Come evitare chiamate indesiderate di spam con "chiamate verificate" su Android

0
8

Le chiamate spam potrebbero essere la cosa peggiore del portare un telefono in tasca ogni giorno. Per fortuna, ci sono strumenti per aiutarti in questo. Ti mostreremo come configurare "Chiamate verificate" sul tuo telefono Android utilizzando una delle app di Google.

Chiamate verificate è una funzione che si trova nell'app "Phone by Google". Google collabora con le aziende per verificare l'identità del chiamante, mostrare il motivo della chiamata e persino visualizzare i loghi. L'app Google Phone può essere installata sulla maggior parte dei dispositivi Android (se non è già preinstallata), inclusi i telefoni Samsung.

Dopo aver installato l'app Phone by Google, sarà necessario impostarla come app del telefono predefinita. Se ti sei perso la richiesta di farlo alla prima apertura dell'app, puoi farlo anche manualmente. Il processo è leggermente diverso a seconda del telefono, ma sarà qualcosa di simile a Impostazioni> App> App predefinite> Telefono.

Detto questo, abilitiamo le chiamate verificate. Apri Phone by Google e tocca l'icona del menu a tre punti nell'angolo in alto a destra.

Seleziona "Impostazioni" dal menu.

Dal menu Impostazioni, tocca "Spam and Call Screen". Potrebbe anche essere chiamato "ID chiamante e spam".

Quindi, attiva l'interruttore per "Chiamate verificate".

Questo ti porterà a una schermata che chiede di aggiungere il tuo numero di telefono al tuo account Google. Ciò è necessario per utilizzare le chiamate verificate. Tocca "Sì, accetto" se sei d'accordo con tale autorizzazione.

Verrai riportato alla schermata precedente e l'opzione "Chiamate verificate" sarà attiva. Ecco un esempio della differenza tra una chiamata normale e una chiamata verificata.

Google

Questo è tutto quello che c'è da fare! Riceverai molte più informazioni sullo schermo per queste chiamate verificate, che ti aiuteranno a distinguere tra chiamate spam e chiamate reali.

RELAZIONATO: Come bloccare automaticamente le chiamate spam su un iPhone