Come funzionano le truffe crittografiche e perché le aziende devono prenderne nota

85

Non sei riuscito a partecipare a Transform 2022? Dai un’occhiata a tutte le sessioni del vertice nella nostra libreria on-demand ora! Guarda qui.

Per il mercato delle criptovalute, il 2022 ha visto minimi definiti e picchi incerti. Il mese scorso, un’analisi di TIME ha previsto che le cose potrebbero non cambiare in tempi brevi, affermando che alcuni esperti affermano che “i prezzi delle criptovalute potrebbero scendere ulteriormente prima di una ripresa sostenuta”.

Sebbene il mercato abbia raggiunto i massimi storici nel 2021, il futuro delle criptovalute dipende da una combinazione di fattori, inclusi i regolamenti, come quelli proposti dall’amministrazione Biden la scorsa primavera.

Parte dell’ordine esecutivo (EO) del presidente Biden sulla criptovaluta era fortemente incentrato sulle protezioni, sia per le imprese che per i consumatori che desiderano prendere parte al caldo mercato finanziario digitalizzato, che è ancora agli inizi.

L’infanzia del mercato delle criptovalute è proprio il motivo per cui sono necessarie le protezioni. L’EO di Biden osserva che “circa il 16% degli americani adulti – circa 40 milioni di persone – ha investito, scambiato o utilizzato criptovalute”. C’è spazio per l’innovazione, ovviamente, ma anche molto potenziale per truffe, minacce e malintenzionati.

Il panorama delle minacce della criptovaluta

Un nuovo rapporto della società di fiducia e sicurezza digitale, Sift, dipinge un quadro inquietante di quanto siano pervasive le truffe crittografiche, rivelando che il 43% di coloro che si sono impegnati nel mercato delle criptovalute ha riscontrato truffe. Sorprendentemente, ha anche scoperto che il 22% di coloro che hanno riscontrato una truffa, in effetti, ha perso denaro a causa di essa.

Il rapporto di Sift rileva inoltre che le vittime delle truffe crittografiche tendono a essere più giovani e che i siti di social media sono i luoghi più diffusi in cui si verificano le truffe.

“I truffatori non discriminano in base all’età, seguono il flusso del denaro. Detto questo, la nostra ricerca ha scoperto che esisteva una correlazione diretta tra l’età di una persona e la sua probabilità di incontrare truffe crittografiche”, ha affermato Jane Lee, architetto di fiducia e sicurezza presso Sift. “Il cinquantanove percento della generazione Z e il 51% dei millennial hanno riscontrato truffe crittografiche. Le percentuali diminuiscono con ogni generazione più anziana”.

Lee ha notato che anche la Generazione Z e i millennial tendono a essere ingannati da queste truffe, il più delle volte a causa del loro stile di vita connesso e esperto di social media. Lee ha indicato il rapporto di perdita 2021 della FTC, che ha rilevato che i siti di social media come Facebook e Instagram sono in genere il luogo in cui inizia una percentuale considerevole di truffe crittografiche, in particolare, il 23% su Facebook e il 13% su Instagram.

Il rapporto di Sift sottolinea i risultati della FTC e rivela che il 30% dei Gen Z e il 25% dei millennial che hanno riscontrato tali truffe affermano anche di aver perso denaro a causa loro.

Il rapporto FTC cita quanto le piattaforme di social media siano un terreno fertile per queste truffe: “La criptovaluta è stata indicata come metodo di pagamento nel 64% delle segnalazioni di frode relative agli investimenti del 2021 che indicavano i social media come metodo di contatto”.

Macellazione del maiale

Cosa offrono questi truffatori di così convincente da conquistare generazioni tipicamente esperte di tecnologia? Come invogliano gli utenti a rinunciare ai loro soldi? Spesso attraverso un metodo noto come “macellazione dei maiali”, ha spiegato Lee.

“Le truffe di macellazione di maiali sono gestite da truffatori di criptovalute che si nascondono app di appuntamenti per i loro obiettivi. La truffa funziona “aumentando” gli obiettivi per il loro potenziale profitto attraverso il love bombing (cioè gesti romantici, attenzione costante e la promessa di diventare ricchi investendo in criptovaluta)”, ha affermato.

Questi cattivi attori in genere falsificano informazioni, fanno riferimento a vacanze sontuose, condividono foto impegnate nel loro stile di vita lussuoso e promettono regali costosi. In genere tentano di spostare le conversazioni da app o piattaforme di social media a strumenti di messaggistica crittografati come WhatsApp per mantenere l’anonimato. Da lì, secondo Lee, usano tattiche psicologiche per far sentire la loro vittima insicura o che devono qualcosa. Quindi, quella che potrebbe essere stata una conversazione civettuola e amichevole si trasforma rapidamente in influenza finanziaria.

“Rinunceranno quanto hanno guadagnato investendo in criptovalute e si offriranno di allenare il loro obiettivo in modo che possano guadagnare un po’ di denaro extra. Questo è uno schema di successo perché così tante persone vogliono investire in criptovalute, ma non sanno come iniziare”, ha detto Lee. “Il truffatore quindi istruisce il proprio obiettivo a creare un account su una piattaforma crittografica legittima. Quindi, viene inviato un collegamento a un falso scambio di criptovalute interamente controllato dal truffatore, che afferma che è meglio per il trading rispetto ad altre piattaforme. Questo falso sito di trading di terze parti ha un design semplice ma imita una vera piattaforma di trading di criptovalute, mostrando valori accurati in tempo reale delle criptovalute e una chat dal vivo del servizio clienti reattivo.

All’inizio di quest’anno, una donna in Texas è stata vittima dello stratagemma di macellazione di maiali descritto sopra: ha perso 8 milioni di dollari.

Perdere centinaia di migliaia o milioni a causa di questo tipo di truffa non è un incidente isolato. Sta succedendo sempre più a livello nazionale. Il Q2 Digital Trust & Safety Index di Sift sottolinea che i criminali informatici continuano a sfruttare la mancanza di conoscenza delle criptovalute da parte dei consumatori per realizzare un profitto.

Dove entra in gioco l’impresa

Le criptovalute e la blockchain sono di grande importanza per i professionisti che guardano al Web3 e al metaverso, quindi comprendere i modi in cui i consumatori vengono bruciati dalle tecnologie e fare perno per garantire interazioni sicure rafforzerà la fiducia.

“Spetta al settore delle criptovalute aumentare le proprie difese contro le frodi per proteggersi dall’aumento dei criminali informatici che prendono di mira il settore”, ha affermato Lee.

Anche lo spazio crittografico non mostra segni di rallentamento. Un rapporto di Bitstamp ha rilevato che l’80% degli investitori istituzionali ritiene che le criptovalute supereranno i tradizionali veicoli di investimento. Inoltre, per ora, gli investitori rimangono ottimisti con il 60% che afferma di avere un alto livello di fiducia nelle criptovalute.

Lee raccomanda alle imprese e ai consumatori di seguire l’antico consiglio: “Se sembra troppo bello per essere vero, probabilmente lo è”.

Leggi il rapporto completo di Sift.

La missione di VentureBeat deve essere una piazza cittadina digitale per i decisori tecnici per acquisire conoscenze sulla tecnologia aziendale trasformativa e le transazioni. Saperne di più sull’appartenenza.