Cosa c'è di nuovo in GNOME 40?

0
7

Fondazione GNOME

GNOME 40 ha più di un nuovo schema di numerazione. Insieme al suo nuovo look arriva un nuovo modo di lavorare. Le vecchie metafore verticali sono sparite, sostituite da temi e layout orizzontali. Diamo un'occhiata più da vicino.

La Via dello GNOMO

GNOME 40 doveva essere GNOME 3.40, ma gli sviluppatori hanno deciso di eliminare il numero principale e adottare il numero di build come unico identificatore. Erano ovviamente in vena di suonare i cambiamenti. GNOME 40 potrebbe essere ancora GNOME al suo interno, ma non è lo GNOME con cui hai familiarità.

Alcune delle modifiche e delle nuove impostazioni predefinite potrebbero sembrare stridenti. Il team di GNOME ha riflettuto attentamente su ognuno di essi e ha formato le sue opinioni sulla base di un insieme di principi di progetto. Tobias Bernard, uno degli sviluppatori di GNOME, afferma nel suo blog: "GNOME è un progetto molto basato sui principi". Con ciò, intende che ci sono molti principi e linee guida a cui gli sviluppatori devono conformarsi.

Gli sviluppatori di GNOME non sono vincolati alle norme e alle convenzioni standard del desktop. Rivisiteranno felicemente qualsiasi aspetto del desktop e lavoreranno su di esso per risolvere un problema. Ciò potrebbe significare scavare nel codice e risolvere il problema alla radice, oppure potrebbe significare sostituire quell'elemento con qualcosa di nuovo. Non ci sono vacche sacre.

Sono anche contrari a fornire troppe opzioni e preferenze. Questo potrebbe sembrare in contrasto con il mantra di scelta e flessibilità di Linux. Tobias fa riferimento a un pezzo precedente di Havoc Pennington, uno degli sviluppatori originali di GNOME e presidente del consiglio di amministrazione della GNOME Foundation per i suoi primi due anni. Questo descrive il principio "meno preferenze è meglio" di GNOME. Potresti scoprire che alcune delle cose che vuoi cambiare ora sono state risolte.

Gli sviluppatori di GNOME dicono che il modo migliore per arricchire l'ecosistema GNOME è scrivere applicazioni, non estensioni. Questa volta, alcune delle estensioni che funzionavano sono state interrotte da GNOME 40. Molte di queste estensioni sono state create per sostituire funzionalità che erano state rimosse in precedenza da GNOME o che non potevano essere controllate direttamente tramite le impostazioni di GNOME.

Sapevo in anticipo quali sarebbero stati molti dei cambiamenti di GNOME 40. Mi hanno fatto preoccupare. Uso GNOME sul mio computer principale e l'atteggiamento "mi piace o no" non mi stava vendendo nel nuovo modo GNOME. Ma Fedora 34 è già in vendita con GNOME 40, Manjaro sta attualmente lanciando il suo aggiornamento GNOME 40 e Ubuntu 21.10 "Impish Idri" includerà GNOME 40. Se sei un utente GNOME, il colosso sta arrivando. L'opzione migliore è affrontarlo con una mente aperta e vedere se si adatta al tuo modo di lavorare.

I principali cambiamenti

Posizionamento in banchina

Il dock in GNOME 40 si è spostato nella parte inferiore dello schermo. Di default era a sinistra, ma puoi spostarlo se lo desideri. Potrebbe anche essere impostato per nascondersi automaticamente. Scivolerebbe fuori dalla vista se l'immobile del desktop fosse richiesto da una finestra. Ora è stato spostato nella parte inferiore dello schermo, senza la possibilità di spostarlo.

Il dock non è permanentemente sullo schermo, quindi non ti sottrae spazio sul desktop, ma richiede un'azione da parte tua per rivelarlo. Può essere un movimento del mouse, una scorciatoia da tastiera o un gesto su un tappetino per mouse. Non è così male come sembra. Se il vecchio dock era impostato per nascondersi automaticamente, dovevi fare clic su "Attività" nel pannello superiore, premere il tasto "Super" o spostare il cursore sul bordo sinistro del monitor per far riapparire il dock.

La differenza in GNOME 40 è che non stai solo rivelando il dock. Per vedere il dock è necessario aprire la panoramica delle attività.

Panoramica delle attività

La panoramica delle attività mostra le tue aree di lavoro, disposte orizzontalmente, con il dock nella parte inferiore dello schermo e il campo di ricerca in alto. È la vista in cui atterri ogni volta che accedi.

Panoramica delle attività in Fedora 34

Le build pre-release di Ubuntu 21.10 hanno ancora il dock a sinistra. Resta da vedere se gli sviluppatori di Ubuntu intendono invertire la tendenza e andare per la propria strada, o mettersi in riga prima della data di lancio e far cadere il dock in fondo. Presenta ancora lo sfondo "Hirsute Hippo" e molte delle applicazioni sono ancora versioni precedenti a GNOME 40, quindi non stiamo assolutamente guardando l'articolo finito qui.

Panoramica delle attività in Ubuntu 21.10, versione pre-release

Premendo il tasto Esc, utilizzando la combinazione Super+Alt+Freccia giù o facendo clic su un'area di lavoro si torna al desktop normale.

Se hai un'opzione "Attività" nel pannello superiore, come Fedora e Ubuntu, fai clic su di essa per tornare alla panoramica delle attività. Nelle distribuzioni che non hanno un'opzione "Attività", l'angolo in alto a sinistra dello schermo funge da angolo caldo. Spingendo il cursore del mouse in quell'angolo si apre la vista delle attività. Puoi anche premere il tasto Super o usare Super+Alt+Freccia su. Su un laptop con un touchpad, usa tre dita verso l'alto.

Per scorrere lateralmente le aree di lavoro, usa la rotella di scorrimento, i tasti Super+Alt+Freccia destra e Super+Alt+Freccia sinistra oppure trascina con tre dita sul touchpad. Funzionano anche sul desktop normale, sebbene gli utenti del mouse debbano tenere premuto Super + Alt mentre usano la rotellina di scorrimento.

Manjaro si attiene ai soliti Super+PageUp e Super+PgDn per saltare tra le aree di lavoro sul desktop.

Se desideri avviare più app contemporaneamente dal dock, premi Ctrl+clic su di esse. Se fai clic una volta, la panoramica delle attività si chiude, insieme al dock, e torni al desktop.

Quando lavori sul tuo computer da un po' e torni alla panoramica delle attività, le tue applicazioni aperte sono disposte in modo che siano tutte visibili e visualizzate nell'area di lavoro su cui sono in esecuzione. Ogni finestra dell'applicazione visualizza l'icona dell'applicazione che l'ha avviata.

Panoramica delle attività con applicazioni sul primo spazio di lavoro

Facendo clic su un'applicazione si chiude la panoramica delle attività e si torna al desktop. L'applicazione su cui hai fatto clic diventa l'applicazione corrente, focalizzata.

Avvio applicazioni

Facendo clic sul pulsante "Avvio applicazioni" sul dock o utilizzando i tasti Super+Alt+Freccia su nella panoramica delle attività si apre il lanciatore di applicazioni.

Avvio applicazioni in Fedora 34

Utilizzare i tasti PagSu e PagGiù o la rotella di scorrimento per spostarsi nell'elenco delle applicazioni. Ora scivolano dai lati, seguendo il tema orizzontale di GNOME 40.

Puoi trascinare e rilasciare le icone dell'applicazione per disporle secondo le tue preferenze. Puoi anche trascinare e rilasciare l'icona di un'applicazione su una delle anteprime dell'area di lavoro per avviarla su quell'area di lavoro.

Avvio applicazioni in Fedora 34 dopo aver trascinato un'icona in un'area di lavoro

Puoi anche trascinare le applicazioni da un'area di lavoro all'altra.

Ritocchi cosmetici

Con il tema predefinito, molti elementi hanno un nuovo aspetto con angoli arrotondati. La versione 40.1 del browser di file ha questi tocchi aggiunti.

Browser di file con angoli arrotondati

Queste piccole modifiche portano alla panoramica delle attività e ai lanciatori di applicazioni. Il pannello superiore scompare quando si accede a una di queste visualizzazioni, ma gli elementi del pannello superiore vengono ancora visualizzati. Ad esempio, l'opzione "Attività" è ospitata nella propria "isola" arrotondata.

Opzione attività con il pannello superiore rimosso

L'avvio di un'applicazione che non è bloccata sul dock aggiunge temporaneamente la sua icona al dock. Un separatore divide queste icone dalle icone appuntate.

Il dock con un separatore che divide le icone bloccate e sbloccate

Modifiche all'applicazione

Alcune delle applicazioni standard sono state aggiornate. Il completamento della scheda è stato aggiunto alla barra degli indirizzi del browser dei file.

Sei sempre stato in grado di fare clic con il pulsante destro del mouse sulle intestazioni delle colonne della visualizzazione dell'elenco dei file e selezionare le colonne da mostrare. Ora c'è una colonna chiamata "creato", che ti consente di ordinare i file in base alla data di creazione. Lo spostamento di un file in una posizione che ha già un file con quel nome, richiede di rinominare il file. L'estrazione automatica dei file ZIP ora può far fronte agli archivi protetti da password.

Quando cerchi un luogo nell'applicazione Mappe, viene visualizzato un pannello di informazioni estratte da Wikipedia.

Pannello informativo nell'applicazione Mappe

In Impostazioni, le opzioni Wi-Fi sono più chiare e la sorgente di input è stata spostata su "Tastiere" da "Regione e lingua".

È possibile definire un tasto "componi" che è possibile utilizzare con "composizioni di composizione" per digitare caratteri e simboli speciali.

Componi l'opzione chiave in Impostazioni e caratteri speciali

Il verdetto dopo una settimana

Nonostante anni di memoria muscolare, mi sono abituato molto rapidamente ai cambiamenti. Uso una trackball, quindi è facile eseguire movimenti ampi e veloci del mouse. Devi solo far girare la palla e lo slancio fa il resto. Inviare il mouse sfrecciando nell'angolo in alto per rivelare il dock non è molto diverso dall'inviarlo di corsa nel bordo sinistro dello schermo.

La differenza è il dock utilizzato per apparire dove hai spostato il cursore. Quindi il cursore era lì in attesa. Con GNOME 40, per usare il dock devi andare nell'angolo caldo e tornare fino in fondo allo schermo.

In parte a causa di quel lungo viaggio di andata e ritorno e in parte perché sono più orientato alla tastiera, premo il tasto Super più spesso di quanto visiti l'angolo caldo. Su un laptop, è meno problematico. Il gesto a tre dita verso l'alto sembra naturale. Lo uso già sui Chromebook, quindi è un'azione familiare.

GNOME 40 sta ricevendo molti respingimenti online, spesso da persone che non l'hanno usato e stanno giurando di boicottarlo. Dopo una settimana di utilizzo nel mondo reale, mi sento ragionevolmente sistemato. Mi aspetto che in un'altra settimana avrò smesso di notare così tanto le differenze.

Mi ha reso più produttivo? Non che l'abbia notato. Ma non mi ha nemmeno rallentato. GNOME 40 è la nuova normalità, quindi dagli un giusto schiocco di frusta e penso che rimarrai sorpreso dalla rapidità con cui ti adeguerai.

RELAZIONATO: 5 modi per provare e installare Ubuntu sul tuo computer

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui