Disney+ supera i 50 milioni di abbonati in soli 5 mesi

53

Ingrandisci / Peter Pascal nel ruolo di The Mandalorian su Disney+.

Questa settimana, la Disney ha annunciato una nuova pietra miliare per il suo servizio di streaming video Disney+: 50 milioni di abbonati a soli cinque mesi dal lancio iniziale del servizio.

Sembra che ci siano molti più abbonati rispetto al servizio Hulu della Disney, che alla fine dello scorso anno ha totalizzato poco più di 30 milioni e tre volte gli abbonati combinati per CBS All Access e Showtime a gennaio, sebbene nessuno di questi servizi sono disponibili in tanti paesi e regioni quanti sono Disney+. Potresti invece confrontare Disney+ con il più globale Netflix, che ha 167 milioni di abbonati.

Tuttavia, Netflix ha costruito quella base di abbonati per molti anni. La Disney ha raggiunto i 50 milioni in pochi mesi. A febbraio, la Disney ha registrato 29 milioni, quindi gli abbonati sono quasi raddoppiati in pochi mesi. Il servizio potrebbe aver ricevuto una spinta dagli utenti che in questo momento stanno consumando più intrattenimento domestico in mezzo agli ordini di rifugio sul posto, e ciò potrebbe suggerire che i numeri di cui sopra di alcuni mesi fa per CBS, Netflix e Hulu potrebbero essere notevolmente indietro rispetto a quelli attuali. figure.

La Disney ha recentemente rilasciato alcuni film che avrebbero dovuto essere distribuiti nelle sale su Disney+ invece come un modo per distribuirli mentre i cinema chiudevano in risposta alla pandemia di COVID-19.

Annuncio

Secondo Deadline, l’obiettivo della Disney è compreso tra 60 e 90 milioni di abbonati in tutto il mondo entro il 2024. Disney+ è stato inizialmente lanciato negli Stati Uniti, in Canada e nei Paesi Bassi. Ad oggi, è disponibile in tutti i seguenti paesi e territori:

  • Australia
  • Austria
  • Canada
  • Isole del Canale
  • Francia
  • Germania
  • India
  • Irlanda
  • Isola di Man
  • Italia
  • Olanda
  • Nuova Zelanda
  • Portorico
  • Spagna
  • Svizzera
  • Regno Unito
  • stati Uniti

Chiaramente, ci sono ancora molte regioni in cui Disney+ può espandersi, e poiché il servizio ha raggiunto 50 milioni di abbonati solo in quanto sopra, ora sembra possibile che impareremo presto che la stessa Disney ha sottovalutato il potenziale del servizio quando ha impostato quel 60 -a-90 milioni entro il 2024 obiettivo.

Tuttavia, dobbiamo notare che più concorrenza è all’orizzonte. NBC Universal pianifica un servizio di streaming chiamato Peacock e un altro importante conglomerato di contenuti (WarnerMedia) prevede di lanciare HBO Max il prossimo mese.

Mentre i primi successi dei servizi di streaming come Netflix e Hulu sembravano prima aggregatori di contenuti delle società che producevano e distribuivano tali contenuti in canali più tradizionali, il settore ora dimostra una chiara tendenza verso i proprietari di contenuti che si uniscono in conglomerati che gestiscono i propri servizi di streaming piuttosto che piuttosto che concedere in licenza detti contenuti a Netflix o simili. E a quel punto, Netflix ha visto quella scritta sul muro e si è orientata sempre più verso la creazione di contenuti per sostituire alla fine gli accordi di licenza e distribuzione.

L’apparente fine del gioco sembra prefigurarsi come qualcosa di non dissimile dal cavo tradizionale ma distribuito su IP e disaggregato, con molte meno pubblicità, hardware dedicato assente o decisamente diverso, contenuti live ridotti e minore enfasi finanziaria sui sussidi delle reti sportive.