EC apre un’indagine antitrust su Apple Pay, l’App Store di Apple

347

Ingrandisci / App Store di Apple.

La Commissione Europea ha aperto due indagini antitrust formali sull’App Store di Apple e sul suo sistema di pagamento Apple Pay.

L’indagine sull’App Store arriva dopo un reclamo di Spotify nel marzo 2019 e un successivo reclamo da parte della società di e-reader Kobo su come Apple prende una commissione del 30% su ogni abbonamento registrato tramite il suo App Store nel primo anno, e poi un Taglio del 15 per cento.

Allo stesso tempo, le società si sono lamentate, Apple ha promosso i propri servizi di musica e libri. La Commissione europea sta anche esaminando se le regole dell’App Store reprimono la concorrenza nei giochi e nei servizi cloud, secondo persone con conoscenza diretta della situazione.

Si stima che le commissioni globali dell’App Store di Apple generino più di 1 miliardo di dollari per l’azienda ogni mese. Apple ha dichiarato a gennaio che la spesa dei consumatori per l’App Store ha raggiunto un nuovo record giornaliero di 386 milioni di dollari il 1 gennaio, generando probabilmente da 50 a 100 milioni di dollari per la stessa Apple.

L’UE ha affermato che, a seguito di un’indagine preliminare, “la commissione teme che le restrizioni di Apple possano distorcere la concorrenza per i servizi di streaming musicale sui dispositivi Apple”.

Ha aggiunto che costringendo le aziende a vendere ai clienti tramite il sistema di pagamento in-app di Apple, Apple sembrava avere “il pieno controllo delle relazioni con i clienti dei suoi concorrenti”.

La commissione ha affermato che Apple sembrava isolare i suoi rivali dai dati sui loro clienti ed è stata in grado di ottenere “dati preziosi sulle attività e sulle offerte dei suoi concorrenti”.

“Apple stabilisce le regole per la distribuzione delle app agli utenti di iPhone e iPad. Sembra che Apple abbia ottenuto un ruolo di “gatekeeper” quando si tratta della distribuzione di app e contenuti agli utenti dei dispositivi Apple più diffusi”, ha affermato Margrethe Vestager, responsabile della concorrenza dell’UE.

L’UE potrebbe teoricamente imporre una sanzione massima del 10% delle entrate globali di Apple per la violazione delle regole di concorrenza, ma i rivali hanno suggerito di essere più interessati ad altri rimedi.

“È stato dimostrato in altre multe contro Google, ad esempio, che queste sono semplicemente il costo di fare affari e non hanno un impatto significativo nel cambiamento delle pratiche commerciali a lungo termine. Le multe non sono nell’interesse dei rivali o dei consumatori di Apple”, ha affermato un consigliere di un rivale di Apple.

Annuncio

Nell’UE, gli utenti dell’App Store hanno speso 3,4 miliardi di dollari nel 2019, o 4,8 miliardi di dollari incluso il Regno Unito, secondo i dati di Sensor Tower. I ricavi digitali di Apple nella regione sono molto indietro rispetto a Cina, Stati Uniti e Giappone, che hanno registrato rispettivamente $ 16,4 miliardi, $ 15,4 miliardi e $ 10,2 miliardi di vendite.

Separatamente, l’UE sta avviando un’indagine su Apple Pay e se questo mina la concorrenza limitando l’accesso alle comunicazioni near-field per i pagamenti contactless nei negozi.

La signora Vestager ha aggiunto: “Sembra che Apple stabilisca le condizioni su come Apple Pay dovrebbe essere utilizzato nelle app e nei siti Web dei commercianti. Riserva anche la funzionalità “tocca e vai” degli iPhone ad Apple Pay.

“È importante che le misure di Apple non neghino ai consumatori i vantaggi delle nuove tecnologie di pagamento, tra cui una migliore scelta, qualità, innovazione e prezzi competitivi”.

Apple ha affermato che la società ha seguito la legge e ha abbracciato la concorrenza. Ha aggiunto: “È deludente che la Commissione europea avanzi denunce infondate da parte di una manciata di aziende che vogliono semplicemente una corsa gratuita e non vogliono giocare secondo le stesse regole di tutti gli altri”.

In passato, l’azienda ha difeso le sue tariffe affermando che le sue attività sono libere di non vendere tramite App Store ma che la piattaforma consente l’accesso a miliardi di utenti.

Le app che pagano la commissione del 30% possono vendere direttamente ai consumatori e addebitare in anticipo i download.

Il forte slancio nel settore dei servizi di Apple è diventato sempre più importante per l’azienda negli ultimi anni, soprattutto a causa delle fluttuazioni delle vendite di iPhone. Con circa il 18% delle vendite annuali di Apple, i servizi sono la seconda fonte di reddito dopo l’iPhone.

I ricavi complessivi dei servizi sono cresciuti del 16% lo scorso anno a 46,3 miliardi di dollari, comprese le commissioni dell’App Store, i propri servizi di musica e video, iCloud e le garanzie estese di AppleCare.

Oltre a crescere più rapidamente della maggior parte dei suoi prodotti hardware, questi servizi sono molto più redditizi, con margini lordi in aumento dal 55% nel 2017 al 64% lo scorso anno, per un totale di 29,5 miliardi di dollari, rispetto al 32% dei dispositivi.

Gli analisti di Morgan Stanley hanno stimato in una nota di ricerca di questo mese che i ricavi netti dell’App Store hanno costantemente superato $ 1 miliardo al mese negli ultimi anni, raggiungendo probabilmente $ 5,2 miliardi per il trimestre terminato a giugno.

Prevedono che la crescita dell’App Store avrà accelerato durante il blocco del coronavirus, poiché i consumatori spendono di più per l’intrattenimento digitale mentre sono bloccati a casa. Apple terrà il suo evento annuale per gli sviluppatori di app la prossima settimana, con il keynote online di lunedì che dovrebbe mostrare miglioramenti a iOS e ai nuovi computer Mac.

Apple è stata sottoposta a un attento esame a Bruxelles nelle ultime settimane. Il mese scorso, il produttore di app di monitoraggio Tile ha affermato in una lettera inviata alla commissione che Apple stava abusando del proprio potere per favorire ingiustamente uno dei propri prodotti.

© 2020 The Financial Times Ltd. Tutti i diritti riservati. Non essere ridistribuito, copiato o modificato in alcun modo.