Android 11: la recensione di Ars Technica

0
7

Google

Android 11 è finalmente arrivato dopo un lungo processo beta iniziato nel febbraio 2020. Questa è la 30a versione di Android, se contiamo per livelli API, e in un anno in cui sembra che quasi tutto sia stato ritardato o cancellato, Google ha è riuscito a trasformare in una delle versioni più piccole di Android.

L'anno scorso, Android 10 è stato un rilascio massiccio, che ha aggiunto la navigazione gestuale, una modalità oscura, Project Mainline, un sistema dual-boot, storage con scope, supporto per smartphone pieghevoli e un milione di altre cose. In confronto, Android 11 è più limitato. Trattandosi della revisione annuale di Ars Technica, tuttavia, ci sono ovviamente ancora molte cose di cui parlare, come l'ennesimo rinnovamento del pannello di notifica, un nuovo lettore multimediale, bolle di chat, controlli per la casa intelligente e altro ancora.

Il pannello delle notifiche

Il pannello delle notifiche è uno dei maggiori punti di forza di Android e Google non riesce a lasciar passare una versione importante senza ripeterla. Quest'anno, il tema sembra essere l'organizzazione e la creazione di ciò che Google chiama uno "spazio permanente dedicato" per determinati tipi di notifiche.

Le notifiche sono ora suddivise in cinque categorie, alcune con grandi intestazioni in cima a ciascuna sezione. Le notifiche "Conversazioni", "Notifiche" e "Silenzioso" ricevono le grandi etichette di intestazione nel pannello delle notifiche, mentre le notifiche in corso da elementi come la navigazione di Google Maps non ricevono un'etichetta ma sono appuntate nella parte superiore del pannello. Il quinto tipo è per le notifiche multimediali, che ora risiedono all'interno del pannello Impostazioni rapide. Questo è un cambiamento selvaggio.

Il carosello multimediale persistente

  • Il nuovo media player, che, quando attivo, vive soprattutto le tue notifiche. Puoi scorrere per cambiare giocatore.

    Ron Amedeo

  • Il nuovo e il vecchio pannello delle notifiche. Le etichette di grandi sezioni occupano molto spazio.

    Ron Amedeo

  • Se non riproduci contenuti multimediali da un po' di tempo, il lettore multimediale si troverà nella parte inferiore delle Impostazioni rapide. In Android 10 hai nove pulsanti per pagina, in Android 11 hai sei pulsanti per pagina e un lettore multimediale.

    Ron Amedeo

Il lettore multimediale può effettivamente finire in due punti, a seconda di quando è stato riprodotto l'ultima volta un file multimediale. Se hai una sessione multimediale attualmente in riproduzione o messa in pausa di recente, il lettore multimediale verrà visualizzato sopra il pannello delle notifiche. Se fai scorrere via il lettore multimediale o non riproduci nulla da un po', verrà visualizzato nella parte inferiore delle Impostazioni rapide espanse. Dal momento che accedi alle Impostazioni rapide espanse dal pannello delle notifiche, è come se il lettore multimediale potesse finire su "Pagina 1" o "Pagina 2" a seconda di quanto recentemente è stato utilizzato.

Annuncio pubblicitario

Per fare spazio al lettore multimediale, le icone delle Impostazioni rapide sono ora ridotte a sei icone per pagina, dove in precedenza c'erano nove icone per pagina. Quindi scorri verso il basso il pannello delle notifiche e vedi sei elementi in alto, quindi quando espandi il pannello Impostazioni rapide vedi… le stesse sei icone. Non ha molto senso.

Lo spazio di notifica multimediale supporta più lettori. Se hai avviato più di un'app multimediale di recente, sarai in grado di scorrere orizzontalmente su più lettori multimediali, il che è ottimo per passare da un lettore musicale a un'app per podcast. Sta a ciascuna app occupare un posto nel carosello del lettore multimediale, che può contenere fino a cinque app.

Le app possono presumibilmente proteggere un punto permanente nel lettore multimediale chiamando la nuova API "MediaBrowserService". Tuttavia, non credo che nessuna app lo faccia in questo momento, quindi è difficile sapere come funziona. Google afferma che le app che eseguono il ping della nuova API rimarranno nel carosello del lettore multimediale per sempre (ordinate in base all'ultima volta che le hai utilizzate), anche dopo un riavvio. Se un'app implementasse effettivamente il comportamento persistente, potresti disattivarlo scorrendo sul lettore multimediale, premendo il piccolo ingranaggio che appare sotto di esso e attivando l'opzione per "nascondi il lettore al termine della sessione multimediale".

  • Tocca il selettore dell'uscita audio e otterrai un elenco di dispositivi (a destra).

    Ron Amedeo

  • I documenti per sviluppatori di Google mostrano il supporto Chromecast nel selettore audio.

Il lettore multimediale ha un nuovo pulsante di selezione dell'output in alto a sinistra e, quando lo tocchi, ottieni una scheda pop-up che elenca i dispositivi audio. In questo momento, questo tende a elencare cose come "Altoparlante del telefono", "Cuffie cablate" e i nomi di tutti i dispositivi Bluetooth collegati. Poiché questo è tutto il pulsante mai elencato al momento, non è particolarmente utile.

I documenti degli sviluppatori di Google mostrano dispositivi Google Cast, come altoparlanti Google Home e Chromecast, che compaiono in questo elenco, il che sarebbe incredibile. I documenti dicono: "Per impostazione predefinita, vengono mostrati solo i percorsi multimediali locali. Se la tua app supporta altri percorsi multimediali, come la riproduzione remota, dovrai informare il sistema". "Riproduzione remota" qui significa dispositivi Google Cast, con un "Google Home" e molti altri altoparlanti che compaiono nell'immagine di accompagnamento. Quindi, se gli altoparlanti di Google Home vengono visualizzati o meno in questo elenco dipenderà da ogni singola app. Quindi dovrà essere aggiornato.

Annuncio pubblicitario

Per gli sviluppatori, il modo consigliato per inserire gli altoparlanti Google Cast nel selettore audio per la tua app è includere la versione 1.2.0 della libreria MediaRouter jetpack e abilitare alcuni flag di riproduzione remota. Il problema è che questa versione della libreria è ancora in beta. Ciò significa, e questo sarà probabilmente un tema in esecuzione in questo articolo, che da quello che posso dire, nessuna app supporta ancora questa funzione di Android 11.

Penso che i dettagli su come funzionerà il nuovo selettore audio con i dispositivi Google Cast siano un grosso problema, perché l'attuale interfaccia di Google Cast (accessibile tramite il pulsante "cast" all'interno di un'app) è probabilmente la peggiore interfaccia disponibile su un moderno Android Telefono. Mi ricorda i problemi del foglio di condivisione che esistevano prima di Android 10. L'elenco di Google Cast in un'app viene creato in fase di esecuzione, quindi quando premi il pulsante Trasmetti, prima ottieni un foglio vuoto, quindi si riempie lentamente mentre l'app esegue il ping degli altoparlanti sulla tua rete come se stesse prendendo la frequenza di un'aula. Non tutti gli oratori si presentano contemporaneamente, quindi l'elenco salta e cambia man mano che viene presa la presenza. È normale vedere l'altoparlante desiderato, toccarlo ed esattamente 1 millisecondo prima di toccare lo schermo, l'elenco si aggiorna e l'elemento sbagliato si sposta nel punto sotto il dito.

L'elenco è anche ordinato in ordine alfabetico, non in base a qualcosa di più utile come "ultimo utilizzato" o "più comunemente utilizzato". È anche un miscuglio di altoparlanti e gruppi di altoparlanti e non c'è modo di nascondere gli altoparlanti che non avvii mai individualmente o contrassegnare determinati elementi dell'elenco come importanti. Questo è pazzesco, poiché quando crei un gruppo di altoparlanti, molto probabilmente vorrai iniziare il gruppo di altoparlanti e mai un singolo oratore. Per ora, l'elenco non è nemmeno abbastanza intelligente da mettere i gruppi di altoparlanti in cima.

Mi piace molto l'idea dei nuovi controlli dei media. Passare da un'app all'altra con un rapido scorrimento orizzontale è utile. La maggior parte delle volte, tutto ciò che voglio fare è riprendere l'ultimo file multimediale che stavo riproducendo e avere un elenco delle mie ultime sessioni multimediali sarebbe un modo semplicissimo per farlo. Come qualcuno che normalmente ha alcuni widget del lettore multimediale sulla mia schermata iniziale per un facile avvio, un lettore multimediale persistente sembra una funzionalità ideale. Il problema in questo momento è che nulla è effettivamente persistente. Nessuna app attiva la modalità persistente, quindi molte volte cerchi il lettore multimediale ed è solo… non lì. È piuttosto deludente aprire le Impostazioni rapide aspettandosi di utilizzare la tua app multimediale preferita e che manchi. Dopo alcune connessioni perse, ho rinunciato a provare a utilizzare il lettore Impostazioni rapide. Senza la modalità persistente, è più o meno identica alla vecchia notifica multimediale, solo con il fantastico supporto multiplayer.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui