Che cosa sta effettivamente succedendo con le regole comuni per i caricatori dell’UE?

65

I 27 paesi dell’Unione Europea stanno valutando da anni una legge che obbligherebbe telefoni, tablet, laptop e altri dispositivi mobili a utilizzare un unico connettore: USB Type-C. Ora l’UE è un passo più vicina alla sua realizzazione.

Il Parlamento europeo ha annunciato oggi di aver raggiunto un “accordo provvisorio” che stabilisce un’unica soluzione di ricarica, in questo caso USB Type-C, per alcuni dispositivi elettronici. L’attuale accordo si applica a telefoni, tablet, eReader, auricolari, fotocamere digitali, cuffie, auricolari, console portatili e altoparlanti portatili. I produttori possono continuare a vendere qualsiasi dispositivo esistente, ma a partire dall’autunno 2024 i nuovi prodotti devono supportare la ricarica USB di tipo C.

Anche i laptop venduti nell’UE dovranno utilizzare USB Type-C, ma la scadenza è molto più lontana. Dato che siamo ancora agli inizi (relativamente) della ricarica di tipo C con potenza sufficiente per laptop più grandi, il requisito non entrerà in vigore per i laptop fino all’autunno 2025.

Le regole non sono ancora completamente scolpite nella pietra, però. Non c’è un accordo per una tecnologia wireless standard (almeno, non ancora), e il Parlamento e il Consiglio dell’UE devono ancora approvare formalmente tutto.

Il problema della mela

Apple è stata descritta come l’obiettivo principale di queste regole, poiché gli iPhone utilizzano ancora la porta di ricarica Lightning proprietaria di Apple e Apple vende molti iPhone in Europa. Anche se l’iPad Pro/Air e tutti i MacBook sono passati all’USB Type-C, purtroppo Lightning è ancora vivo e vegeto.

Apple ha criticato le regole sui caricabatterie dell’UE quando sono state proposte per la prima volta nel 2021, dicendo alla BBC: “Rimaniamo preoccupati che una severa regolamentazione che impone un solo tipo di connettore soffochi l’innovazione piuttosto che incoraggiarla, il che a sua volta danneggerà i consumatori in Europa e nel mondo .” L’Unione Europea ha risposto che aggiornerà le sue regole con l’arrivo di nuove tecnologie.

Apple potrebbe teoricamente aggirare le nuove regole con un iPhone che si ricarica solo in modalità wireless, poiché (come accennato in precedenza) non esiste una proposta ferma per un caricabatterie wireless standardizzato. Apple ha aggiunto la ricarica wireless MagSafe ai suoi telefoni a partire dall’iPhone 12 e negli ultimi anni ci sono state voci secondo cui Apple potrebbe rimuovere completamente una porta di ricarica fisica. Tuttavia, rapporti più recenti indicano che Apple sta testando iPhone con porte USB di tipo C e l’azienda potrebbe cambiare connettore già nel 2023.

Perché l’UE si preoccupa?

Quindi, ti starai chiedendo, perché all’Unione Europea interessa quali caricabatterie utilizzano l’elettronica? Il problema principale sono i rifiuti elettronici, poiché l’UE stima che i caricabatterie smaltiti e inutilizzati ammontassero a 11.000 tonnellate di rifiuti elettronici nel 2018 e quel numero potrebbe continuare a crescere man mano che i caricabatterie diventano più grandi e più pesanti per adattarsi a velocità più elevate. Più rifiuti elettronici significano più hardware che si decompone lentamente nelle discariche, il che contribuisce al cambiamento climatico, colpendo tutti sul pianeta, non solo le persone che vivono all’interno dei confini dell’UE.

L’idea è che se puoi avere un caricabatterie standard per la maggior parte (se non tutti) dei tuoi dispositivi mobili, puoi riutilizzare gli stessi adattatori e cavi per periodi di tempo più lunghi. Ad esempio, se il tuo laptop e il tuo telefono hanno entrambi USB Type-C e il cavo del tuo telefono è danneggiato, puoi semplicemente caricare il telefono con il caricatore del laptop. Probabilmente è anche più probabile che tu conservi i caricatori USB di tipo C se sai che potresti usarli in futuro, mentre i caricatori proprietari di solito vanno nella spazzatura una volta che il dispositivo per cui sono stati costruiti viene sostituito.

L’Unione Europea afferma anche che la mossa semplificherà la vita degli acquirenti. “I consumatori riceveranno informazioni chiare sulle caratteristiche di ricarica dei nuovi dispositivi”, ha affermato l’UE, “rendendo loro più facile vedere se i loro caricabatterie esistenti sono compatibili. Gli acquirenti potranno anche scegliere se acquistare nuove apparecchiature elettroniche con o senza un dispositivo di ricarica”.

Abbiamo già visto molte aziende smettere di vendere dispositivi con caricabatterie negli ultimi anni, inclusi gli iPhone di Apple, molti dei dispositivi Galaxy di Samsung e la maggior parte degli auricolari wireless. Ciò potrebbe essere più motivato dalla riduzione dei costi che da qualsiasi altra cosa – Apple non ha abbassato il prezzo dell’iPhone quando ha smesso di includere un caricabatterie – ma riduce comunque i rifiuti elettronici.

Fonte: Parlamento europeo