Apple introdurrà gli acquisti di app universali per iOS e macOS

53

Ingrandisci / Twitter è tornato sul Mac tramite Project Catalyst di Apple.

Quando Apple ha introdotto Catalyst, il toolkit dei suoi sviluppatori per il porting di app iOS e iPadOS su macOS, sia gli sviluppatori che gli utenti hanno subito sottolineato che vorrebbero vedere gli acquisti di app iOS/macOS universali nell’App Store. Ora, Apple ha detto agli sviluppatori che prevede di aggiungere quella funzionalità a marzo, insieme ad alcune modifiche all’App Store per accompagnarla.

La società offrirà agli sviluppatori di app di terze parti la possibilità di distribuire app macOS, iOS e tvOS come acquisto universale da un singolo ID bundle a partire da marzo di quest’anno. Gli acquisti unificati possono essere applicati anche agli acquisti in-app (IAP).

“Puoi scegliere di creare una nuova app per queste piattaforme utilizzando un singolo record di app in App Store Connect o aggiungere piattaforme al tuo record di app esistente”, ha scritto Apple in una nota agli sviluppatori. Tuttavia, tutto ciò richiede al momento Xcode 11.4 beta.

Sebbene le app Catalyst siano i beneficiari più evidenti di questo cambiamento, gli sviluppatori non devono aver utilizzato Catalyst per offrire acquisti universali per le loro app. Le nuove app sviluppate da Catalyst supporteranno automaticamente gli acquisti universali.

Attualmente, gli App Store iOS/iPadOS e macOS hanno una categorizzazione molto diversa, ma Apple li allineerà quando arriverà questa funzione. Apple ha delineato le seguenti modifiche all’App Store nella sua nota agli sviluppatori:

  • Potrai selezionare le seguenti categorie per le app iOS: “Strumenti per sviluppatori” e “Grafica e design”
  • Potrai selezionare le seguenti categorie per le app macOS: “Libri”, “Cibo e bevande”, “Riviste e giornali”, “Navigazione” e “Shopping”
  • Le categorie “Fotografia” e “Video” sul Mac App Store verranno combinate in “Foto e video”. Le app per Mac e gli aggiornamenti in sospeso con la categoria “Fotografia” o “Video” selezionata in App Store Connect verranno spostati automaticamente nella categoria combinata
  • “Bambini” non sarà più una sottocategoria all’interno di “Giochi” sul Mac App Store

Inoltre, Cupertino ha detto oggi agli sviluppatori che le app watchOS supporteranno presto IAP. Iniziare a lavorare su questo richiede anche Xcode 11.4 beta. Ecco la nota dello sviluppatore che Apple ha pubblicato su questo argomento:

Annuncio pubblicitario

Con il rilascio pubblico di watchOS 6.2, sarai in grado di offrire acquisti in-app direttamente nelle tue app watchOS, in modo che gli utenti possano accedere a contenuti premium, beni digitali, abbonamenti e altro ancora, tutto direttamente dal polso. Inizia oggi scaricando Xcode 11.4 beta, implementando l’API StoreKit e creando per la versione beta di watchOS 6.2.

L’aggiunta di IAP per watchOS segue l’introduzione di un App Store su Watch alla fine dell’anno scorso. In precedenza, un utente doveva scaricare e gestire le proprie app Apple Watch da un iPhone associato. Apple ha appena rilasciato una beta di watchOS 6.2 e non ha identificato una data per una versione pubblica di 6.2. Ma questa sembra essere una delle caratteristiche di punta dell’aggiornamento ogni volta che arriverà.

Oltre alla versione beta di watchOS 6.2, questa settimana Apple ha rilasciato anche versioni beta per sviluppatori per iOS 13.4 e macOS 10.15.4. macOS 10.15.4 includerà Screen Time Communication Limits, una funzionalità di controllo parentale precedentemente introdotta in iOS e iPadOS 13.2 a dicembre. Aggiungerà anche la funzione di accessibilità del puntatore della testa già vista in iOS, che consentirà agli utenti con disabilità di spostare il puntatore del mouse di un Mac con i movimenti della testa tracciati da una telecamera, comprese le fotocamere frontali integrate nei computer MacBook e iMac.

La beta per sviluppatori di iOS 13.4 aggiunge nuovi adesivi Memoji con nove emozioni realizzate con qualsiasi Memoji che potresti creare, oltre al supporto per app di navigazione di terze parti in CarPlay, il software di visualizzazione per auto dell’azienda. Sia iOS che macOS otterranno la condivisione delle cartelle iCloud, quindi gli utenti potranno condividere le cartelle con chiunque desiderino direttamente dall’app File (iOS) o dal Finder (macOS).