Apple Music, Apple One e Apple TV+ stanno diventando più costosi

55

Mela

Apple ha molti servizi in abbonamento a questo punto. Sfortunatamente, tre di loro stanno per diventare più costosi, a seguito di una tendenza all’aumento dei prezzi di servizi come YouTube Premium.

Apple sta aumentando leggermente i prezzi su diversi abbonamenti, a partire da Apple Music, il servizio di streaming musicale dell’azienda. Il prezzo mensile aumenta da $ 9,99 al mese a $ 10,99/mese (aumento di $ 1) e il piano famiglia passa da $ 14,99/mese a $ 16,99/mese (aumento di $ 2). Se paghi annualmente per un piano individuale, passerai da $ 99 all’anno a $ 109 all’anno.

Anche il servizio di streaming di film e TV di Apple, Apple TV+ (da non confondere con Apple TV il set-top box), è interessato. Il prezzo mensile va da $ 4,99 a $ 6,99, mentre il piano annuale passa da $ 49,99 a $ 69. Ciò corrisponde al prezzo mensile del prossimo piano supportato dalla pubblicità di Netflix, che verrà lanciato il 3 novembre.

Infine, il prezzo di Apple One sta aumentando, che fornisce l’accesso a Musica, TV+, Arcade e iCloud e altri servizi in un unico pacchetto scontato. Il piano individuale passa da $ 14,95/mese a $ 16,95/mese e il piano familiare aumenta da $ 19,95/mese a $ 22,95. Infine, il piano Premier (che aggiunge News+ e Fitness+) passerà da $ 29,95/mese a $ 32,95/mese.

Apple ha dichiarato a 9to5Mac in una dichiarazione: “Il passaggio ad Apple Music è dovuto a un aumento dei costi di licenza e, a loro volta, artisti e cantautori guadagneranno di più per lo streaming della loro musica. Continuiamo inoltre ad aggiungere funzionalità innovative che rendono Apple Music la migliore esperienza di ascolto al mondo. Abbiamo introdotto Apple TV+ a un prezzo molto basso perché abbiamo iniziato con pochi programmi e film. Tre anni dopo, Apple TV+ ospita un’ampia selezione di serie pluripremiate e acclamate, lungometraggi, documentari e intrattenimento per bambini e famiglie dei narratori più creativi del mondo”.

L’affermazione di Apple è la solita logica circolare per gli aumenti dei prezzi degli abbonamenti: l’aumento dei prezzi consente più funzionalità, che a loro volta possono essere utilizzate per giustificare in seguito prezzi più elevati e così via. L ‘”aumento dei costi di licenza” potrebbe essere in gran parte fuori dalle mani di Apple, poiché la maggior parte della musica popolare è di proprietà di una manciata di etichette discografiche, ma è comunque fastidioso per chiunque paghi per utilizzare il servizio.

L’ecosistema bloccato di Apple significa anche che non ci sono alternative ai servizi dell’azienda che hanno tutte le stesse funzionalità. Ad esempio, Spotify e Pandora sono valide alternative ad Apple Music, ma non hanno la stessa integrazione con HomePods e altro hardware Apple del servizio Apple. Anche le funzionalità di backup del dispositivo e altre integrazioni a livello di sistema in iCloud (parte di Apple One) non sono completamente disponibili su concorrenti come Google Foto e Microsoft OneDrive.

Fonte: 9to5Mac