Dopo che Trump ha twittato il video di hacking della Defcon, gli esperti di sicurezza votanti chiamano BS

0
7

Getty Images

Mentre il presidente Trump continua a fare affermazioni infondate di frode elettorale diffusa, 59 dei massimi esperti mondiali di voto elettronico rispondono, affermando che le recenti accuse di hacking delle macchine per il voto "non sono state comprovate o sono tecnicamente incoerenti".

La lettera di lunedì è arrivata dopo quasi due settimane di affermazioni infondate e infondate da parte di Trump e di alcuni dei suoi sostenitori secondo cui le elezioni presidenziali di questo mese erano state "truccate" a favore del presidente eletto Joe Biden. Giovedì, Trump ha iniziato un nuovo giro di disinformazione quando è andato su Twitter per dire che i seggi elettorali realizzati da Dominion Voting hanno cancellato 2,7 milioni di voti Trump in tutto il paese.

Le vulnerabilità non sono exploit

Durante il fine settimana, Trump ha twittato un video della convention degli hacker Defcon dello scorso anno. Mostrava i partecipanti che partecipavano a un evento chiamato villaggio degli hacker della macchina per il voto. Gli organizzatori dell'evento lo hanno tenuto per sensibilizzare sull'importanza della sicurezza nel voto elettronico. Alcuni degli organizzatori dell'evento erano fuori di sé sul fatto che Trump stesse usando il video come insinuazione sul fatto che l'hacking delle macchine per il voto abbia giocato un ruolo nei risultati delle elezioni di questo mese, o in qualsiasi altra elezione, del resto.

"Chiunque asserisca che un'elezione negli Stati Uniti sia stata 'truccata' sta facendo un'affermazione straordinaria, che deve essere supportata da prove convincenti e verificabili", hanno scritto gli informatici. “Il solo fatto di citare l'esistenza di difetti tecnici non dimostra che sia avvenuto un attacco, tanto meno che abbia alterato l'esito delle elezioni. È semplicemente speculazione. "

La lettera continuava:

La presenza di debolezze di sicurezza nelle infrastrutture elettorali non ci dice di per sé che le elezioni siano state effettivamente compromesse. Le salvaguardie tecniche, fisiche e procedurali complicano il compito di sfruttare maliziosamente i sistemi elettorali, così come il monitoraggio dei probabili avversari da parte delle forze dell'ordine e della comunità dell'intelligence. Modificare un risultato elettorale implica qualcosa di più della semplice esistenza di una vulnerabilità tecnica.

Siamo consapevoli delle allarmanti affermazioni che le elezioni del 2020 sono state "truccate" sfruttando le vulnerabilità tecniche. Tuttavia, in ogni caso di cui siamo a conoscenza, queste affermazioni sono state infondate o sono tecnicamente incoerenti. A nostra conoscenza collettiva, non è stata fornita alcuna prova credibile che supporti la conclusione che il risultato delle elezioni del 2020 in qualsiasi stato sia stato alterato attraverso un compromesso tecnico.

La lettera di lunedì fa seguito all'emissione di un'altra dichiarazione fortemente formulata giovedì dal Consiglio di coordinamento del governo per le infrastrutture elettorali, che include funzionari della Cybersecurity & Infrastructure Security Agency del Department of Homeland Security, la Commissione per l'assistenza elettorale degli Stati Uniti e segretari di stato e direttori delle elezioni statali di vari stati.

Annuncio pubblicitario

"Le elezioni del 3 novembre sono state le più sicure nella storia americana", si legge nella dichiarazione congiunta. "In questo momento, in tutto il paese, i funzionari elettorali stanno rivedendo e ricontrollando l'intero processo elettorale prima di finalizzare il risultato".

La dichiarazione proseguiva dicendo: “Sebbene sappiamo che ci sono molte affermazioni infondate e opportunità di disinformazione sul processo delle nostre elezioni, possiamo assicurarti di avere la massima fiducia nella sicurezza e nell'integrità delle nostre elezioni, e dovresti farlo anche tu. "

Quel giorno, Reuters ha riferito che il direttore della Cybersecurity and Infrastructure Security Agency Christopher Krebs stava dicendo ai soci che si aspettava di essere licenziato. Citando persone anonime che hanno familiarità con la questione, il notiziario ha affermato che Krebs "ha attirato l'ira della Casa Bianca di Trump per i tentativi di sfatare la disinformazione" relativa alle recenti elezioni.

La lettera di lunedì mostra che anche gli informatici stanno ora lavorando per sfatare le teorie del complotto che rivendicano una diffusa frode degli elettori. Coloro che hanno firmato il documento includono Matt Blaze, un professore di informatica alla Georgetown University; Ronald Rivest, professore presso il Massachusetts Institute of Technology e R in RSA; Steven M. Bellovin, professore di informatica alla Columbia University; Joseph Lorenzo Hall, vicepresidente senior presso la Internet Society senza scopo di lucro; e J. Alex Halderman, professore di informatica e ingegneria all'Università del Michigan specializzato in sicurezza elettorale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui