Dopo anni passati a combatterlo, Nest lavorerà con SmartThings di Samsung

47

Google e Samsung vogliono lavorare insieme sulla compatibilità della casa intelligente. Le due società hanno rilasciato oggi comunicati stampa duellanti, affermando che i dispositivi Google Nest funzionerebbero meglio con Samsung SmartThings, ponendo fine a una guerra tra la comunità SmartThings e Nest / Google / Alphabet che dura da anni. Samsung afferma che "i dispositivi Google Nest, inclusi termostati, videocamere e campanelli, saranno certificati" Works With SmartThings "(WWST), consentendo agli utenti di controllare senza problemi le loro case intelligenti tramite SmartThings". Nest è stata a lungo l'azienda più insulare per la casa intelligente e ora sembra che i dispositivi Nest inizieranno finalmente a giocare bene con gli altri dispositivi domestici intelligenti.

Prima che Samsung lo acquistasse, SmartThings è nato come Kickstarter per un hub di casa intelligente. È stato progettato per essere un grande unificatore della tua casa intelligente e quel processo di pensiero sopravvive ancora per lo più fino ad oggi, anche sotto Samsung. Piuttosto che prendere una parte nella guerra degli standard per la casa intelligente (Zwave contro Zigbee), SmartThings ha appena inserito entrambe le radio, insieme al Wi-Fi, con l'obiettivo di lavorare con tutto.

Oltre a supportare tutte le radio, SmartThings è anche molto aperto dal punto di vista software. Samsung offre agli utenti un IDE in grado di eseguire codice personalizzato sull'hub stesso o nell'infrastruttura cloud SmartThings. Chiunque può scrivere una "SmartApp", un pacchetto che offre logica personalizzata e persino un'interfaccia utente personalizzata nell'app SmartThings, o un "gestore di dispositivi", che consente a chiunque di attivare il supporto per il nuovo hardware. Gli utenti possono caricare la dashboard Web di SmartThings e installare quello che vogliono e persino sincronizzare le loro installazioni con i repository GitHub per gli aggiornamenti. Puoi anche accedere ai tuoi dispositivi SmartThings al di fuori dei client SmartThings ufficiali tramite OAuth, portando a fantastiche interfacce di terze parti come la dashboard di ActionTiles.

Annuncio pubblicitario

SmartThings è molto aperto e con una vasta comunità, come produttore di dispositivi, devi davvero fare di tutto per impedire che la compatibilità di SmartThings accada. Quanto è potente l'ecosistema di sviluppatori SmartThings? Bene, il supporto Nest era già possibile in precedenza su SmartThings, grazie al duro lavoro della comunità SmartThings. L'app si chiamava NST Manager (una versione censurata del nome precedente, Nest Manager) e inseriva il termostato, la videocamera e i rilevatori di fumo Nest in SmartThings, consentendo il controllo centralizzato e il coordinamento con gli altri dispositivi domestici intelligenti.

Samsung immagina che controllerai il tuo termostato Nest dal tuo frigorifero Samsung. Non lo so, ma sarebbe utile avere tutto in un'unica app.

Samsung

Nest è stato l'esatto opposto di open rispetto a SmartThings. In quanto azienda fondata da ex dipendenti Apple, Nest non è mai stata particolarmente interessata alla compatibilità incrociata ed era più concentrata sulla costruzione di un giardino recintato. Nest ha creato l'ecosistema "Works with Nest", ma non è mai stata una soluzione completa per la casa intelligente e non ha mai portato a un utilizzo facile e aperto dell'hardware Nest. Se torniamo alla battaglia su NST Manager, Nest, anche sotto Google, interromperà NST Manager tutto il tempo, apparentemente di proposito. Sebbene l'ecosistema "Works with Nest" consentisse ad alcune aziende di registrarsi per l'integrazione con Nest, le regole per gli sviluppatori erano così restrittive che l'unica soluzione alternativa per ottenere dati dall'hardware Nest di NST Manager era che gli utenti si registrassero individualmente per diventare i propri sviluppatori Nest " , "nel senso che dovevano compilare un lungo modulo Web, selezionare l'autorizzazione giusta e generare un token, il tutto in modo da poter controllare a distanza l'hardware acquistato.

Google ha ucciso Works with Nest nel 2019, che alla fine ha ucciso NST Manager per sempre, insieme a molte altre amate app e integrazioni Nest. Ora, dopo anni di recitazione in questo modo, Google dice che vuole giocare bene. "Potrai accedere e controllare i tuoi dispositivi Nest, come videocamere, termostati e campanelli Nest con l'app SmartThings", afferma l'azienda. "E anche i dispositivi Samsung per la casa intelligente, come smart TV e frigoriferi". Quest'ultimo pezzo sembra che Google realizzerà anche un'app Tizen per dispositivi intelligenti Samsung.

Annuncio pubblicitario

Google, Apple, Amazon e Samsung hanno anche stretto una partnership per un futuro ecosistema di casa intelligente che un giorno, forse, sarà una cosa reale, chiamata CHIP.

In quanto utente dell'ecosistema Google e SmartThings, nell'annuncio mancano alcune cose che vorrei vedere. SmartThings supporta Nest e Google, ma non vedo nulla su Google che ricambia e supporta meglio SmartThings. Come mi sono lamentato nella recensione di Android 11 (che includeva un pannello di controllo per la casa intelligente alimentato da Google Assistant), il supporto per la casa intelligente di Google è esclusivo per i dispositivi che competono con i prodotti Nest. Google supporta il controllo delle luci compatibili con SmartThings (e, in realtà, ogni luce immaginabile), perché Nest non fa una lampadina o un interruttore, ma non funziona con le serrature, perché Nest crea una serratura (sia Google che Samsung sembrano essersi dimenticati della serratura Yale x Nest nell'annuncio di oggi). Lo smart display "Nest Hub" di Google può mostrare i feed della videocamera, ma solo i feed della videocamera Nest. L'esclusività Nest qui non sta facendo alcun favore a Google e un supporto hardware più aperto migliorerebbe davvero l'appeal del display intelligente Nest Hub.

Questo è sicuramente un allontanamento dal comportamento passato di Google, ma ultimamente l'azienda ha causato molti danni ai suoi utenti di casa intelligente. Killing Works with Nest ha rimosso molte funzionalità su cui gli utenti fanno affidamento (e acquistato hardware in giro), e la protesta è stata così forte che la società ha rilasciato scuse a metà cuore agli utenti (ma ha comunque interrotto il servizio). Google è anche in procinto di uccidere Nest Secure, il suo sistema di sicurezza domestica da $ 500, e ha già fatto saltare in aria l'ecosistema musicale principale per i suoi altoparlanti intelligenti e, dopo settimane di inattività, lo ha sostituito con un servizio inferiore. Poiché molti prodotti per la casa intelligente devono essere installati fisicamente nella tua casa, ci si aspetta che siano in servizio per un periodo di tempo molto più lungo rispetto alla maggior parte dei prodotti tecnologici e Google è stata molto pessima nel mantenere i servizi in esecuzione ultimamente. Forse questo contribuirà in piccolo a riabilitare la reputazione della casa intelligente di Google.