Apple prevede di annunciare la transizione ARM per tutti i Mac al WWDC 2020

92

Apple discute della CPU e della GPU A12X dell’iPad Pro 2018 sul palco dell’evento del 30 ottobre 2018.

Alla sua Worldwide Developers Conference (WWDC) di fine mese, Apple prevede di annunciare l’inizio della transizione dai Mac basati su Intel a quelli basati su ARM con CPU progettate internamente, secondo un rapporto di Bloomberg. Il rapporto proviene da Mark Gurman, che ha avuto un buon track record nel riportare il funzionamento interno di Apple e cita “persone che hanno familiarità con i piani”.

Le fonti affermano che Apple sta lavorando su almeno tre diversi sistemi su chip per Mac. Il primo sarebbe basato sull’A14, un processore previsto per i nuovi modelli di iPhone in arrivo più avanti nel 2020. I processori Mac sarebbero prodotti dal partner Apple TSMC “utilizzando una tecnica di produzione a 5 nanometri”. Il progetto ha il nome in codice Kalamata all’interno delle mura di Apple.

Il WWDC inizia il 22 giugno. Per la prima volta nella sua storia, quest’anno sarà un evento solo online, a causa delle preoccupazioni legate alla pandemia di COVID-19. Il rapporto Bloomberg rileva due volte che gli eventi mondiali e altri fattori rendono possibile che Apple ritarderà l’annuncio. Ma la leadership dell’azienda vuole condividere i piani al WWDC, se possibile, come un modo per dare agli sviluppatori di software Mac tutto il tempo per adattarsi al cambiamento, che dovrebbe iniziare con il lancio del primo hardware ARM Mac nel 2021.

Apple ha compiuto un’importante transizione nell’architettura quando è passata dai processori PowerPC a quelli Intel nel 2006 e ha adottato una strategia simile per dare agli sviluppatori un preavviso significativo e fornire strumenti per il cambiamento. Come nel caso di PowerPC e Intel, le differenze tra i processori Intel e ARM sono sostanziali e richiederanno agli sviluppatori di apportare modifiche alle loro app.

Le fonti di Bloomberg hanno chiarito che i Mac ARM continueranno a eseguire macOS, non un ramo del software iOS o iPadOS utilizzato negli iPhone e iPad basati su ARM. Detto questo, Apple ha iniziato a pianificare seriamente la transizione per i Mac dopo aver adattato con successo un processore iPad Pro per i test interni con i Mac nel 2018.

Apple ha già iniziato a confondere i confini tra iPadOS e software macOS nelle sue iniziative per gli sviluppatori. L’anno scorso ha introdotto Catalyst, un framework per trasferire facilmente le app per iPad su Mac. Ma la maggior parte degli sviluppatori vede Catalyst come un ripiego per le aziende che hanno già app per iPad prima che il piano definitivo prenda slancio: quel piano definitivo sembra essere SwiftUI, un framework per lo sviluppo di app per più sistemi operativi Apple fianco a fianco.

I test dei chip Mac basati su ARM presso Apple hanno prodotto “notevoli miglioramenti” rispetto ai chip Intel nella grafica e nelle prestazioni dell’IA. I nuovi chip sono anche più efficienti dal punto di vista energetico, che Apple potrebbe utilizzare per migliorare la durata della batteria o produrre laptop più sottili e leggeri, o qualsiasi combinazione dei due ritenga desiderabile. Il cambiamento libererebbe anche Apple dalle catene della roadmap di sviluppo di Intel, che in più di un’occasione ha ostacolato la capacità di Apple di rilasciare i prodotti che desidera, quando lo desidera.

Inoltre, Apple potrebbe non dover più introdurre chip secondari come il chip di sicurezza T2; potrebbe mettere molto o tutto il silicio che vuole sul sistema su chip, inclusa una controparte dei suoi processori proprietari di apprendimento automatico e intelligenza artificiale di iPhone e iPad, che attualmente non hanno eguali nei Mac.

Tutti i Mac effettueranno la modifica

Voci e rapporti sono circolati per anni sul piano di Apple di passare ai propri chip Mac basati su ARM per anni, ma gli spettatori sono stati divisi nelle loro previsioni su quali Mac avrebbero effettuato quella transizione.

Alcuni hanno suggerito che i chip ARM siano l’ideale per un laptop come il MacBook Air, ma che Apple avrebbe almeno inizialmente rinunciato a introdurre ARM su iMac Pro o Mac Pro, poiché il supporto di software di terze parti di aziende come Adobe e Autodesk è essenziale per quelle macchine ‘ casi d’uso. Altri, tuttavia, hanno affermato che Apple potrebbe iniziare con i desktop di fascia alta poiché le prestazioni contano di più su quelle macchine e potrebbe funzionare direttamente con una piccola cabala di società di software critici per facilitare la transizione.

Secondo il rapporto di oggi, tuttavia, Apple prevede di trasferire l’intera linea, dai MacBook al Mac Pro, anche se non tutto in una volta. Il rapporto non indica quali macchine arriveranno per prime sul mercato, solo che Apple prevede di portare questo cambiamento su tutti i Mac a un certo punto.

Gurman di Bloomberg osserva inoltre che è improbabile che questo cambiamento influisca drasticamente sui profitti di Intel, poiché i Mac violano solo a malapena la quota di mercato a due cifre rispetto ad altri tipi di personal computer. Ma ipotizza che la mossa potrebbe ispirare altri produttori di laptop, che sono inclini a imitare Apple in alcuni prodotti, a fare lo stesso, e ciò potrebbe creare una preoccupazione molto più grande per Intel.

Indipendentemente dal fatto che Apple proceda con i suoi piani di annuncio ARM, Cupertino introdurrà almeno nuove versioni di macOS, iPadOS, iOS, watchOS e tvOS con “una profonda integrazione di app e servizi esterni” (secondo Bloomberg) e funzionalità di realtà aumentata ampliate , nonché miglioramenti delle prestazioni. Sono circolate anche voci su un nuovo modello di iMac che potrebbe essere presentato durante l’evento.