Con YouTube Music, Google sta trattenendo i miei altoparlanti per ottenere un riscatto

345
  • Solo una piccola quantità dei $ 15 miliardi di dollari che YouTube ha guadagnato l’anno scorso.

  • La trasmissione di musica e il download di musica costano denaro.

    Rum Amadeo

  • Una volta raggiunta l’interfaccia effettiva, le cose vanno per lo più a posto. È un lettore musicale.

    Rum Amadeo

  • Tuttavia, arrivare all’interfaccia giusta è terribile. Non ho idea di cosa sia la “prima pagina” a sinistra. Sezioni come “Brani” iniziano in una scheda “YT Music” per lo più vuota e devi passare a “Caricamenti” per vedere i tuoi brani.

    Rum Amadeo

  • Google Music ti spingerà su YouTube Music, anche se puoi continuare a utilizzarlo.

    Rum Amadeo

In meno di sei mesi, YouTube Music sarà l’unico servizio musicale di Google. La chiusura di Google Play Music è prevista per la fine dell’anno, lasciando YouTube come marchio multimediale unico di Google. Come parte di questa transizione, YouTube Music ha recentemente aggiunto l’ultima grande funzionalità di Google Music alla sua formazione: il supporto della libreria musicale. Dopo un rollout terribilmente lento, questo utente di Google Music di lunga data ha dato una svolta al servizio ed è tornato a riferire: questo sarà un pasticcio.

Per chi non lo sapesse, la funzione “Libreria musicale” ti consente di portare la tua musica acquistata al servizio. Google Music è stato lanciato con la funzione nel 2011, che ti consente di caricare i tuoi MP3 e qualsiasi altra cosa sui server di Google, quindi puoi riprodurli in streaming o scaricarli su altri dispositivi. Google Music ha le sue stranezze, ma è un servizio fantastico per sincronizzare la tua raccolta musicale su più dispositivi, eseguire il backup della tua musica e inserire la tua musica nell’ecosistema Google Cast per una facile riproduzione su un altoparlante Google Home o Android TV. L’acquisizione del servizio da parte di YouTube include una semplice funzione di trasferimento della libreria con un clic, che funziona alla grande. Il problema con YouTube Music sono le regole di riproduzione restrittive, che rappresentano un importante downgrade da Google Music.

Potrei sedermi qui e lamentarmi per giorni delle regressioni di YouTube Music, dell’interfaccia utente simile a un labirinto e della strana fusione tra merda casuale di YouTube e la mia raccolta musicale. Ma quello che voglio davvero gridare dai tetti in questo momento è questo: YouTube Music non rispetta le persone che acquistano musica. Se hai acquistato la tua musica, l’hai caricata su YouTube Music e ti aspetti di essere trattato come se fossi il proprietario della musica, questo servizio non fa per te. Se hai acquistato un altoparlante intelligente Google Home o qualsiasi altro dispositivo Google Cast, la posizione pubblica di Google in questo momento è che dovrai pagare una tariffa mensile per trasmettere al tuo altoparlante una volta che Google Music si spegne.

Acquista la musica, acquista l’altoparlante, quindi acquista il diritto per riprodurre la musica sull’altoparlante

YouTube Music è davvero solo per The Music Renter, qualcuno che vuole pagare $ 10 al mese, ogni mese, per sempre, per “Music Premium”. Questa tariffa serve per acquistare una licenza di streaming mensile per la musica che non possiedi e immagino che una buona parte vada alle compagnie musicali. Quando non paghi questo canone di noleggio, YouTube Music sembra un’app demo.

Preferisco possedere la mia musica e possiedo molta musica indipendente che non sarebbe comunque coperta da questa importante licenza di streaming per etichette discografiche, quindi non ho alcun interesse per questo servizio. Il problema è che YouTube Music blocca anche le normali funzioni di riproduzione musicale dietro questo canone mensile, anche per la musica che hai caricato sul servizio. L’offesa più grande è che non puoi utilizzare Google Cast senza pagare il canone di locazione, ma quando si tratta di musica che possiedo e di un altoparlante che possiedo, non va davvero bene. Google Music non l’ha fatto.

Pubblicità Ingrandisci / Google Home / Famiglia di altoparlanti Google Nest. Devi pagare una tariffa mensile per utilizzarli con YouTube Music.

Google

Sarei piuttosto offeso se qualcuno si riferisse a me come utente “gratuito” solo perché non voglio abbonarmi a Music Premium. Ho pagato bene per molta musica da tutto il Web. Ho pagato centinaia di dollari per gli altoparlanti di Google Home, che (per le normali dimensioni “medie”) sono $ 130 a pop. Grazie all’iniziale lenta implementazione delle funzionalità di base su Google Home, per molto tempo la riproduzione di musica su più altoparlanti è stata l’unica cosa che Google Home poteva fare bene. Quando le persone hanno acquistato questi altoparlanti, Google Music era il modo ufficiale per riprodurre la tua musica su Google Home e, naturalmente, lo ha fatto senza un canone mensile. Quando Google chiuderà Google Music, Google prenderà la sua linea di altoparlanti e dirà ai clienti: “Se vuoi continuare a riprodurre musica sui tuoi altoparlanti, inizia a pagare una tariffa mensile”.

Sembra folle, ed è difficile credere che accadrà davvero, ma è così che stanno le cose in questo momento. Prima di pubblicare questo articolo, ho contattato Google PR e ho cercato di convincere qualcuno ad abbattere l’idea di addebitare improvvisamente una tariffa mensile per utilizzare i miei altoparlanti, ma la società ha solo ribadito che YouTube Music richiede una tariffa mensile per Google Cast.

Il supporto di Google Cast è integrato in molte app e servizi musicali e, con un solo tocco, puoi inviare la tua musica a qualsiasi altro altoparlante di Google Cast sulla tua rete Wi-Fi locale. Gli altoparlanti di Google Home hanno una modalità Bluetooth alternativa, in cui puoi associare loro un dispositivo Bluetooth arbitrario e trasmettere la musica, ma questo viene fornito con un sacco di regressioni rispetto al casting. Innanzitutto, non è possibile utilizzare la coppia Bluetooth su un gruppo di più altoparlanti, ma solo su un singolo altoparlante. E ricorda, per molto tempo, la riproduzione musicale multiroom è stata l’unico punto di forza di Google Home. In secondo luogo, la gestione di più dispositivi Bluetooth, in particolare su Android, è un incubo pieno di bug e goffo e qualcosa che non voglio assolutamente fare. In terzo luogo, il Bluetooth è limitato alla portata del Bluetooth, mentre Google Cast funziona sull’intera rete domestica. In quarto luogo, il tuo dispositivo ha bisogno del Bluetooth, quindi non puoi avviare la musica da un computer che non dispone del Bluetooth. In quinto luogo, non puoi avviare la riproduzione della musica con un comando vocale, che è, come, l’intero punto di un Google Home. La riproduzione Bluetooth non sostituisce la trasmissione.

Inoltre, non riesci a scaricare la tua musica caricata?

Ingrandisci / Paga denaro per scaricare i brani che ci hai caricato! Non sono sicuro del motivo per cui c’è un’opzione video, immagino che uno o due video siano entrati di nascosto in questa playlist?

L’altra stranezza del canone di noleggio di YouTube Music rispetto a Google Music: non riesci a scaricare la tua musica? Beh, a volte puoi. Puoi scaricare l’intera libreria come file ZIP su un PC e puoi scaricare un singolo brano nell’app, ma non puoi scaricare una playlist nell’app senza pagare il canone di noleggio della musica. Non ha alcun senso.

Su Google Music, scaricare la tua raccolta musicale basata su cloud è assolutamente qualcosa che dovresti fare se il tuo telefono ha lo spazio per farlo. Oltre a consentire la riproduzione offline, che è fantastico avere, è anche solo un miglioramento generale delle prestazioni. Perché fare un viaggio di andata e ritorno su Internet quando non è necessario? Quando i nuovi telefoni hanno da 128 GB a 1 TB di spazio di archiviazione, scaricare migliaia di brani non è davvero un grosso problema. Google Music ha reso questo un po’ difficile: dovevi creare una playlist della tua raccolta musicale e quindi scaricare quella playlist, ma almeno il servizio lo avrebbe fatto. YouTube Music vuole addebitare una tariffa.

Ma ancora una volta, quando possiedo la musica, addebitare una tariffa per scaricarla sul mio telefono non va bene. Potrei altrettanto facilmente collegare un cavo USB e trasferire la mia musica. Sto “scaricando” temporaneamente una canzone ogni volta che la trasmetto in streaming, lascia che la salvi. Ciò farà risparmiare la mia larghezza di banda e la larghezza di banda di Google e migliorerà le prestazioni. Google Music non ha addebitato una commissione per questo.

Qualcuno si fida più dei servizi di Google?

In questo momento, YouTube Music sembra una presa di denaro. Google non sta solo interrompendo gli utenti eliminandoli da un servizio e chiedendo loro di passare a un altro servizio: l’azienda sta anche stringendo le viti e sperando di raccogliere qualche abbonato mensile in più nel processo.

Se Google mantiene effettivamente queste restrizioni alla chiusura di Google Music, la classificherò come una delle cose peggiori che l’azienda abbia mai fatto. Google ha causato un’incredibile quantità di danni al suo marchio e al suo ecosistema negli ultimi anni chiudendo un prodotto dopo l’altro. Di recente, l’abbiamo visto uccidere o pianificare di uccidere Google Inbox, Google Hangouts, Google+, Google Cloud Print, Google Allo e YouTube Gaming, e questo è in aggiunta ai dolorosi arresti precedenti che le persone ricordano ancora, come la morte di Google Notepad e Google Reader.

Tuttavia, la transizione di Google Music e Google Home è diversa. Tutti questi altri servizi erano prodotti gratuiti o almeno supportati da pubblicità. Nessun denaro è passato di mano. Quando Google Music morirà, Google prenderà un prodotto hardware per cui le persone hanno pagato e bloccherà la funzionalità di riproduzione musicale a meno che non inizino a pagare una tariffa mensile.

Spero davvero che l’azienda inverta la rotta su questo, ma non sono sicuro di cosa farei se arrivasse la fine dell’anno e centinaia di dollari di altoparlanti smettessero improvvisamente di funzionare.

Questa mossa sarebbe lassù con la morte dell’ecosistema Works with Nest, quando Google ha demolito le configurazioni di casa intelligente di alcune persone perché voleva chiudere gli account Nest. Almeno questo aveva la scusa di “non inventare qui”: Nest era un’acquisizione. L’arresto di Google Music è puramente il disturbo da deficit di attenzione di Google in azione. Da una prospettiva esterna, l’azienda non ha una direzione dall’alto verso il basso e non riesce a mantenere i prodotti a lungo termine. I dirigenti di Google sembrano all’oscuro quando si tratta del danno che l’azienda sta facendo al proprio marchio, e chiusure come questa non riguardano solo i singoli utenti, ma inviano un messaggio all’intero settore tecnologico che i prodotti Google non possono essere attendibili e non vale la pena investire il tuo tempo. Stiamo vedendo Google raccogliere ciò che ha seminato con il lancio di Google Stadia: sviluppatori e utenti stanno lontani dal servizio perché si aspettano che Google vi rinunci in pochi anni.

Vorrei sottolineare che YouTube ha guadagnato 15 miliardi di dollari nel 2019. La divisione Google non sta lottando per i soldi. Quando sarà sufficiente? Cerca solo di fare bene ai tuoi utenti prima di cacciarli via tutti.

Immagine dell’elenco di Jericho / Ron Amadeo