Apple Music raggiunge nuovi accordi con le major senza l’accordo bundle “Apple Prime”.

59

Jimmy Iovine annuncia Apple Music nel 2015.

Per mesi, abbiamo visto rapporti e voci secondo cui Apple è sul punto di introdurre la propria risposta ad Amazon Prime: un servizio in abbonamento in bundle che offrirebbe agli utenti l’accesso ad Apple Music, Apple TV+ e Apple News+ a un costo fisso. Ma un nuovo articolo che fornisce dettagli sugli accordi appena firmati da Apple con le principali etichette discografiche per Apple Music mette in discussione questa previsione, almeno per il breve termine.

Secondo un rapporto del Financial Times, Apple Music ha firmato nuovi accordi con le etichette discografiche Sony Music, Warner Music Group e Universal Music Group per continuare a offrire il lavoro degli artisti di quelle etichette sul servizio di streaming di Apple negli anni a venire. Ciò include grandi nomi come Taylor Swift, Kendrick Lamar, Blake Shelton e Mariah Carey.

Detto questo, i nuovi accordi non “includono un accordo economico per raggruppare Apple Music con il servizio televisivo dell’azienda”, secondo fonti del Financial Times. Alla fine dell’anno scorso, Bloomberg ha riferito che Apple stava perseguendo un piano per raggruppare Apple TV+, Apple Music e Apple News+ in un unico servizio. (Apple Arcade e gli altri servizi dell’azienda non sono stati menzionati.)

Quell’articolo chiariva che Apple includeva una disposizione nei suoi accordi con editori di riviste e giornali “che consente al produttore di iPhone di raggruppare il servizio di abbonamento News+ con altre offerte digitali a pagamento”.

Annuncio

Gli editori di riviste e giornali erano preoccupati per l’accordo perché probabilmente significava che avrebbero ricevuto una quantità di denaro molto inferiore per abbonato rispetto a quella attuale. Oggi, Apple addebita $ 9,99 al mese per News+ e prende il 50 percento di tali entrate, quindi divide il resto tra gli editori che fanno parte del servizio in base a quanto i loro contenuti vengono letti e coinvolti.

Le etichette musicali potrebbero essere preoccupate per qualcosa di simile. Il Financial Times scrive che “Apple ha detto alle grandi compagnie musicali che intende aggregare i suoi servizi multimediali, ma le due parti non hanno ancora deciso i dettagli di un piano di raggruppamento dei media, secondo persone che hanno familiarità con la questione”.

Apple ha risolto questi accordi musicali mentre continuano i negoziati tra il suo principale rivale negli Stati Uniti, Spotify, e due delle stesse etichette. Spotify ha firmato un accordo con Sony, ma Universal e Warner hanno concordato solo accordi a breve termine con Spotify misurati in mesi mentre continuano a elaborare dettagli fondamentali per accordi a lungo termine più sostenibili.