Dopo i disordini, il produttore di iPhone afferma di “deplorare profondamente” lo sfruttamento dei lavoratori

0
57

Ingrandisci / La fabbrica di Wistron a Narsapura, India.

All'inizio di questo mese, i dipendenti di una fabbrica di iPhone Wistron in India, sono scoppiati in violente proteste che hanno causato fino a 7 milioni di dollari di danni. I dipendenti hanno detto che non venivano pagati quello che era stato promesso e hanno iniziato a distruggere il posto per rappresaglia. Apple ha detto che avrebbe indagato. Questo fine settimana, Apple è giunta a una conclusione preliminare. In una dichiarazione (disponibile per intero su HindustanTimes) Apple ha affermato di aver riscontrato "violazioni del nostro Codice di condotta per i fornitori" e che avrebbe messo Wistron in "libertà vigilata".

I risultati di Apple confermano le lamentele dei lavoratori, secondo le quali Wistron non stava pagando gli stipendi che aveva promesso quando assumeva i lavoratori. L'opinione di Apple sulla situazione diceva: "I nostri risultati preliminari indicano violazioni del nostro Codice di condotta per i fornitori a causa della mancata implementazione di processi di gestione dell'orario di lavoro adeguati. Ciò ha portato a ritardi nei pagamenti per alcuni lavoratori in ottobre e novembre".

L'azienda continua: "Abbiamo posto Wistron in libertà vigilata e non riceveranno alcuna nuova attività da Apple prima di aver completato le azioni correttive. I dipendenti Apple, insieme a revisori indipendenti, monitoreranno i loro progressi. Il nostro obiettivo principale è assicurarsi che tutti i lavoratori sono trattati con dignità e rispetto e sono pienamente risarciti prontamente ".

Annuncio pubblicitario

Dopo essere stato sorpreso a sfruttare i lavoratori, un portavoce della Wistron ha dichiarato al Wall Street Journal: "Siamo profondamente dispiaciuti di questo e ci scusiamo con tutti i nostri lavoratori". Il Journal riporta che la società ha "rimosso" il suo vicepresidente delle attività in India e ha istituito una hotline anonima per i reclami.

Karnataka: #Violence nello stabilimento di produzione di iPhone gestito da #Wistron Corp, con sede a Taiwan, a Narasapura (nel distretto di Kolar) vicino a #Bengaluru.

I dipendenti affermano di non essere stati pagati adeguatamente. pic.twitter.com/GKbeFeyRKc

– TOI Bengaluru (@TOIBengaluru) 12 dicembre 2020

L'India è il secondo mercato di smartphone al mondo dopo la Cina, ma la Cina è ancora sede della maggior parte dell'industria manifatturiera di telefoni, contribuendo a sostenere il deficit commerciale annuale dell'India di $ 40 miliardi (precedentemente $ 60 miliardi) con la Cina. Il governo indiano vuole usare questo potere di mercato per incoraggiare gli investimenti stranieri in India e ha incoraggiato la produzione locale promulgando pesanti dazi all'importazione e rendendo più difficile la sindacalizzazione dei lavoratori.

Un rapporto sul campo di Questa settimana in Asia fa sembrare che ci sia ancora molto lavoro da fare per i diritti dei lavoratori nello stabilimento di Wistron. Il sito riporta che i lavoratori dello stabilimento si rifiutano ancora di parlare ai media per timore di ripercussioni e cita il primo ministro del Karnataka, B.S. Yediyurappa, come ha detto: "Proteggere gli interessi degli investitori stranieri è molto importante per noi".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui