziali raddoppia la crescita aziendale che ha ottenuto clienti di grandi nomi come Slack, IBM, Shopify e GitLab.

L’azienda canadese ha fatto molta strada da quando ha lanciato il suo primo gestore di password per i consumatori circa 15 anni fa. Fondata a Toronto nel 2005 prima della sua uscita ufficiale un anno dopo, 1Password ha sempre più inseguito il dollaro aziendale, raddoppiando il numero di clienti aziendali paganti a oltre 90.000 negli ultimi due anni e raggiungendo un fatturato annuo di recupero (ARR) di $ 120 milioni .

Le cose sembrano andare a gonfie vele per 1Password, quindi perché assumere un CTO ora? “In una parola? crescita”, ha dichiarato il CEO di 1Password Jeff Shiner a VentureBeat via e-mail.

Sebbene 1Password sia cresciuto organicamente e sia stato redditizio sin dal suo inizio, la decisione dell’azienda di accelerare la sua spinta imprenditoriale è stata resa possibile in gran parte dalla sua gigantesca serie A da $ 200 milioni nel 2019, il suo primo investimento istituzionale. Sulla scia di questo aumento, 1Password si è espansa nella gestione dei segreti per aiutare le aziende a proteggere la propria infrastruttura, ha lanciato una nuova API per i team di sicurezza per incanalare i dati di accesso di 1Password direttamente nelle loro applicazioni di sicurezza informatica e ha introdotto una nuova app desktop Linux per i team DevOps.

Alcuni mesi fa, 1Password ha raccolto altri $ 100 milioni con una valutazione di $ 2 miliardi.

Sopra: 1Password per Linux

Inoltre, 1Password ha recentemente annunciato il suo primo chief financial officer (CFO), chief product officer (CPO), chief marketing officer – e ora il suo primo CTO.

“Recentemente abbiamo incrociato 500 dipendenti ed è diventato chiaro alla leadership che l’azienda trarrebbe vantaggio da un unico leader in atto per dare priorità all’innovazione tecnologica e guardare dietro l’angolo a ciò di cui il mercato ha bisogno dopo”, ha affermato Shiner. “C’è molto che potremmo fare, ma cosa dovremmo fare per far progredire la nostra attività e la nostra missione?”

È qui che entra nella mischia Pedro Canahuati, unendosi a 1Password per guidare le sue attività tecnologiche dopo quasi 12 anni in Facebook, dove di recente ha guidato gli sforzi per la sicurezza e la privacy del social network.

Ipercrescita

Per il contesto, Canahuati era stato con Facebook da quando aveva un misero 175 milioni di utenti, fino alla sua IPO e fino a diventare una delle più grandi aziende al mondo con oltre 3 miliardi di utenti nelle sue proprietà. Dietro le quinte, questo si traduce nella crescita da “un singolo data center e poche dozzine di ingegneri che gestiscono migliaia di server a dozzine di data center, milioni di server e oltre mille ingegneri di produzione”, ha detto Canahuati a VentureBeat.

Quindi Canahuati sa un paio di cose sulla scalabilità dell’ingegneria e della sicurezza nelle organizzazioni in ipercrescita, comprese le sfide intrinseche.

“Facebook è un ambiente strutturato costruito da zero: abbiamo dovuto costruire da soli molte delle tecnologie e delle infrastrutture sottostanti”, ha spiegato Canahuati. “Con ciò, l’azienda è diventata anche un obiettivo piuttosto grande in quanto è diventata la piattaforma per diversi miliardi di utenti. Uno dei maggiori ostacoli, dal punto di vista della sicurezza, era tenere il passo con la crescita dell’azienda, la base di utenti e il panorama delle minacce in continua evoluzione. I problemi sono diventati più complessi nel tempo e abbiamo dovuto creare strumenti come software di analisi statica e dinamica che ora rileva oltre il 50% dei bug di sicurezza attraverso l’automazione. Abbiamo creato astrazioni a livello di codice che hanno risolto alcuni dei 10 principali problemi del settore OWASP in modo che i nostri sviluppatori di software potessero concentrarsi maggiormente sulla sperimentazione rapida che sulla sicurezza. Questo non è nemmeno scalfire la superficie di ciò che abbiamo costruito.”

Canahuati ha affermato che potrebbe “probabilmente scrivere un libro” sulle lezioni apprese durante il suo mandato su Facebook.

“Ho imparato moltissimo sulla creazione di infrastrutture e prodotti sicuri e ricchi di funzionalità con elevata disponibilità”, ha affermato. “Facevo parte della creazione di un team di leadership per le infrastrutture di livello mondiale, secondo me il migliore nel grande mondo della tecnologia. Ho dovuto imparare come diventare un leader più forte, creare team di leadership forti che ci hanno aiutato a essere resilienti ai nuovi requisiti e a muoverci in modo sostenibile e veloce su un’infrastruttura stabile e sicura con una domanda sempre crescente”.

Probabilmente è giusto dire che Canahuati avrebbe potuto lasciare Facebook per un numero qualsiasi di grandi aziende tecnologiche, ma era particolarmente interessato a passare al ruolo di CTO.

“Ho passato molto tempo a pensare a che tipo di ruolo e compagnia volevo unirmi”, ha detto Canahuati. “Era importante per me trovare lo spaccato della risoluzione di problemi significativi per le persone, una forte leadership, un marchio amato e dove le mie capacità ed esperienze potessero aiutare l’azienda a diventare ancora più forte. Preferisco le aziende che adottano un approccio orientato al consumatore per la creazione di prodotti perché tendono a creare applicazioni più intuitive”.

Sopra: 1Password: Gestione dei membri della famiglia

Qual è il prossimo

È importante notare che mentre 1Password suona il suo corno aziendale, è ancora una società di servizi ai consumatori. Ciò rappresenta una sfida in più, poiché 1Password deve affrontare una miriade di aspettative e requisiti che vanno dai singoli utenti e famiglie alle piccole imprese e alle imprese. Una tale tabella di marcia del prodotto ha il potenziale per diventare disordinata senza la dovuta attenzione.

“1Password è a un punto di svolta nella sua transizione, iniziata alcuni anni fa, da un’azienda di puro consumo a un’azienda che offre anche soluzioni alle aziende”, ha affermato Canahuati. “La nostra base di fan è appassionata e ha opinioni forti sui nostri prodotti, e dovremo bilanciare questo con le nostre priorità. Prenderò una visione olistica dei prodotti che offriamo e dei prodotti che le aziende e le famiglie desiderano e aiuterò a infilare l’ago tra i due. Sarà sicuramente una sfida, ma è una che accetto”.

È ampiamente riconosciuto che la stragrande maggioranza delle violazioni dei dati è dovuta a password compromesse, motivo per cui 1Password è riuscita a infiltrarsi sia nella sfera dei consumatori che in quella aziendale con una piattaforma che consente agli utenti di archiviare le password in modo sicuro e accedere a una miriade di servizi online con un solo clic, mentre può essere utilizzato anche per archiviare altri documenti privati, come licenze software, dati di carte di credito. Più di recente, 1Password ha iniziato a gestire e salvaguardare i “segreti” dell’infrastruttura come token API, chiavi e certificati.

Sopra: 1Password: automazione dei segreti

Il mondo è passato rapidamente al lavoro a distanza negli ultimi 18 mesi, una tendenza che mostra pochi segni di inversione. Questo ha aperto una scatola di worm per la sicurezza sul posto di lavoro, in termini di dipendenti che accedono a una miriade di sistemi e applicazioni cloud sulle proprie reti e dispositivi. Questo è in parte il motivo per cui il mercato globale della gestione delle password si sta preparando a diventare un settore da 3 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni, rispetto agli 1,2 miliardi di dollari dell’anno scorso.

Per prepararsi a questo boom, Canahuati ha affermato che si concentrerà sul supporto di tutti i team tecnologici dell’azienda, inclusi ingegneria, sicurezza, ambienti di produzione, dati e IT.

“Dato che 1Password è cresciuto enormemente negli ultimi anni, mi concentrerò sull’assicurarci di poter ampliare i team, la nostra infrastruttura e le capacità per creare una tecnologia più straordinaria”, ha affermato. “Questo ci aiuterà a essere più agili durante la creazione di una suite diversificata di prodotti che aiutano le famiglie e le imprese”.

Più specificamente, Canahuati ha lasciato intendere che erano in corso ulteriori integrazioni di terze parti, dopo aver già svelato una manciata di partnership lo scorso anno. Questi includono un legame con Privacy.com per consentire agli utenti di creare carte di pagamento virtuali e una coppia di integrazioni aziendali con Slack e Rippling.

“Continueremo a cercare opportunità simili che rendano più facile per le imprese e le famiglie stare al sicuro”, ha aggiunto Canahuati.

Sovranità dei dati

Una rapida occhiata alla più ampia sfera SaaS rivela una gamma crescente di software che abbraccia un modello open source ed è progettato per attrarre industrie che richiedono piena autonomia e sovranità sui propri dati. Ciò è particolarmente vero in settori altamente regolamentati come la finanza, il governo o l’assistenza sanitaria che gestiscono molte informazioni di identificazione personale (PII). Altrove, alcune aziende o paesi potrebbero persino bloccare l’accesso a servizi online come 1Password.

Avere la libertà e la flessibilità di distribuire software sull’infrastruttura di un’azienda è chiaramente un punto di forza per alcuni, quindi è qualcosa che 1Password potrebbe prendere in considerazione in futuro? 1Password sta infatti attualmente cercando feedback su questa stessa domanda, anche se Canahuati non confermerebbe se questa idea sarebbe stata approvata.

“Attualmente, riteniamo che un abbonamento a 1Password sia il modo migliore per archiviare, sincronizzare e gestire le password e altre informazioni importanti”, ha affermato. “Tuttavia, siamo costantemente alla ricerca di nuove strade per assicurarci di offrire sempre il meglio per i nostri clienti. In questo momento, siamo nella fase esplorativa dell’indagine su 1Password self-hosted. Valuteremo la domanda per questo mentre raccoglieremo i risultati”.

Con una valutazione di $ 2 miliardi, la maggior parte delle basi di livello C ora coperte (CFO, CMO, CPO e CTO) e un elenco di investitori di alto profilo che include Accel, Slack, Sound Ventures di Ashton Kutcher e i fondatori di Atlassian, sembra è giusto chiedere: 1Password si sta preparando per diventare presto una società pubblica?

“Non posso parlare dei nostri risultati aziendali a lungo termine, ma la nostra missione è aiutare qualsiasi azienda ad abbracciare la sicurezza e la privacy”, ha aggiunto Shiner. “Perseguiremo qualsiasi prodotto o strategia aziendale che ci aiuti a raggiungere questo obiettivo”.

VentureBeat

La missione di VentureBeat è quella di essere una piazza cittadina digitale per i responsabili delle decisioni tecniche per acquisire conoscenze sulla tecnologia trasformativa e sulle transazioni. Il nostro sito fornisce informazioni essenziali sulle tecnologie e sulle strategie dei dati per guidarti nella guida delle tue organizzazioni. Ti invitiamo a diventare un membro della nostra community, per accedere a:

  • informazioni aggiornate sugli argomenti di tuo interesse
  • le nostre newsletter
  • contenuti gated leader di pensiero e accesso scontato ai nostri eventi preziosi, come Trasforma 2021: Per saperne di più
  • funzioni di rete e altro

Diventare socio